Google+

Monti: «Con il Pd ma senza Vendola, con il Pdl ma senza Berlusconi» (e con Casini c’è maretta)

gennaio 25, 2013 Emanuele Boffi

Sibilline dichiarazioni del premier questa mattina. Intanto il finanziere Soros e Beppe Pisanu si augurano una collaborazione tra il partito di Bersani e la Lista Monti

«Il guru di Obama è molto bravo e molto competente, mi ha detto anche di essere più cattivo di quanto sarebbe nella mia natura», ha detto il premier Mario Monti, questa mattina ospite a Radio Anch’io.
Poi, però, il presidente del Consiglio si è dimostrato molto malleabile, facendosi ora concavo ora convesso nei confronti degli altri leader. Infatti Monti ha detto di non avere «nessuna intenzione di fare accordo» né con il Pdl né col Pd. Anche se, su possibili alleanze post voto, si è detto aperto a discuterne. in che senso? Monti ha sostenuto che da parte sua c’è «apertura verso tutti ma massima chiusura alle forse anti-riformatrici». Nella sostanza: “apre” a un’alleanza con il Pd senza Nichi Vendola e a un Pdl “magari non guidato da Silvio Berlusconi”.
Per quanto riguarda il Pd, l’alleanza «dipenderà da quali politiche Bersani riterrà di mettere in campo. Se saranno quelle espresse dalle componenti più di sinistra, più massimaliste, non ci saranno le condizioni». Per quanto riguarda il Pdl ha spiegato che «Molti elettori di quel partito sono insoddisfatti. E il Pdl chissà magari non sarà sempre guidato da Berlusconi. Da lì sono anche arrivati diversi parlamentari che hanno voglia di fare riforme e si sono uniti a noi. Penso sia possibile una collaborazione con quella parte di Pdl, una volta mondata da quel tappo che frena le riforme. Quindi massima apertura per tutti ma massima chiusura alle forze anti-riformatrici».

PAROLE SIBILLINE SU CASINI. Non solo. Indirettamente, il premier ha dato ragiona ad alcune ricostruzioni apparse in questi giorni sualla stampa, dove si parlava di screzi fra lui e Pier Ferdinando Casini. A proposito del leader Udc, Monti ha detto che «ci vediamo più raramente adesso di quando il governo lavorava a pieno regime. Adesso ognuno va per la sua strada, Casini ed io, in modo coordinato sullo stesso progetto politico, interpretato in modi diversi, ma con piena armonia».

BERSANI CON MONTI. È da segnalare che ieri, in margine del Forum di Davos, il finanziere Usa di origine ungherese, George Soros, ha detto che «il miglior esito che si possa auspicare dalle elezioni» è che «la sinistra abbia il controllo della Camera e Monti quello del Senato».
E oggi, intervistato su Repubblica, l’ex ministro degli Interni Beppe Pisanu, prevedendo una vittoria «mutilata» del Pd si augura che il partito di Bersani collabori dopo il voto con Montiin nome della «responsabilità nazionale», lasciando fuori Silvio Berlusconi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download