Google+

Mose, il sindaco Orsoni torna libero e attacca: «Mazzacurati? Un millantatore»

giugno 12, 2014 Chiara Rizzo

Il primo cittadino di Venezia, ai domiciliari dal 4 giugno per l’inchiesta sulle tangenti, ha appena raggiunto un accordo con la procura per un patteggiamento. Intanto accusa: «Avevo chiesto da tempo di poter fare chiarezza con i pm»

Il sindaco Orsoni esce dall’aula bunker dopo l’interrogatorio di garanzia

Orsoni contro tutti. Sono stati revocati dal gip gli arresti domiciliari al sindaco di Venezia (indagato per le tangenti del Mose), che stamattina è quindi tornato in libertà. Giorgio Orsoni subito dopo è partito lancia in resta contro partiti, accusatori e procura veneziana. Questo malgrado il fatto che il primo cittadino abbia appena concordato con i pm la proposta di un patteggiamento per una pena a 4 mesi e 15mila euro di sanzione, sulla quale si dovrà esprimere il Gip.

«MAZZACURATI? MILLANTATORE». Ma il sindaco non intende con questo fare un mea culpa, quanto meno non lo ha fatto oggi in pubblico: Orsoni appena tornato in libertà ha convocato una conferenza stampa, in cui ha dichiarato che «Non mi dimetto. Mi addolora la distanza presa da alcuni, mi sono sentito offeso. In questi anni da sindaco mi sono fatto molti nemici, questo è lo scotto che sto pagando». Del suo “grande accusatore” Giovanni Mazzacurati, Orsoni ha detto che «è un millantatore». E una frecciata va anche alla procura che lo indaga: «Credo che il provvedimento di revoca degli arresti domiciliari si commenta da solo, dopo un chiarimento con i pm lunedì. Era da un pezzo che chiedevo alla procura di fare chiarezza. Ho chiarito nel modo più inconfutabile che nessun coinvolgimento mio diretto, così come prospettato, è mai avvenuto».

LA DIFESA DALLE ACCUSE. Poi il sindaco ha confutato tutte le accuse che gli sono state rivolte. Tra le altre cose ha spiegato che «Mazzacurati l’ho incontrato dopo il mio insediamento a sindaco, perché mi chiedeva di parlare di legge Speciale, di Mose e soprattutto di Arsenale. Eravamo in disaccordo specie sull’Arsenale, e così come molti sanno ho fatto un provvedimento per restituire quello spazio alla città. Avemmo uno scontro e non mi meraviglia che poi ci sia stato un certo risentimento». Orsoni ha spiegato che a ricevere il denaro dagli imprenditori era il suo mandatario, non lui personalmente che invece «Non potevo sapere che i fondi fossero illeciti, né potevo sapere come le aziende del Cvn reperissero quel denaro»: ha aggiunto che «Durante la campagna elettorale ho incontrato imprenditori o sedicenti tali che mi hanno detto che mi avrebbero sostenuto e votato, senza sapere come e perché».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana