Google+

Natale in Centrafrica: «Senza Dio non c’è salvezza»

dicembre 23, 2015 Benedetta Frigerio

Dopo la visita del Papa, il racconto di un paese martoriato dal conflitto e dalla povertà. Ma dove c’è chi non teme di morire per celebrare Cristo

centrafrica-padre-fagba

«Questo Natale sarà uguale ma finalmente diverso». Dopo tre anni di guerra civile tra cristiani e ribelli musulmani per la prima volta «la popolazione del Centrafrica intravede una via d’uscita reale». A raccontare a tempi.it l’Avvento vissuto da una popolazione martoriata è un giovane sacerdote: don Tanguy Herman Pounekrozou.

«NON GRAZIE ALL’ONU». «Dopo la visita del Papa dello scorso ottobre ci è stato chiaro che la pace può venire solo dal cambiamento dei cuori della nostra popolazione, non sarà l’Onu a salvarci». E in effetti così avevano sperato i cittadini della Repubblica di Centrafrica, per poi accorgersi che «non hanno mai raggiunto gli obiettivi stabiliti». Se, infatti, le truppe delle Nazioni Unite e quelle francesi «hanno dato al paese un minimo di stabilità, sono anche state denunciate per abusi sulla popolazione». Non solo: «sebbene abbiano il chiaro mandato di disarmo e quello di opporsi con la forza ai ribelli non l’hanno mai adempiuto. Il primo obiettivo è stato attuato solo per il 40 per cento, mentre le violenze continuano e restano impunite dall’esercito che non combatte». Persino gli aiuti internazionali sono stati un’illusione: «Non è il benessere a portare la pace, oltretutto questi aiuti servono solo ad arricchire i potenti che così si accontentano dello status quo senza contribuire in alcun modo allo sviluppo del paese».

SENZA PAURA. Il viaggio del Pontefice e «la decisione di fare visita alla moschea, dove ci ha ricordato che qui i cristiani e i musulmani hanno sempre vissuto come fratelli, spingendoci a perdonarci, ci ha mostrato la via che siamo chiamati a intraprendere per riportare la pace in Centrafrica». Inoltre, il fatto che subito dopo la visita papale sia cominciato l’Avvento «è un grande aiuto a non dimenticare», continua Pounekrozou, spiegando che «il nostro popolo attende con fervore la venuta di Gesù, con celebrazioni, ritiri, veglie di preghiera». E anche quest’anno la gioia è tale che «sì, parteciperanno tutti alla Messa del 25 nonostante i rischi di attacchi e attentati».
Il sacerdote descrive la fede del suo popolo ricordando quella di sua madre, che «l’anno scorso si recò a una veglia di preghiera nonostante il pericolo e il coprifuoco. Mi arrabbiai, ma lei di più, rispondendomi: “Se il Signore è con noi cosa dobbiamo temere? Dobbiamo portare sostegno spirituale a chi ne ha più bisogno”».

FINO AL MARTIRIO. Pounekrozou ha perso un amico prete, ucciso non ancora quarantenne: «Era la Pasqua del 2014 e per i sacerdoti era rischioso celebrare la Messa, ma lui disse: “Gesù è morto e risorto. Posso io non andare a celebrarlo con la mia comunità?”. Ecco, mi ha testimoniato il Vangelo con il sangue. Lui, come mia madre, mi ha mostrato la vera fede, che altrove è spesso vissuta come un’aggiunta o un fardello, mentre in Centrafrica è chiaro che senza Dio non c’è salvezza». Nessun pericolo è in grado di impedire a questi cristiani logorati dalla guerra di celebrare il Natale. Anzi, «aspettiamo Gesù, principe della pace, nella povertà e nell’umiltà, le due condizioni necessarie per far posto a Dio, che per incarnarsi scelse una stalla di Betlemme».


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download