Google+

Ma tu guarda che coincidenza

febbraio 10, 2016 Emanuele Boffi

Un professore, attivista lgbt, condannato per abusi sessuali: silenzio. Una professoressa cattolica accusata ingiustamente di omofobia: prime pagine dei giornali

omofobia-ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – In ottobre era stato condannato a undici anni di carcere per abusi e induzione alla prostituzione di otto alunni minorenni. Il 22 gennaio sono uscite le motivazioni con cui il giudice ha raccontato come agiva il professore dell’Itis Pininfarina di Moncalieri e di quale autorevolezza godesse all’interno dell’istituto, tanto da essergli stato affidato il compito di partecipare allo sportello di ascolto del disagio giovanile.

Posizione che A. F. sfruttava per adescare e ricattare gli studenti. Già a ottobre la notizia era passata pressoché sotto silenzio, con qualche articolo qua e là nelle cronache locali. Così anche questa volta e non c’è troppo da scandalizzarsene né da aggiungere altro alle scarne cronache che segnalavano come A. F. fosse «conosciuto per l’impegno nel riconoscimento dei diritti per le coppie omosessuali» e fosse stato «coordinatore dell’edizione 2011 del “Gay Pride”».

A dire la verità, fa più impressione ricordare quanto capitò a un’altra insegnante, Adele Caramico, che nel novembre 2014 finì su tutte le prime pagine dei quotidiani nazionali accusata di omofobia per aver detto a un suo studente omosessuale che «doveva curarsi in quanto gay». Accuse poi rivelatesi infondate, parole mai pronunciate, ma dopo giorni di gogna e vergogna per la povera docente di Religione.

In un caso, il putiferio, nell’altro, il quasi silenzio. Si vede che il fatto che il luogo fosse anche in questo secondo caso Moncalieri e che la scuola si chiamasse “Itis Pininfarina” è una banale coincidenza che ha colpito soltanto noi.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

Quando un’azienda si permette di dire che la sua forza risiede nell’inventare quello che non esiste ancora e riconsiderare e ridefinire quello che esiste già, i casi sono due: o se la tira o fa molto sul serio e, oggi che la specializzazione nel mondo della MTB è massima, quando un brand mette in campo […]

L'articolo Le nuove gomme Michelin per XC e All Mountain proviene da RED Live.

“Quelle foto lì le facevo alla Bellucci”. Così, spuntando dal nulla, si è rivolto a noi uno strano personaggio sulla settantina, capello mosso bianco e lungo, stile Maurizio Vandelli, nell’incantevole borgo di San Leo, mentre lo staff di RED riprendeva le nostre imponenti americane nel bel mezzo della piazza principale. Non siamo nemmeno riusciti a […]

L'articolo Harley-Davidson, in viaggio lungo la Linea Gotica proviene da RED Live.

Come sarà l’auto del futuro? Davanti a questa domanda non tutti hanno le idee ugualmente chiare ma quelli di Mercedes sono pronti a rispondere senza la minima esitazione, neanche sapessero fare l’oroscopo al mondo automotive osservando proprio la Stella a tre punte. La loro visione ha quattro capisaldi, sintetizzati dalla sigla C.A.S.E.: secondo i vertici […]

L'articolo Mercedes CASE: il futuro parte dalla connettività proviene da RED Live.

Quello di Bridgestone nel mondo olimpico è un viaggio lungo un decennio. La sua partnership con il Comitato Olimpico Internazionale (CIO), annunciata a Tokyo 2014, si prolungherà infatti fino ai Giochi del 2014, passando per le Olimpiadi Invernali di PyeongChang 2018, i Giochi Olimpici di Tokyo 2020, le Olimpiadi invernali a Pechino 2022. Un percorso che il marchio nipponico, produttore […]

L'articolo Bridgestone sogna insieme agli atleti olimpici proviene da RED Live.

È una ribelle per tradizione. In un mondo dove tutto viene racchiuso e catalogato entro rigidi schemi, la nuova Suzuki Swift non tradisce lo spirito del precedente modello e scardina, ancora una volta, l’esistente. Non è infatti una city car, dato che con una lunghezza di 3,84 metri risulta più grande rispetto a una Fiat […]

L'articolo Prova Suzuki Swift 1.0 BoosterJet SHVS proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana