Google+

Multinazionali alla conquista del mondo

settembre 8, 1999 Tempi

Il grafico della settimana

“Ma quanto sono grosse queste multinazionali?”. Tante volte, sentendo citare il nome della General Motors o della Toyota, della Nestlé o della Coca Cola, di una o l’altra delle grandi imprese che hanno sedi operative e filiali in tutto il mondo e presentano tutti gli anni fatturati e dividendi a nove zeri, vi sarete posti la domanda di cui sopra. Un modo per farsi un’idea della taglia di questi giganti imprenditoriali c’è, per quanto un po’ approssimativo: si può provare a raffrontare il fatturato delle corporation -singolarmente o sommando più unità- col prodotto interno lordo (pil) degli Stati nazionali o di determinate regioni del mondo. Il raffronto è ancora più interessante se si paragonano pure il numero degli addetti delle multinazionali e quello degli abitanti dei vari paesi. Si scopre infatti che il giro di affari di aziende che danno lavoro a qualche centinaio di migliaio di dipendenti è superiore all’intero pil di paesi abitati da centinaia di milioni di persone. Ciò è facilmente riscontrabile nel confronto fra corporation e paesi del cosiddetto terzo mondo, ma anche il paragone con paesi ricchi riserva sorprese.

Le due tabelle che proponiamo in questa pagina elencano le 10 multinazionali più grandi del mondo e i dieci paesi più popolosi del terzo mondo. Il contrasto non potrebbe essere più netto: come si può vedere, con 161 miliardi di dollari la General Motors realizza da sola un fatturato che è quasi il triplo del pil di un paese di 134 milioni di abitanti come il Pakistan, il quadruplo di uno da 122 milioni come il Bangladesh e il quintuplo di uno da 115 milioni come la Nigeria. Ma è anche superiore al pil di paesi dell’Unione Europea come Grecia (122 miliardi), Portogallo (109) e Finlandia (127). Se si sommano i fatturati delle quattro corporation fra il quinto e l’ottavo posto (le giapponesi Mitsui, Itochu e Mitsubishi e l’americana Exxon), si vede che quattro aziende che occupano poco più di 150 mila dipendenti superano nettamente non solo il pil dell’India (357,4 miliardi di dollari), che ha 1 miliardo di abitanti, e dell’intera Africa sub-sahariana (311 miliardi di dollari), ma anche quello della Russia (394,9 miliardi).

La prima multinazionale italiana in classifica è, ovviamente, la FIAT, 34ma con un fatturato annuo di quasi 51 miliardi di dollari. Si tratta di una cifra superiore al pil di paesi popolosi e/o grandi produttori di materie prime come Bangladesh (44,1), Algeria (43,9) e Nigeria (33,4), o addirittura pari a sette volte il pil dell’Etiopia, che con 60 milioni di abitanti raggiunge appena 6,5 miliardi di dollari di prodotto interno lordo. Ancora più suggestivo il confronto con paesi europei: il fatturato della Fiat è quasi uguale al pil di un paese europeo di 51 milioni di abitanti come l’Ucraina (52,6) e quasi doppio di quello di un paese di 23 milioni di abitanti come la Romania (31,8 miliardi).

Se raffrontiamo le aree geografiche, i responsi non sono meno significativi: le prime 500 corporation del mondo (185 delle quali sono statunitensi e 100 giapponesi) realizzano un fatturato totale di 11.463 miliardi di dollari. E’ una cifra pari a più del doppio del pil totale dei paesi a medio reddito, dove vivono 2 miliardi e 900 milioni di persone che nel 1997 hanno prodotto una ricchezza pari a 5.400 miliardi di dollari. Per non parlare dei paesi a basso reddito: lì vivono 2 miliardi di persone che producono appena 712 miliardi di dollari annui di pil: 17 volte di meno delle 500 multinazionali! Ma anche i paesi ricchi devono fare i conti con questi giganti imprenditoriali: il pil dell’Europa dell’euro, pari a 6.815 miliardi di dollari, è solo poco più della metà della cifra di affari delle grandi 500.

E quella degli Stati Uniti (7.783 miliardi) è poco di più. Naturalmente non va dimenticato che la maggior parte delle multinazionali si trovano negli Usa (185), nell’Unione Europea (170) e in Giappone (100). Il terzo mondo per adesso ne conta solo 25, di 9 sud-coreane e 6 cinesi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Delle monoposto a emissioni zero (245 cv in configurazione gara, per 225 km/h di velocità massima) che si sono sfidate il sabato 14 aprile lungo un tracciato cittadino di circa 2,8 km ricavato nel quartiere Eur, non si è parlato più di tanto, ancorché all’incontro capitolino del venerdì precedente abbia partecipato anche il Direttore del […]

L'articolo Renault: elettriche avanti tutta proviene da RED Live.

La Swift Sport punta a farsi largo tra le hot hatch puntando su un invidiabile bilanciamento tra telaio e meccanica. Anche il rapporto prezzo/dotazione è vincente

L'articolo Prova Suzuki Swift Sport <br> fame di curve proviene da RED Live.

Moto dotate di radar? Presto saranno realtà. Ducati ha in cantiere un ambizioso programma chiamato “Safety Road Map 2025” che prevede lo sviluppo di molti progetti a tema sicurezza, uno dei quali si chiama Ducati ARAS. Primi arrivi nel 2020

L'articolo Ducati ARAS, presto le moto con il radar proviene da RED Live.

Voglia di avventura, di scoprire nuove strade (bianche) in località toscane ricche di fascino. Senza fretta. La prima di tre tappe andrà in scena a Buonconvento il 29 aprile, in occasione della Nova Eroica

L'articolo Gravel Road Series, da aprile a ottobre. Info e iscrizioni proviene da RED Live.

Mini elettrizza la sua Countryman e si getta nel panorama delle ibride plug-in in modo speciale e a tratti unico. Pensate che le auto Ibride non siano ancora mature o non facciano per voi? Leggete la nostra prova su strada, ma siete avvisati: il rischio di ricredersi qui è alto

L'articolo Prova MINI Cooper S E Countryman ALL4 proviene da RED Live.