Google+

Morire per Belgrado?

maggio 5, 1999 Cwalinski Vladek

L’Izvestija, voce ufficiale di Mosca, getta acqua sul fuoco del sogno di Milosevic di coinvolgere Russia e Bielorussia nel confronto con la Nato

I quotidiani russi, e in particolare l’Izvestija, considerato una sorta di “portavoce” del presidente, dedicano poco spazio alla guerra del Kosovo. Mostrano, piuttosto, l’immagine di un governo russo impegnato nel delicato esercizio di mantenere un ruolo di mediatore tra la Nato e Milosevic e al tempo stesso di raffreddare gli umori anti-occidentali e le aspirazioni panslavistiche dell’unione politica ed economica richiesti e approvati dai parlamenti della Jugoslavia, Russia e Bielorussia. E si capisce se si considera che solo martedì 20 il governo russo è stato costretto ad ammettere, per voce del viceministro delle Finanze Mikhail Kasyanov, di non essere in grado di rimborsare ai propri creditori titoli di stato per 1,2 miliardi di dollari in scadenza a metà maggio e che all’inizio di aprile il Fondo monetario ha concesso a Mosca un ulteriore credito di 5 miliardi di dollari (sufficienti solo a pagare gli interessi dei debiti precedenti). Anche nei giorni precedenti alla missione di Cernomyrdin a Belgrado, l’Izvestija del 17 aprile scorso pubblicava in prima pagina, sotto il titolo principale “bazar slavo” (reminiscenza storica di un giornale della seconda metà dell’Ottocento che propagandava gli ideali panslavistici e nazionalisti ortodossi) un articolo proprio a commento dell’ipotetica unione dei tre paesi: “Le idee dell’integrazione slava e ortodossa, cui ancora recentemente si era soliti riferirsi come ad un aneddoto storico, improvvisamente sono diventate strumento di politica reale. Naturalmente nessuno pensa seriamente ad alcuna unione tra Russia, Bielorussia e Jugoslavia. È chiaro per tutti che l’integrazione non è il fine, ma soltanto il mezzo per il raggiungimento di altri scopi meno elevati ed utopistici. I promotori dello show unificazionista in Russia non tengono conto che il Paese anche senza di loro tende verso la Bielorussia, per la politica economica, e la Jugoslavia per quella estera”. Quindi acqua sugli entusiami per la grande nazione slava. Come ha ribadito anche Boris Eltsin in occasione della consegna al Cremlino dei premi annuali ai giornalisti, cerimonia di cui l’Izvestija fa un dettagliato resoconto, senza mancare di sottolineare la ritrovata forma del “capo”: “Milosevic non capitolerà – ha detto Eltsin -. Se è così la Nato e la Jugoslavia hanno assoluto bisogno di un mediatore e la Russia è pronta ad esserlo”. E a proposito delle “teste calde dei deputati” (come li definisce il quotidiano moscovita) pronti a stipulare l’accordo di unione con la Jugoslavia, Eltsin ha affermato: “Noi vogliamo stringere Milosevic a noi ancora di più, ma ci comporteremo in modo regolare e discreto”. Nessun colpo di testa, tovarishi: il Fondo monetario ci guarda

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana