Google+

«Nel mercato globale se non investi e cresci, sparisci. In Italia c’è una visione “anni Settanta” dell’imprenditoria»

febbraio 19, 2014 Matteo Rigamonti

«Il contesto è tutto per chi vuole fare impresa. Anche in Italia, dove si è persa l’attenzione necessaria a costruirne uno favorevole». Parola di Francesco Mutti, ad dell’omonima azienda

Francesco-Mutti-pomodoroI costi del non fare tagliano le gambe alle imprese. E la prima ragione per cui in Italia non calano le tasse e non cambia mai nulla a favore delle imprese è perché manca la volontà di farlo. È di questo parere Francesco Mutti, amministratore delegato dell’omonima azienda di famiglia, che da oltre un secolo produce conserve alimentari, soprattutto polpe, passate, concentrati e sughi di pomodoro. Un’azienda sana, con un fatturato pari a 120 milioni di euro, di cui solo 37 realizzati grazie all’export, e in crescita da dieci anni consecutivi. Un’azienda le cui quote di mercato in Italia sono pari al 33 per cento per la polpa, al 52 per cento per il concentrato e al 19 per cento per la passata di pomodoro. Mutti, oltretutto, ha già realizzato investimenti tecnici per oltre 20 milioni di euro e ha assunto negli ultimi tre anni, facendo crescere gli occupati a tempo indeterminato del 20 per cento e gli impiegati stagionali durante il periodo della raccolta dei pomodori del 40 per cento.

Detta così, sembrerebbe che il pomodoro non conosca la crisi. Com’è possibile?
Certamente le performance rilevanti degli ultimi dieci anni ci hanno permesso di crescere molto rapidamente e il nostro legame con il consumatore si è via via rafforzato. Ma non è sempre stato così facile come erroneamente si potrebbe credere: oggi raccogliamo i frutti di quanto finora abbiamo seminato. In particolare, quelli della scelta di aver investito su un prodotto di qualità in un’ottica di lungo periodo e di non aver difeso, invece, come pure avremmo potuto fare, posizioni già acquisite e quote di mercato, andando al risparmio e rosicchiando sui centesimi, secondo una logica che, però, avrebbe inevitabilmente avuto un orizzonte assai più breve.

Perché non è stato così semplice?
Il contesto in cui operiamo non è semplice e il contesto è ovunque condizione fondamentale, direi assoluta, per chi vuole fare impresa. Anche in Italia. In uno scenario globale, infatti, diventa importantissimo investire per migliorarsi, perché o si cresce oppure si è condannati a sparire sotto i colpi della concorrenza.

raccolta pomodoriCosa non funziona in Italia?
Cuneo fiscale
e costo dell’energia a parte, che comunque rappresentano un limite oggettivo per chiunque voglia investire in Italia, si è persa nel corso degli anni quell’attenzione necessaria a costruire le condizioni adatte a fare impresa. E si è venuta a creare così una situazione generalizzata di complessità ormai difficile da risolvere. Ciò, forse, è l’esito di una visione un po’ “anni Settanta” del mondo dell’imprenditoria che non corrisponde più alla realtà. L’impresa, da noi, purtroppo, non è più vista come un patrimonio per la società, come il motore dello sviluppo.

Da dove ripartire?
Basterebbe eliminare qualcuno dei molteplici ostacoli di cui, fino a quando l’economia cresceva, non si avvertiva il peso, almeno non come ora. Per esempio, in Italia un’impresa è tenuta ad anticipare al fisco, un anno prima, il 98 per cento delle tasse e non è giusto, va cambiato. Oppure si potrebbe, come da anni un po’ tutti vanno ripetendo, eliminare le agevolazioni e gli aiuti dello Stato per impiegare le risorse nell’abbattimento sensibile del cuneo fiscale. Oppure ancora adottare una seria politica energetica volta a ridurre finalmente i costi di produzione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Botte piena e moglie ubriaca? I moderni pneumatici Sport Touring puntano a darvi di tutto un po’. Durata, comportamento sul bagnato, e guida “spigliata” sono i punti chiavi su cui Michelin ha lavorato per il nuovo Road 5. Saranno riusciti nell’intento? Siamo andati in Spagna per verificarlo

L'articolo Prova Michelin Road 5 Sport Touring per vocazione proviene da RED Live.

Tutta nuova, la berlina del Leone graffia molto di più rispetto al passato. Perché è più corta e bassa, ha un design dinamico e la solita attenzione al look by Peugeot. La toccheremo con mano al prossimo Salone di Ginevra

L'articolo Nuova Peugeot 508, la berlina si fa bella proviene da RED Live.

Basata sulla piattaforma EMP2, ha due lunghezze, un bagagliaio smisurato e interni da berlina di lusso. Per elevare verso nuovi orizzonti il concetto di veicolo Multispazio

L'articolo Peugeot Rifter, la nuova multispazio a Ginevra proviene da RED Live.

Una storia, quella delle Sportster, nata nel 1957 e destinata a continuare senza sosta e senza eclatanti sorprese. Anche quest’anno infatti la famiglia si allarga e lo fa grazie a due nuove interpretazioni che combinano lo stile rétro ispirato ai canoni classici del mondo custom e le prestazioni pungenti del motore V-Twin 1200 Evolution.  IRON […]

L'articolo Nuove H-D Sportster Forty-Eight Special e Iron 1200 proviene da RED Live.

In attesa di vederla sulle strade a fine anno, la city car approda a Milano in occasione Fashion Week, con livrea e interni a cura del direttore creativo della Maison Moschino

L'articolo Renault Clio in salsa pop proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi