Google+

Nasa: satellite Uars forse caduto in Canada. Nessun frammento in Italia

settembre 24, 2011 Redazione

Si temeva che alcuni frammenti del satellite cadente potessero finire sul nord dell’Italia e invece il pericolo è rientrato. La Nasa fa sapere che, se il satellite Uars è caduto sulla Terra, probabilmente è atterrato sul Canada

Nel corso dell’ultimo aggiornamento del Comitato Operativo, il Comitato tecnico scientifico ha escluso la possibilità che uno o più frammenti del satellite UARS cadano sul territorio italiano. Di conseguenza, spiega una nota, il Capo Dipartimento della Protezione civile, Commissario delegato con l’accordo unanime di tutti i componenti del Comitato Operativo e dei Centri di coordinamento delle Regioni interessate, alle ore 3.40, dopo l’ultimo sorvolo del nostro Paese, ha dichiarato concluse le attività del Comitato stesso.

Sulla base delle ultime informazioni disponibili, il Comitato tecnico scientifico, ha comunicato che la previsione di rientro del satellite UARS era centrata intorno alle 6.40 (ora italiana) di sabato 24 settembre, con una finestra di incertezza che si apre alle 4.40 e si chiude alle 8.30. Considerato che l’intervallo orario di interesse per l’Italia era compreso tra le 3.34 e le 4.12, è da escludere la possibilità che uno o più frammenti del satellite cadano sul territorio del nostro Paese.

La Nasa non esclude che alcuni frammenti del satelite Uars siano precipitati in Canada. “Se i frammenti sono caduti sulla terra (e questo costituisce ancora un grande interrogativo) il Canada potrebbe essere la località più probabile” indica un messaggio su Twitter della agenzia spaziale americana. Poco prima tre messaggi sul social network ipotizzavano che Uars fosse precipitato sulla cittadina di Okotoks, a sud di Calgary.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi