Google+

Napoli manifesta contro De Magistris che parla di infiltrati della camorra. «Ha le prove?»

aprile 10, 2013 Chiara Rizzo

La risposta di Cittadinanza attiva alle accuse del primo cittadino: «Faccia una denuncia in Procura. Altrimenti lo denunciamo noi, come si permette?»

Sono finiti i tempi della rivoluzione arancione. Per la seconda volta in meno di una settimana, Napoli scende in piazza e mostra i muscoli al sindaco Luigi De Magistris: «Vatenne», vattene, è la parola più gettonata della giornata di oggi.
È stata attuata la serrata dei negozi del centro proclamata dalla Confcommercio, per protestare contro i piani di viabilità voluti dal sindaco per l’America’s cup che di fatto hanno però diviso in due la città (con una parte bloccata dalla Ztl). Oltre alla serrata, ci sono stati momenti di tensione quando un corteo si è avvicinato a piazza municipio, e sono stati lanciati dalla folla alcuni fumogeni. Pietro Russo, presidente di Confcommercio ha spiegato che l’associazione si dissocia «da qualsiasi provocazione e atto violento avvenuto a Piazza Municipio. La nostra era una manifestazione pacifica, che si era regolarmente conclusa con la consegna delle chiavi degli esercizi commerciali di fronte Palazzo San Giacomo».
Il sindaco, invece, che in piazza non si è fatto vedere, alla stampa ha parlato di «infiltrazioni di delinquenza comune e camorra all’interno della manifestazione». Parole che suscitano rabbia nel comitato Cittadinanza attiva in difesa di Napoli, come racconta a tempi.it il presidente Lucio Mauro.

De Magistris dice che la camorra si è infiltrata tra di voi. Come risponde?
Se di questa accusa ha le prove faccia una denuncia alla Procura della repubblica, altrimenti stia attento a non commettere reati lui, come procurato allarme o diffamazione. È un magistrato e dovrebbe saperlo: bisogna essere certi per fare accuse del genere. È anche il primo cittadino e, di nuovo, dovrebbe essere certo di ciò che dice, e dire cosa ha visto di preciso o chi: altrimenti, come si permette? Chi si crede di essere?

Cos’è successo alla manifestazione di oggi?
Non è successo nulla di preoccupante, ma purtroppo alcuni cretini hanno lanciato dei petardi stamattina in piazza municipio. Eravamo in cinquemila persone, e non possiamo perquisirle tutte prima, è un fatto imprevedibile se tra manifestanti perbene ci sono anche degli stupidi. Ovviamente sentendo i petardi, le persone si sono allontanate un po’ spaventate. Io mi trovavo a piazza del Municipio perché il mio ufficio è qui. È inesatto dire che c’è stata una fuga, e non è nemmeno vero che i poliziotti hanno caricato. Hanno solo allontanato la gente. Non ho condiviso la scelta successiva di organizzare un corteo spontaneo non autorizzato (a cui il movimento Cittadinanza attiva in difesa di Napoli non ha partecipato), lungo via Partenope e fino a Piazza Vittoria, dove si stanno montando gli stand del village per l’America’s cup. Lì c’è stato un altro momento di tensione perché c’è stato uno schieramento di forze a mio avviso eccessivo, nemmeno fossimo davanti a dei black bloc. In mezzo al corteo c’erano donne e ragazzi, non delinquenti. Ripeto che non condivido questa manifestazione, ma si poteva avere più pazienza.

Dalle foto sembrerebbe di vedere invece degli scontri. È sicuro?
No, gli scontri sono ben altra cosa. Qui non c’è stato uno scontro tra persone e polizia, c’è stato il tentativo delle forze dell’ordine di bloccare l’accesso alla piazza perché non arrivassero al municipio e poi perché non si arrivasse agli stand. Smentisco tutto il resto.

E De Magistris, si è fatto vedere?
No, macché, figurarsi. L’unica cosa che ha detto è stata la frase sulla camorra. Questo davanti ad una manifestazione organizzata da Confcommercio, che ha deciso la serrata dei negozi, e quando in effetti da Posillipo a piazza Dante il 90 per cento degli esercizi oggi è rimasto chiuso. Cinquemila persone in piazza è un fatto straordinario per Napoli, non si può far finta di non vederle.

Si dimetterà?
Lo escludo. Però un ragionamento lo deve fare: a marzo eravamo 500. Ora il disagio è cresciuto di dieci volte, nel giro di venti giorni. La gente sta capendo che scendere in piazza è l’unico modo per scuotere quest’uomo che non segue altri che se stesso.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana