Google+

Ma tu guarda che coincidenza

febbraio 10, 2016 Emanuele Boffi

Un professore, attivista lgbt, condannato per abusi sessuali: silenzio. Una professoressa cattolica accusata ingiustamente di omofobia: prime pagine dei giornali

omofobia-ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – In ottobre era stato condannato a undici anni di carcere per abusi e induzione alla prostituzione di otto alunni minorenni. Il 22 gennaio sono uscite le motivazioni con cui il giudice ha raccontato come agiva il professore dell’Itis Pininfarina di Moncalieri e di quale autorevolezza godesse all’interno dell’istituto, tanto da essergli stato affidato il compito di partecipare allo sportello di ascolto del disagio giovanile.

Posizione che A. F. sfruttava per adescare e ricattare gli studenti. Già a ottobre la notizia era passata pressoché sotto silenzio, con qualche articolo qua e là nelle cronache locali. Così anche questa volta e non c’è troppo da scandalizzarsene né da aggiungere altro alle scarne cronache che segnalavano come A. F. fosse «conosciuto per l’impegno nel riconoscimento dei diritti per le coppie omosessuali» e fosse stato «coordinatore dell’edizione 2011 del “Gay Pride”».

A dire la verità, fa più impressione ricordare quanto capitò a un’altra insegnante, Adele Caramico, che nel novembre 2014 finì su tutte le prime pagine dei quotidiani nazionali accusata di omofobia per aver detto a un suo studente omosessuale che «doveva curarsi in quanto gay». Accuse poi rivelatesi infondate, parole mai pronunciate, ma dopo giorni di gogna e vergogna per la povera docente di Religione.

In un caso, il putiferio, nell’altro, il quasi silenzio. Si vede che il fatto che il luogo fosse anche in questo secondo caso Moncalieri e che la scuola si chiamasse “Itis Pininfarina” è una banale coincidenza che ha colpito soltanto noi.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo averla ammirata al Tour de France, la bici di Fabian Cancellara è ora disponibile per tutti gli estimatori del campione svizzero e configurabile attraverso il programma Project One.

Debutta il 2.0 turbo benzina MultiAir da 200 cv dedicato alla berlina di Arese, disponibile solo in abbinamento alla trazione posteriore e al cambio automatico a 8 rapporti. Affianca in gamma il V6 2.9 biturbo da 510 cv e il 2.2 td da 150 o 180 cv. Prezzi da 40.500 euro.

È la versione più potente ed estrema mai realizzata della berlina bavarese. Il V8 4.4 biturbo eroga 600 cv anziché gli originari 560 cv, mentre le sospensioni beneficiano di una taratura decisamente hard. Sarà realizzata in solo 200 esemplari.

Il concept presentato a EICMA lo scorso anno pare proprio destinato a diventare realtà. Honda ne anticipa l’arrivo con un teaser che non svela molto ma che dice tutto

Quello elettrico si somma a quello umano, per garantire orizzonti più ampi e divertimento prolungato. Moterra sarà proposta in due versioni, di cui una con ruote 27+, dedicate a Trail ed Enduro.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana