Google+

Monti dice che la sanità non è sostenibile nel lungo periodo? Facciamo come in Lombardia

novembre 30, 2012 Matteo Rigamonti

Il modello misto pubblico-privato accreditato della Lombardia funziona e fa risparmiare. Forse che Monti aveva in mente proprio questo quando parlava di «rendere il sistema sanitario pienamente sostenibile»?

Modello Lombardia per garantire la sostenibilità della sanità italiana. È questa la miglior risposta alle preoccupazioni del premier Monti e di tutti i cittadini italiani per mantenere prestazioni sanitarie di qualità anche quando le casse dello Stato inizieranno a piangere sul serio, come accadrà di sicuro a partire dal prossimo anno. Una sanità mista pubblico-privato accreditato sarà allora l’unica via d’uscita possibile.

LO DICE ANCHE MONTI. Hanno destato scalpore le recenti dichiarazioni del presidente del consiglio Mario Monti quando ha detto, intervenendo a un convegno a Palermo in collegamento video da Roma, che «la sostenibilità dei sistemi sanitari nazionali, compreso il nostro di cui andiamo fieri, potrebbe non essere garantita se non si individueranno nuove modalità di finanziamento per servizi e prestazioni». Un’ovvietà, se si considera che «la crisi ha colpito tutti e il campo medico non è un’eccezione». Ma questo è bastato a far suonare le sirene dall’allarme dei più accaniti difensori dello statalismo a tutti i costi, della “pura” sanità pubblica e guai a quella privata: «Non sosterremo mai la privatizzazione del sistema» hanno tuonato da più parti. Tanto da costringere Palazzo Chigi a intervenire: Monti «non ha messo in questione il finanziamento pubblico del sistema sanitario – ha chiarito una nota –, bensì, riferendosi alla sostenibilità futura, ha posto l’interrogativo sull’opportunità di affiancare al finanziamento a carico della fiscalità generale forme di finanziamento integrativo». «Le garanzie di sostenibilità del sistema sanitario nazionale non vengono meno – continuava la nota –, ma per il futuro è necessario individuare e rendere operativi modelli innovativi di finanziamento e organizzazione dei servizi e delle prestazioni sanitarie».

E a quali modelli potranno mai riferirsi queste affermazioni se non a quelli che, pur con i loro limiti, hanno già dimostrato la loro efficacia ed efficienza, oltreché sostenibilità, nel corso di anni come nel caso del sistema sanitario lombardo? Non sarà forse l’unica esperienza e non c’è mai limite al meglio, ma di certo la sanità della regione Lombardia costituisce un’eccellenza riconosciuta in tutto il mondo. Tanto da attirare da fuori regione il 10 per cento dei suoi pazienti. Non sbaglia dunque Il Foglio diretto da Giuliano Ferrara quando auspica che «se vogliamo prendere sul serio l’invito di Monti, dobbiamo estrarre dalla Lombardia la sua essenza e farne un infuso da somministrare all’intero paese».

IL CORAGGIO DI CAMBIARE. Lo spettro della privatizzazione è duro a morire. Per addolcire infatti le sue stesse dichiarazioni di qualche giorno fa, Monti, intervenendo in occasione delle celebrazioni per i 50 anni dei Nas dei Carabinieri, ha colto l’occasione al balzo: «Affermare la necessità di rendere il sistema sanitario pienamente sostenibile – ha aggiunto il premier ritornando sull’argomento – non ha nulla a che vedere con la logica della privatizzazione». Come se ci fosse davvero bisogno di precisarlo. «Servire i cittadini – ha detto – e non servirsi dei cittadini. È il passaggio morale che deve sostenere l’azione di governo del Paese. Dobbiamo parlare senza che le parole diventino veicolo di equivoci, per vedere la realtà dei problemi». «Riformare – ha concluso Monti – significa riconoscere che in passato non sono sempre state assunte decisioni responsabili. Di fronte al diritto alla salute, il criterio dell’uguaglianza è pilastro di civiltà». Ma quando lo Stato non ha più i soldi in cassa per garantirlo, forse è meglio che inizi a guardarsi un po’ intorno. Forse qualcuno potrà aiutarlo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. luigi lupo says:

    Non dimenticarsi mai del San Raffaele, Maugeri, Santa Rita e per ultimo ma non meno grave l’Ospedale di Bergamo.

    • Charlie says:

      E, soprattutto, non dimenticarsi mai che che le storie dei suddetti ospedali non sminuiscono per nulla i buoni risultati della sanità lombarda, riconosciuti da tutti.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.