Google+

Miseria, nobiltà e stranezze nella lotta di genere all’italiana

settembre 27, 2017 Alessandro Giuli

Non appena possibile mi diverto a ricordare ai miei interlocutori di sinistra che le donne di potere europee dimorano quasi esclusivamente nel fronte conservatore

meloni-ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – C’è una verità profonda scolpita in controluce nella splendida, ironica e poco riverente vignetta di copertina disegnata da Vincino (scusateci, principesse): la progressiva svirilizzazione della società e della cultura in generale, in Italia e altrove, trova un riscontro sempre più evidente nell’emergere di leadership politiche femminili. Con le dovute differenze, tuttavia: non appena possibile mi diverto a ricordare ai miei interlocutori televisivi di sinistra, ai corifei delle quote rosa e ai demonizzatori del maschio, che le donne di potere europee dimorano quasi esclusivamente nel fronte conservatore. In Italia, oltretutto, non si conoscono presidenti o segretarie di partito gosciste consacrate da un suffragio elettorale domestico. Esistono, sì, figure di primo piano come Maria Elena Boschi e Laura Boldrini, ma nessuna di queste è paragonabile a una Giorgia Meloni per status e consenso. Strana, la lotta di genere. A sinistra viene declinata in forma rivendicativa, attraverso una sindacalizzazione corale del tema e in omaggio al principio giacobino dell’egualitarismo imposto per decreto o tramite ghigliottina, dall’alto di un presunto primato antropologico ormai scolorito dal rosso al rosa. E con una non trascurabile aggravante emotiva: la totale assenza di autoironia. Che siano gli occhi liquidi e piangenti di Laura Boldrini (i famigerati “occhi della madre” nella fantozziana rievocazione della Corazzata Potiomkin) o quelli incantati e perforanti di Maria Elena Boschi, raramente vi scorgerete una luce di umorismo. Complice, aggiungo io, l’indicibile ma concretissimo senso di competizione che spesso fa delle donne, fra loro, le più capaci interpreti del così detto fuoco amico.

E a destra? La questione femminile esiste anche qui, ma viene formulata in modo diverso, secondo un canone che premia più la libertà e il merito rispetto alle lamentele di genere, più la contrattazione personale che non quella collettiva e ciecamente orizzontale. Nell’intervista a Giorgia Meloni che pubblichiamo su questo numero di Tempi, purtroppo non leggerete le parole di stima e amicizia rivolte a Mara Carfagna dalla leader di FdI. Perché anche lo spazio è tiranno, non soltanto il tempo. Ma garantisco io, che le ho ascoltate, così come ho percepito dall’inizio alla fine della conversazione con Fabrizio Ratiglia quella serissima levità che induce Giorgia a farsi serenamente ritrarre nella nostra copertina sulle Regine di Spade come la Daenerys Targaryen della Garbatella. Chapeau.

Immagino già le obiezioni occhiute dei detrattori professionali: e il bunga bunga? E il machismo brianzolo berlusconiano? E le cene eleganti? Per anni abbiamo dovuto ingollare ogni giorno quintalate di puritanesimo sinistro applicato alla vita privata di Silvio Berlusconi, proprio quel Cav. che i puritani di ieri consacrano oggi come ultimo argine alla dilagante ascesa del populismo salviniano armato di ruspe e bambole gonfiabili. Devo aggiungere altro? Sì. Studiate da vicino l’intelligenza pratica e la militanza animalista di Michela Vittoria Brambilla, altro gran colpo di scouting politico da parte d’un centrodestra al femminile che ha saputo valorizzare sensibilità e sfere d’influenza prima d’ora monopolizzate dalla sinistra. E non vi stupite se, di qui a qualche mese, dal cilindro rosa di Arcore uscirà fuori una qualche potente figura femminile che s’intesterà una battaglia ideale per un ambientalismo sostenibile, non fanatico né settario, molto verde e altrettanto biancorosso. Nell’attesa del Re, ancora dormiente, eccovi dunque le Regine di Spade.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova Multistrada 1260 cambia radicalmente con le novità che riguardano circa il 30% del progetto; smussa gli spigoli vivi del motore precedente motore e guadagna nella guida ora più fluida e rotonda meno reattiva.

L'articolo Prova Ducati Multistrada 1260 proviene da RED Live.

Per le piccole inglesi supersportive è già tempo di pista. Al freddo dell'autodromo di Cremona partono i primi test della stagione. Il nuovo calendario prevede anche una trasferta al Paul Ricard. C'eravamo anche noi

L'articolo MINI Challenge, è già 2018 proviene da RED Live.

La 5 porte giapponese saluta da lontano le quattro generazioni che l’hanno preceduta, mostrando linee più slanciate e tante possibilità di personalizzazione. Si dota inoltre di dispositivi di controllo appannaggio di auto di segmento superiore. Prezzi a partire da 16.700 euro

L'articolo Prova Nissan Micra N-Connecta IG-T proviene da RED Live.

In Spagna lo conoscono tutti, da noi fa sussultare chi negli Anni 70 e 80 sognava il Lobito oppure aveva negli occhi l’inconfondibile colore blu di Pursang e Sherpa… La stella del marchio spagnolo brillò fino al 1983 per poi spegnersi definitivamente. Nel 2014 il pollice di Bultaco torna però ad alzarsi, grazie a uno […]

L'articolo Prova Bultaco Albero 4.5 proviene da RED Live.

Era dai tempi della Tribeca, uscita di produzione nel 2014, che la Subaru non si cimentava nel tema delle grandi SUV. Un’assenza che, dopo anni di successi negli States, ha penalizzato la Casa nipponica. Ora, però, i jap corrono ai ripari presentando, in occasione del Salone di Los Angeles, la nuova Ascent. Una sport utility […]

L'articolo Subaru Ascent: mai così grande proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download