Google+

Mou si scalda per il big match con lo United. Pensando al futuro

febbraio 12, 2013 Emmanuele Michela

Real-Manchester sarà il clou degli Ottavi di Champions, unico obbiettivo delle Merengues sempre più lontane dal Barça nella Liga. Anche se per molti Mourinho starebbe già pensando a dove andare a giugno.

Gli è rimasta solo la Champions. E domani vedrà le sue Merengues scendere in campo nella partita forse più ostica di questi ottavi di finale, ossia contro lo United. Si gioca tantissimo José Mourinho, e non soltanto con la permanenza nella coppa più prestigiosa d’Europa: dall’esito della doppia sfida con i Red Devils passa il suo futuro lavorativo a Madrid e le possibili strade cui potrà andare incontro, terminata la sua storia d’amore con il Santiago Bernabeu.

A FERGIE NON DISPIACEREBBE AVERLO COME EREDE. Difficile infatti che venga riconfermato, con tutti i dissapori che nell’ambiente madrileno sta alimentando la sua permanenza in panchina. Una delle ipotesi più suggestive darebbe ancora più significato al match di domani, dato che per molti Mourinho potrebbe essere il successore niente meno che di Ferguson alla guida proprio dello United. È vero, le voci sul ritiro di Sir Alex sono un mantra che spesso si ripete senza alcun effettivo esito, però l’età dello scozzese avanza, e secondo tanti le indiscrezioni che dal 2014 lo vorrebbero in pensione sarebbero vere, e l’accasamento di Guardiola a Monaco avvalorerebbe la candidatura dello Special One. Dalla sua il lusitano ha tutta la simpatia e i favori di Ferguson, anche se in casa United sarebbe molto più gradito un altro nome, dal suono tanto eroico quanto affascinante: si tratta di Ole Gunnar Solskjaer, ex-attaccante norvegese dei Red Devils, da tutti ricordato per il gol con cui regalò la Champions ’98-‘99 allo scadere dell’incredibile finale contro il Bayern Monaco. Il baby-faced assassin si è ritirato dal calcio ormai da qualche anno per darsi alla carriera da tecnico: dopo i primi incarichi con le riserve dello United è tornato in patria, al Molde, dove ha portato il club biancoblu ai primi due storici scudetti della sua storia centenaria. Oggi il Sun pubblica proprio una sua intervista, dove non nasconde che, ovviamente, gli farebbe piacere tornare all’Old Trafford. L’ipotesi non dispiacerebbe neanche a Ferguson: lo conosce sia come giocatore che come allenatore, dato che per lui ha lavorato i primi mesi dopo l’addio al calcio. «Credo che il problema di tanti giocatori di oggi è che quando arrivano alla fine della loro carriera decidono di diventare allenatori perché non hanno in mente nient’altro da fare», raccontava Fergie al Daily Mail mesi fa. «Ole, invece, ha sempre voluto rimanere in questo mondo, fin da quando era giovane ha iniziato a prepararsi per rimanere come allenatore o manager. Era sempre solito prendere appunti durante gli allenamenti, o le partite».

A PARIGI VIA ANCELOTTI-LEONARDO? Se quindi i punti di domanda da Manchester si moltiplicano, da Parigi si aprono molto più spiragli, sebbene poche settimane fa lo stesso Special One si dicesse lontano dal PSG. Il duo Ancelotti-Leonardo parrebbe più che sicuro di conferme in una squadra normale, prima in campionato con 6 punti di vantaggio e ora prossima ad affrontare gli Ottavi di Champions. Ma non nel club di Al-Khelaifi: dopo la vittoria col Bastia, Carletto ha fatto intendere quanti dubbi ci siano sul suo futuro in un’intervista all’Equipe. «Vorrei rimanere. Ma so che a fine stagione la società deciderà se è contenta o no del mio lavoro. E se non è contenta…». Una battuta che fa seguito alle clamorose parole di Leonardo, che poche ore prima spiegava quanto gli mancasse il campo e il lavoro da tecnico, e che non gli dispiacerebbe affatto tentare una nuova avventura in Inghilterra. Così a guidare Ibra e Lavezzi ci potrebbe andare proprio Mourinho, anche perché il PSG sarebbe una delle poche squadre in grado di sborsare tutti i milioni che richiede l’ingaggio del portoghese (a Madrid prende 7,3 milioni netti l’anno, ma Ancelotti è pagato di più). E ora sarebbe pure sulle tracce di Angel Di Maria: l’argentino, oltre ad avere lo stesso procuratore di Mou, sarebbe anche uno dei tasselli chiave del gioco del lusitano a Madrid, che così avrebbe un motivo in più per andare in riva alla Senna.

Seguici su Tempi Sport

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi