Google+

Moody’s taglia il rating dell’Italia: peggio di Estonia e Slovacchia

ottobre 5, 2011 Redazione

Moody’s si allinea dunque a Standard & Poor’s, che il 20 settembre scorso ha abbassato, per la prima volta in cinque anni, la valutazione dell’Italia da “A+” ad “A”. Moody’s, che non rivedeva al ribasso il rating italiano dal maggio 1993, parla di «trend negativo del debito pubblico, dovuto alle incertezze economiche e politiche»

Moody’s ha tagliato il rating a lungo dell’Italia di tre gradini da “Aa2” ad “A2” con outlook negativo terminando il creditwatch avviato il 17 giugno. Lo ha annunciato l’agenzia, che ha invece confermato il rating del debito a breve “Prime-1”. La decisione è stata spiegata con «l’aumento dei rischi di finanziamento per i Paesi di Eurolandia con un elevato indebitamento, i crescenti rischi di un calo della crescita a causa di debolezze strutturali e i rischi e i tempi necessari per raggiungere i previsti target di consolidamento fiscale». L’outlook negativo riflette «i rischi economici e finanziari dell’Italia e all’interno di Eurolandia». L’agenzia aggiunge che, come indica il rating “A2”, «il rischio di default per l’Italia è remoto» ma ritiene comunque il Paese «più vulnerabile a perdite di accesso al mercato a tassi adeguati».

Moody’s si allinea dunque a Standard & Poor’s, che il 20 settembre scorso ha abbassato, per la prima volta in cinque anni, la valutazione dell’Italia da “A+” ad “A”. Moody’s, che non rivedeva al ribasso il rating italiano dal maggio 1993, parla di «trend negativo del debito pubblico, dovuto alle incertezze economiche e politiche» e segnala la presenza di «debolezze strutturali», di ostacoli alla crescita difficili da rimuovere e di «una vulnerabilità fortemente aumentata».

La sforbiciata – si legge nella nota diffusa nella notte – è dovuta «ai rischi per la crescita provocati da una debolezza macroeconomica strutturale e da un peggioramento delle prospettive economiche globali». Pesa anche «l’erosione della fiducia nel contesto finanziario, provocata dalla crisi di debito attuale» e che potrebbe portare a un «ulteriore deterioramento della fiducia, limitando l’accesso al mercato del debito pubblico». La revisione è insolitamente severa (il rating dell’Italia è ora solo cinque scalini al di sopra del livello junk, spazzatura) e pone l’Italia al livello di Malta e al di sotto di Paesi come Slovacchia ed Estonia. La valutazione precedente metteva l’Italia subito alle spalle di Stati Uniti e Canada, che per Moody’s godono della “Aaa”, il voto massimo (diversa la valutazione di S&P, che lo scorso 5 agosto aveva declassato il debito americano a “Aa+” per la prima volta nella sua storia).

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.