Google+

«Nel mercato globale se non investi e cresci, sparisci. In Italia c’è una visione “anni Settanta” dell’imprenditoria»

febbraio 19, 2014 Matteo Rigamonti

«Il contesto è tutto per chi vuole fare impresa. Anche in Italia, dove si è persa l’attenzione necessaria a costruirne uno favorevole». Parola di Francesco Mutti, ad dell’omonima azienda

Francesco-Mutti-pomodoroI costi del non fare tagliano le gambe alle imprese. E la prima ragione per cui in Italia non calano le tasse e non cambia mai nulla a favore delle imprese è perché manca la volontà di farlo. È di questo parere Francesco Mutti, amministratore delegato dell’omonima azienda di famiglia, che da oltre un secolo produce conserve alimentari, soprattutto polpe, passate, concentrati e sughi di pomodoro. Un’azienda sana, con un fatturato pari a 120 milioni di euro, di cui solo 37 realizzati grazie all’export, e in crescita da dieci anni consecutivi. Un’azienda le cui quote di mercato in Italia sono pari al 33 per cento per la polpa, al 52 per cento per il concentrato e al 19 per cento per la passata di pomodoro. Mutti, oltretutto, ha già realizzato investimenti tecnici per oltre 20 milioni di euro e ha assunto negli ultimi tre anni, facendo crescere gli occupati a tempo indeterminato del 20 per cento e gli impiegati stagionali durante il periodo della raccolta dei pomodori del 40 per cento.

Detta così, sembrerebbe che il pomodoro non conosca la crisi. Com’è possibile?
Certamente le performance rilevanti degli ultimi dieci anni ci hanno permesso di crescere molto rapidamente e il nostro legame con il consumatore si è via via rafforzato. Ma non è sempre stato così facile come erroneamente si potrebbe credere: oggi raccogliamo i frutti di quanto finora abbiamo seminato. In particolare, quelli della scelta di aver investito su un prodotto di qualità in un’ottica di lungo periodo e di non aver difeso, invece, come pure avremmo potuto fare, posizioni già acquisite e quote di mercato, andando al risparmio e rosicchiando sui centesimi, secondo una logica che, però, avrebbe inevitabilmente avuto un orizzonte assai più breve.

Perché non è stato così semplice?
Il contesto in cui operiamo non è semplice e il contesto è ovunque condizione fondamentale, direi assoluta, per chi vuole fare impresa. Anche in Italia. In uno scenario globale, infatti, diventa importantissimo investire per migliorarsi, perché o si cresce oppure si è condannati a sparire sotto i colpi della concorrenza.

raccolta pomodoriCosa non funziona in Italia?
Cuneo fiscale
e costo dell’energia a parte, che comunque rappresentano un limite oggettivo per chiunque voglia investire in Italia, si è persa nel corso degli anni quell’attenzione necessaria a costruire le condizioni adatte a fare impresa. E si è venuta a creare così una situazione generalizzata di complessità ormai difficile da risolvere. Ciò, forse, è l’esito di una visione un po’ “anni Settanta” del mondo dell’imprenditoria che non corrisponde più alla realtà. L’impresa, da noi, purtroppo, non è più vista come un patrimonio per la società, come il motore dello sviluppo.

Da dove ripartire?
Basterebbe eliminare qualcuno dei molteplici ostacoli di cui, fino a quando l’economia cresceva, non si avvertiva il peso, almeno non come ora. Per esempio, in Italia un’impresa è tenuta ad anticipare al fisco, un anno prima, il 98 per cento delle tasse e non è giusto, va cambiato. Oppure si potrebbe, come da anni un po’ tutti vanno ripetendo, eliminare le agevolazioni e gli aiuti dello Stato per impiegare le risorse nell’abbattimento sensibile del cuneo fiscale. Oppure ancora adottare una seria politica energetica volta a ridurre finalmente i costi di produzione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

A Milano settembre è il mese più bello. Anche per pedalare. Il 17 mattina l’hanno pensato in tanti, circa 1.800, schierati alla partenza della prima edizione della GF Milano. Dopo una notte di pioggia, infatti, lo sguardo poteva abbracciare verso nord il profilo innevato delle montagne, nella direzione che avrebbe preso la corsa. Due le […]

L'articolo GF Milano, in gara dalla città al cuore della Brianza proviene da RED Live.

Le righe, si sa, rubano la scena a qualsiasi altro indumento del guardaroba e non tutti se le possono permettere. Ciò che ha fatto Rapha con questa fantasia, protagonista della nuova collezione Cross, è stato scegliere un accostamento di tonalità elegante e, soprattutto, ispirato all’abbigliamento indossato da Jeremy Powers (Rapha-Focus Team) alla conquista del titolo di campione nazionale […]

L'articolo Rapha presenta la nuova collezione Cross proviene da RED Live.

F1 2017 è un generatore virtuale di adrenalina. Un racing game emozionante e coinvolgente, completamente personalizzabile in base alle proprie esigenze. Il nuovo gioco di Codemasters affina la buona ricetta del 2016 e (ri)propone un solidissimo “simcade”, ovvero un efficace ibrido tra simulazione impietosa e arcade permissivo, immediato e profondo. Il risultato? Senza controllo di trazione […]

L'articolo F1 2017 è pura adrenalina virtuale proviene da RED Live.

Con il nuovo Peugeot Belville, la Casa del Leone s’inserisce in uno dei mercati più floridi in assoluto: quello degli scooter piccoli a ruota alta. È disponibile in due cilindrate (125 e 200) con prezzi a partire da 2.950 euro

L'articolo Prova Peugeot Belville proviene da RED Live.

Che Kia sia un’azienda coreana Doc è assodato ma è altresì vero che il suo quartier generale europeo si trova ad appena 500 metri dall’entrata del Salone di Francoforte. E’ quindi normale che Kia viva la kermesse tedesca in modo speciale, come la fiera di casa, quella in cui sfruttare il fattore campo favorevole per […]

L'articolo Kia Proceed Concept: il futuro passa da qui proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana