Google+

Mori, il generale che ha catturato Riina, si racconta a Tempi

dicembre 25, 2011 Chiara Rizzo

Il generale dei Carabinieri che ha fondato e diretto il Ros e poi il servizio segreto civile, Sisde, si racconta a Tempi. Le indagini antiterrorismo, la cattura di Totò Riina nel 1993, la contrapposizione tra Ros e Procura di Palermo. Ecco alcuni brani inediti di un’intervista esclusiva a Tempi

Mario Mori, il generale dei carabinieri che ha fondato e diretto il Ros, e che tra il 2001 e il 2006 ha guidato il Sisde, il servizio segreto civile, è nato a Postumia, nella Giulia italiana. Lo scrive nell’incipit della biografia (“Ad alto rischio”) e non a caso. Come tutti i giuliani, l’abbandono forzato della casa natale ha forgiato il suo carattere, rendendolo ostinato, qualità che gli ha permesso di condurre le indagini più difficili, a cominciare da quelle contro le Br, nel Nucleo antiterrorismo di Dalla Chiesa, e quelle contro la mafia, con Giovanni Falcone. Come ad altri compatrioti giuliani – il campione mondiale di boxe Giovanni Benvenuti, o lo stilista e imprenditore Ottavio Missoni – le origini hanno dato a Mori tanto una sobria tenacia, quanto l’amore per il proprio paese, che si è sempre tradotto in un orgoglioso rispetto delle istituzioni.

Mori è oggi imputato a Palermo, per la mancata cattura di Bernardo Provenzano e per una presunta trattativa con la mafia, sulla base delle dichiarazioni di Massimo Ciancimino. Sul controverso accusatore (arrestato per truffa aggrava e detenzione di esplosivi) sono stati scritti libri ma se si chiede a Mori un commento, la sua risposta è sempre la stessa: «No. Ho fiducia nelle istituzioni e rispetto nella giustizia. Combatterò in aula. Così mi tengo vivo». In un’intervista pubblicata sul numero 51 di Tempi, in edicola dal 22 dicembre, il generale di ferro risponde alle domande su tanti misteri italiani a cui ha assistito in prima persona. Ecco alcuni stralci.

Mario Mori ricostruisce una delle operazioni più eclatanti condotte negli anni del Sisde, che nel 2006 gli ha permesso di raccogliere (in stretto accordo con l’allora procuratore di Palermo Pietro Grasso) informazioni sul boss Matteo Messina Denaro, ancora oggi uno dei quattro latitanti più ricercati al mondo, e ritenuto al vertice della Cupola di Cosa Nostra, direttamente dal superlatitante in persona. C’è riuscito grazie a una corrispondenza fittizia avviata tra un collaboratore del Sisde diretto da Mori, che era anche stato insegnante di Messina Denaro e sindaco del suo paese natale. «Poi successe qualcosa che non mi sono mai saputo spiegare» racconta. «venne a mancare la fiducia della procura di Palermo in un’operazione del Sisde, perché condotta da uomini che erano appartenuti al Ros. È stato l’ennesimo caso di una contrapposizione tra quella procura e il Ros».

Nell’intervista il generale Mori passa poi a ricostruire quello che è considerato uno degli episodi scatenanti della contrapposizione tra la procura di Palermo e il Ros dei Carabinieri: l’episodio della mancata perquisizione dell’ultimo covo di Totò Riina, in via Bernini a Palermo. «La verità è che sul covo di via Bernini, negli anni, sono nate tante leggende poi sfatate» prosegue il generale, descrivendo puntualmente le bufale circolate su questa vicenda e le prove della loro falsità. Nel corso dell’intervista, inoltre, racconta l’amarezza nutrita nei confronti del comando generale dell’Arma dei Carabinieri, «un corpo che alla base della sua efficienza ha il ferreo controllo della sua struttura, e a cui non può sfuggire il comportamento deviato, e che non ha mai preso posizione in difesa del Ros». Ha poi proseguito: «Provo amarezza per questo, ritengo che uomini che rischiano continuamente la loro vita devono avere la certezza che i loro capi ne conoscano l’attività e quando è necessario, sappiano difenderne l’onore». Mori infine si è soffermato sui motivi per i quali, ad avviso del generale, nel nostro paese si guarda sempre con sospetto alle attività di intelligence, sempre circondate dall’alone di possibili “trame oscure”.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Zione scrive:

    A proposito della Giustizia, come diceva Masaniello: “O pesc, fet r’a Cap (il pesce puzza dalla testa)”; ecco una frase signorile e illuminante, del generale Mori che include con delicata finezza, pure qualche sommo Ignorante e abbietto Criminale del CSM e/o dell’Antimafia, afferenti il vile Giudiciume Politico: “A tutti coloro che hanno davvero combattuto e ancora Combattono Valorosamente contro Mafia e Terrorismo, a spregio di Cialtroni e Parolai che sfruttano i sacrifici di quegli Uomini ”.

    Sagge parole queste, ma pure quelle del dottor Papa, circa la Barbara situazione delle nostre Carceri e anche in merito alla proposta della nomina del guerriero Marco Pannella, a Senatore a Vita; Buon Anno e cordiali auguri, a TUTTI gli Onesti; incluso i vecchi Compagni delle Lotte di Fabbrica in Piemonte e altrove, i Forestieri e i Carcerati Abusivi, Vittime di Giudicioni Terroristi e Mafiosi e a tutti gli Oppressi del Mondo, che soffrono per il Freddo, per la Fame e per la Libertà.

    Se leggete l’articolo che segue, capirete quando interesse possa avere qualche Casta di Fetenti, a preoccuparsi del costo della benzina, visto che hanno macchine sempre col pieno, Autisti, eccetera e tutto “a gratis …”.
    Auto blu e benefit: così il Csm divora 35 milioni all’anno. Altro che tagli, il Consiglio superiore della Magistratura è il più ricco al mondo: stipendi da 110 mila Euro, per lavorare 12 giorni al mese.

    http://www.ilgiornale.it/interni/linchiesta/08-01-2012/articolo-id=565795-page=0-comments=1&order=0

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana