Google+

Monti dice che la sanità non è sostenibile nel lungo periodo? Facciamo come in Lombardia

novembre 30, 2012 Matteo Rigamonti

Il modello misto pubblico-privato accreditato della Lombardia funziona e fa risparmiare. Forse che Monti aveva in mente proprio questo quando parlava di «rendere il sistema sanitario pienamente sostenibile»?

Modello Lombardia per garantire la sostenibilità della sanità italiana. È questa la miglior risposta alle preoccupazioni del premier Monti e di tutti i cittadini italiani per mantenere prestazioni sanitarie di qualità anche quando le casse dello Stato inizieranno a piangere sul serio, come accadrà di sicuro a partire dal prossimo anno. Una sanità mista pubblico-privato accreditato sarà allora l’unica via d’uscita possibile.

LO DICE ANCHE MONTI. Hanno destato scalpore le recenti dichiarazioni del presidente del consiglio Mario Monti quando ha detto, intervenendo a un convegno a Palermo in collegamento video da Roma, che «la sostenibilità dei sistemi sanitari nazionali, compreso il nostro di cui andiamo fieri, potrebbe non essere garantita se non si individueranno nuove modalità di finanziamento per servizi e prestazioni». Un’ovvietà, se si considera che «la crisi ha colpito tutti e il campo medico non è un’eccezione». Ma questo è bastato a far suonare le sirene dall’allarme dei più accaniti difensori dello statalismo a tutti i costi, della “pura” sanità pubblica e guai a quella privata: «Non sosterremo mai la privatizzazione del sistema» hanno tuonato da più parti. Tanto da costringere Palazzo Chigi a intervenire: Monti «non ha messo in questione il finanziamento pubblico del sistema sanitario – ha chiarito una nota –, bensì, riferendosi alla sostenibilità futura, ha posto l’interrogativo sull’opportunità di affiancare al finanziamento a carico della fiscalità generale forme di finanziamento integrativo». «Le garanzie di sostenibilità del sistema sanitario nazionale non vengono meno – continuava la nota –, ma per il futuro è necessario individuare e rendere operativi modelli innovativi di finanziamento e organizzazione dei servizi e delle prestazioni sanitarie».

E a quali modelli potranno mai riferirsi queste affermazioni se non a quelli che, pur con i loro limiti, hanno già dimostrato la loro efficacia ed efficienza, oltreché sostenibilità, nel corso di anni come nel caso del sistema sanitario lombardo? Non sarà forse l’unica esperienza e non c’è mai limite al meglio, ma di certo la sanità della regione Lombardia costituisce un’eccellenza riconosciuta in tutto il mondo. Tanto da attirare da fuori regione il 10 per cento dei suoi pazienti. Non sbaglia dunque Il Foglio diretto da Giuliano Ferrara quando auspica che «se vogliamo prendere sul serio l’invito di Monti, dobbiamo estrarre dalla Lombardia la sua essenza e farne un infuso da somministrare all’intero paese».

IL CORAGGIO DI CAMBIARE. Lo spettro della privatizzazione è duro a morire. Per addolcire infatti le sue stesse dichiarazioni di qualche giorno fa, Monti, intervenendo in occasione delle celebrazioni per i 50 anni dei Nas dei Carabinieri, ha colto l’occasione al balzo: «Affermare la necessità di rendere il sistema sanitario pienamente sostenibile – ha aggiunto il premier ritornando sull’argomento – non ha nulla a che vedere con la logica della privatizzazione». Come se ci fosse davvero bisogno di precisarlo. «Servire i cittadini – ha detto – e non servirsi dei cittadini. È il passaggio morale che deve sostenere l’azione di governo del Paese. Dobbiamo parlare senza che le parole diventino veicolo di equivoci, per vedere la realtà dei problemi». «Riformare – ha concluso Monti – significa riconoscere che in passato non sono sempre state assunte decisioni responsabili. Di fronte al diritto alla salute, il criterio dell’uguaglianza è pilastro di civiltà». Ma quando lo Stato non ha più i soldi in cassa per garantirlo, forse è meglio che inizi a guardarsi un po’ intorno. Forse qualcuno potrà aiutarlo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. luigi lupo scrive:

    Non dimenticarsi mai del San Raffaele, Maugeri, Santa Rita e per ultimo ma non meno grave l’Ospedale di Bergamo.

    • Charlie scrive:

      E, soprattutto, non dimenticarsi mai che che le storie dei suddetti ospedali non sminuiscono per nulla i buoni risultati della sanità lombarda, riconosciuti da tutti.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana