Google+

Moschea a Milano. Le parole di Scola e l’interpretazione (maliziosa) del Caim e dei giornali

aprile 8, 2014 Redazione

Il cardinale torna a ribadire il suo sì condizionato al luogo di culto per i musulmani. Ma le sue frasi vengono usate come spot

A margine di un convegno in Università Cattolica, il cardinale arcivescovo di Milano, Angelo Scola, ha scambiato qualche battuta con i giornalisti in merito al progetto di costruire una moschea in città. Scola è tornato a ribadire quanto già affermato in precedenza, sottolineando il fatto che «la libertà di culto non è tale se non ci sono luoghi di culto». Il suo sì alla moschea, così come a un minareto («basta che non me lo fanno in piazza Duomo») è però condizionato da alcune domande che l’arcivescovo non si stanca di ripetere: «Bisogna vedere chi comanda la moschea e a quali condizioni. Se è una comunità reale oppure è un intervento dall’esterno, ad opera di altri paesi».
Il cardinale ha anche puntualizzato che la moschea «deve essere fatta, se deve essere fatta, nel rispetto della storia e della tradizione del paese», quindi le istituzioni devono avere la garanzia «sull’uso del luogo, quale lingua deve praticare l’imam, cosa vuol dire fare iniziative culturali. Problemi che le autorità devono affrontare con accuratezza».

PAESI STRANIERI. La posizione del cardinale è dunque chiara, anche se le sue parole oggi (in particolare da Repubblica) vengono usate per dire che il «cardinale ha detto sì alla moschea». Il che è ovviamente vero, ma questa non è una notizia. le sue affermazioni vengono usate per dire che Scola si oppone al progetto di edificazione di un centro di culto sostenuto da Giordania e Marocco, lasciando quindi il campo aperto per l’altro progetto, quello del Caim, sigla che riunisce diverse associazioni islamiche. Come riporta il Corriere, in realtà, il cardinale non ha dato alcun avallo a questa interpretazione perché, scrive il quotidiano di via Solferino, fonti della Curia spiegano che «Scola non entra nel merito delle questioni e non intende promuovere o bocciare».
Ora, però, leggete cosa ha dichiarato Hamza Piccardo, portavoce del Caim: «Apprezziamo il riconoscimento della comunità islamica milanese. La sua [di Scola] contrarietà a progetti “calati dall’alto” e promossi da paesi esteri è da noi pienamente condivisa». Già, però, poi, lo stesso Piccardo al Corriere spiega che anche nel progetto del Caim sono previsti, dopo una colletta fra i fedeli musulmani, interventi di paesi stranieri. Questa volta, però non si tratta dei moderati governi di Marocco e Giordania, ma di «Qatar, Kuwait e Emirati Arabi Uniti».

Leggi anche:
Tutto quel che non quadra sul progetto della Grande Moschea di Milano
Grande moschea a Milano. Imam Pallavicini: «C’è il timore che alcuni partiti islamici impongano il proprio potere»

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

15 Commenti

  1. Stefano scrive:

    Io non le farei costruire a priori…fintanto che nei paesi musulmani e’ vietata la costruzione di una Chiesa Cattolica, fintanto che c’e’ la pena di morte per apostasia, fintanto che e’ vietata la liberta’ di culto nei paesi musulmani. La tolleranza o c’e’ da entrambe le parti altrimenti niente. Bisogna capire meglio l’Islam prima di aprire le porte a queste cose. Tolleranti si, stupidi pero’ no. Se una cosa e’ sbagliata e va contro i nostri principi di liberta’ non la si puo’ accettare sulla base del politically correct. Stiamo rischiando parecchio secondo me.

    • Fran'cesco scrive:

      Secondo me non e’ questione politica ma religiosa.
      Siamo contro la liberta’ religiosa? Direi di no. Ci fa piacere che i musulmani preghino il loro dio/Dio.
      Ho scritto “preghino”, non che facciano politica (a loro modo…).
      Poi se vogliamo mettere delle regole ai finanziamenti (per esempio non devono metter naso i paesi che non tollerano il cristianesimo in casa loro) possiamo anche farlo.

    • Alessandro scrive:

      D’accordissimo. E’ una questione di buonsenso: è così difficile capirla per chi prende le decisioni nel nostro Paese, o caliamo (calano) le braghe perché lo vuole l’Europa? Stupidità o eterodirezione? E nel secondo caso, cui prodest? Secondo me, senza andare troppo lontano, questo permissivismo, culturale, religioso, normativo e comportamentale è funzionale alla voluta trasformazione del cittadino europeo in un caprone ignorante, senza radici né cultura, pieno di paure ed insicurezza. Il debole si governa meglio.

  2. michele scrive:

    La moschea nella tradizione araba è un ibrido. Non essendoci gerarchia, ogni gestore di moschea, o imam, può dare il taglio che vuole alla predicazione. La moschea è sempre stata centro politico. Per questo bisogna stare molto attenti, come avverte lo stesso arcivescovo.

    • augusto scrive:

      Michele ha ragione , comunque io permetterei la costruzione di moschee solo quando in tutti i Paesi islamici
      ci fosse la libertà religiosa.

    • Fran'cesco scrive:

      Ma allora non ci vengano a dire che la Moschea e’ il luogo di culto religioso.
      Altrimenti passa che siamo contro la liberta’ religiosa. Che non e’ vero.

  3. michele scrive:

    La moschea nella tradizione araba è un ibrido. Non essendoci gerarchia, ogni gestore di moschea, o imam, può dare il taglio che vuole alla predicazione. La moschea è sempre stata centro politico o di contesa dottrinale.

    • Giulio Dante Guerra scrive:

      Esatto. Una domanda, a chi mi sa rispondere: che significa, esattamente, Caim? E’ una sigla, o un nome? Siccome, nella Bibbia ebraica, Qayim è la forma originale del nome Caino, non vorrei che, nella seconda ipotesi, data la non trascurabile somiglianza fra le due lingue…

      • Cecilia scrive:

        L’unico che di nome proprio, tradizionalmente, faccia Caim che io sappia è un demone. Un principe, se non ricordo male, ma non sono sicurissima.

        In questo contesto però è una sigla, sta per “Coordinamento Associazioni Islamiche di Milano”

  4. francesco taddei scrive:

    glielo facciano proprio in piazza duomo il minareto! così capisce che la realtà è un pochino più complicata del “volemose bene”.

    • michele scrive:

      Caro taddei, forse non hai capito, ma il primo a chiedere prudenza è lo stesso cardinale!

  5. michele scrive:

    Caro taddei, forse non hai capito, ma il primo a chiedere prudenza è lo stesso cardinale!

  6. Antonio scrive:

    ne abbiamo fatti entrare troppi di ‘sti straccioni. Ora sono in tanti e fanno la voce grossa, pretendono, esigono questo e quello. Hanno sempre più forza politica, più voce in capitolo per le decisioni comuni. Ma si guardano bene dall’offire reciprocità di trattamento nei loro paesi. L’immigrazione di infima qualità ci distruggerà, complice il nostro buonismo.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana