Google+

Morsi prega «per la distruzione degli ebrei». Nirenstein: «Stia attento o perderà i soldi degli Usa»

ottobre 27, 2012 Leone Grotti

Intervista a Fiamma Nirenstein: «Morsi ha problemi con Al Qaeda e Hamas, finanziato anche dal Qatar. I Fratelli Musulmani sono contro Israele ma l’Egitto è in crisi e i soldi Usa gli servono»

 «O Dio, assolvici dai nostri peccati, garantisci a noi la vittoria sugli infedeli. Allah, distruggi gli ebrei e i loro sostenitori». Questa preghiera è stata condotta dall’imam Futouh Abd Al-Nabi Mansour il 19 ottobre nel governatorato di Matrouh. A stupire non è la preghiera islamica in sé ma una importante presenza istituzionale tra i fedeli: il presidente dell’Egitto Mohamed Morsi. Il video, diffuso ieri, che ritrae il Fratello Musulmano pregare con queste parole ha fatto ovviamente scalpore visti i rapporti sempre più tesi tra Israele ed Egitto. «Morsi sa che può conquistare il consenso della sua gente, dei musulmani che l’hanno eletto, mostrandosi antisemita e anti-israeliano» dichiara a tempi.it Fiamma Nirenstein, deputata del Pdl e vicepresidente della Commissione affari esteri. «Però Morsi sa anche che gli aiuti economici americani saranno condizionali alla sua fedeltà al trattato di pace con Israele».

A seguito dello scambio di fuoco degli ultimi giorni tra Israele e Hamas, il presidente Morsi ha dichiarato che non permetterà «l’aggressione del popolo palestinese». È una minaccia?
Il primo problema di Morsi non è legato alla Palestina ma ad Al Qaeda. Al momento, Morsi è in una situazione delicata. Il Sinai infatti, che confina con Israele, è percorso da una quantità di gruppi terroristici che attaccano Israele ma anche l’esercito egiziano. Uno di questi attacchi ha visto 8 soldati egiziani uccisi. Questi gruppi di Al Qaeda sono pericolosi sia per Israele sia per l’Egitto. E Morsi se ne rende conto. Non a caso al tempo di Mubarak la battaglia contro gli estremisti era molto violenta e ora Morsi si ritrova con lo stesso problema. Hamas, però, è il secondo problema di Morsi.

Cioè?
Hamas confina con l’Egitto ma la recente e clamorosa visita dell’emiro del Qatar nella Striscia di Gaza, che aiuterà Hamas con centinaia di milioni di dollari, ha creato una concorrenza con l’Egitto. Il Qatar ha premiato Hamas per avere tranciato i rapporti con la Siria e l’Iran. Fino a ieri l’Egitto è stato il mediatore di tutte le situazione più drammatiche tra Israele e Palestina ma ora si trova in un regime di concorrenza. Anche Hamas, che prima si era buttato nelle braccia dell’Egitto, ora può scegliere. In questi giorni la pioggia di missili tra Hamas e Israele sembra vedere una tregua, anche se non ufficiale, proprio grazie all’intervento dell’Egitto. Ma il ruolo di mediatore di Morsi è destinato a fallire.

Perché?
Come si vede nel video, i Fratelli Musulmani sono fortemente caratterizzati da atteggiamenti anti-semiti, e quindi anti-israeliani. Morsi sa che può conquistare il consenso della sua gente, dei musulmani che l’hanno eletto, con atteggiamento come questo. Però d’altra parte sa che gli aiuti americani saranno condizionali alla sua fedeltà al Trattato di pace con Israele. Morsi vuole modificarlo, l’ha fatto dire a questo o a quello tante volte, ma per ora l’unico gesto che ha fatto è accrescere la presenza egiziana nel Sinai. Però Israele è attento, ci sono accordi precisi e c’è una forza di interposizione internazionale nel Sinai. È chiaro che questo allungarsi dell’Egitto può diventare motivo di problematicità.

Perché l’Egitto ha bisogno dei soldi americani?
Gli Stati Uniti finanziano fortemente l’Egitto. L’altro giorno, però, un finanziamento di ulteriori due milioni è stato bloccato al congresso americano. Se, infatti, Morsi si dimostra ostile verso Israele, se distrugge gli equilibri, se perseguita le donne con norme che le opprimono, se perseguita le minoranze religiose come i copti, non otterrà più i soldi americani. E questo sarebbe un dramma perché l’Egitto è sull’orlo di una catastrofe umanitaria, di una carestia. Il paese è in fortissima crisi economica. C’è quindi da pensare che Morsi starà attento, almeno per ora. Però non dimentichiamo che i Fratelli Musulmani sono astuti e non hanno mai rinunciato al loro punto di vista. Io mi ricordo bene che a Piazza Tahrir non si sono presentati fino a quando non sono stati sicuri di potere imporre il loro predominio.

Il 22 gennaio in Israele ci saranno le elezioni. Cosa succederà?
Io credo che tutto resterà come è adesso. Si prospetta una vittoria dei moderati perché in questo momento la sicurezza è decisiva per Israele: l’Iran va avanti con il suo progetto nucleare e si fa sempre più aggressivo e tutti i paesi attorno a Israele sono guidati dai Fratelli Musulmani. È chiaro poi che comunque finisca la guerra civile in Siria, Israele non otterrà vantaggi. È indicativo che Assad stia cercando di incendiare il Libano, dove c’è la presenza di Hezbollah. Per questo, nonostante io creda che la sinistra riuscirà ad affermarsi, perché ci sono problemi sociali in Israele, vedremo comunque una vittoria di Netanyahu.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.