Google+

Myanmar. Aung San Suu Kyi, vincere non basta

novembre 9, 2015 Leone Grotti

La Costituzione del paese, retto per 40 anni da una dittatura militare, favorisce ancora l’esercito: ecco perché il premio Nobel deve stravincere

Si fa presto a dire democrazia e «vittoria schiacciante». In Myanmar non è così semplice. Molti hanno definito le elezioni dell’8 novembre «libere e democratiche» e anche se lo scenario non è così roseo (a 4 milioni di persone non è stato concesso di recarsi alle urne), il voto è andato anche troppo bene se si pensa che il paese del Sud-est asiatico arriva da oltre 20 anni di dittatura militare.

VINCERE NON BASTA. La Lega nazionale per la democrazia (Lnd), guidata dal premio Nobel 70enne Aung San Suu Kyi, ha sicuramente vinto ma per avere la maggioranza in Parlamento vincere non basta. Bisogna stravincere. Nel 2010 infatti l’allora generale e primo ministro Thein Sein si è dimesso dall’esercito ed è stato “eletto” presidente l’anno successivo, il primo a ricoprire tale carica in veste non miliare in 49 anni dopo lo scioglimento della giunta militare del generalissimo Than Shwe. Nel 2012 ha fatto approvare una nuova Costituzione che riserva molto potere ai militari, i quali non intendono ancora cedere il potere definitivamente.

VOTI E MINISTRI. In base alla nuova Carta, il 25 per cento dei seggi in Parlamento è riservato di diritto ai militari. Per avere la maggioranza, dunque, Suu Kyi deve ottenere almeno il 67 per cento dei voti. Al partito di Unione, solidarietà e sviluppo, guidato da Thein Sein, basta invece il 30 per cento. Anche se Lnd ottenesse una maggioranza schiacciante, il governo sarebbe comunque condizionato: il ministro della Difesa, infatti, deve essere un militare e l’esercito può decidere il budget da mettergli a disposizione.

LEGGE ANTI-SUU KYI. Anche per quanto riguarda la prima carica del paese ci sono ostacoli sulla via di un processo davvero democratico. Suu Kyi non potrà in alcun caso diventare presidente in base alla norma costituzionale che vieta di accedere alla carica ai candidati con figli che «devono obbedienza a una potenza straniera». L’articolo 59 è stato scritto appositamente per il premio Nobel, che è sposata a un inglese, dal quale ha avuto due figli. La vincitrice delle elezioni del 1990 – per questo arrestata e imprigionata da allora fino al 2011 – non potrà dunque essere eletta presidente in ogni caso. Potrebbe cambiare la Costituzione ma questo non può essere fatto senza il consenso dell’esercito, visto che servono i voti del 75 per cento dei parlamentari, con i militari che detengono il 25 per cento dei seggi.

DALLA DITTATURA ALLA DEMOCRAZIA. Una volta eletta l’assemblea legislativa, le due Camere e i militari potranno esprimere un candidato. Il processo non comincerà prima di febbraio o marzo dell’anno prossimo. Uno dei tre verrà eletto presidente, mentre gli altri due diventeranno vice-presidenti. Suu Kyi ha promesso che, chiunque verrà nominato, sarà comunque lei a governare. La Costituzione non prevede niente dal genere ed è su questo punto che potrà davvero essere valutato lo stato di avanzamento della transizione del Myanmar dalla dittatura alla democrazia.

Foto Ansa/Ap


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana