Google+

Miseria, nobiltà e stranezze nella lotta di genere all’italiana

settembre 27, 2017 Alessandro Giuli

Non appena possibile mi diverto a ricordare ai miei interlocutori di sinistra che le donne di potere europee dimorano quasi esclusivamente nel fronte conservatore

meloni-ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – C’è una verità profonda scolpita in controluce nella splendida, ironica e poco riverente vignetta di copertina disegnata da Vincino (scusateci, principesse): la progressiva svirilizzazione della società e della cultura in generale, in Italia e altrove, trova un riscontro sempre più evidente nell’emergere di leadership politiche femminili. Con le dovute differenze, tuttavia: non appena possibile mi diverto a ricordare ai miei interlocutori televisivi di sinistra, ai corifei delle quote rosa e ai demonizzatori del maschio, che le donne di potere europee dimorano quasi esclusivamente nel fronte conservatore. In Italia, oltretutto, non si conoscono presidenti o segretarie di partito gosciste consacrate da un suffragio elettorale domestico. Esistono, sì, figure di primo piano come Maria Elena Boschi e Laura Boldrini, ma nessuna di queste è paragonabile a una Giorgia Meloni per status e consenso. Strana, la lotta di genere. A sinistra viene declinata in forma rivendicativa, attraverso una sindacalizzazione corale del tema e in omaggio al principio giacobino dell’egualitarismo imposto per decreto o tramite ghigliottina, dall’alto di un presunto primato antropologico ormai scolorito dal rosso al rosa. E con una non trascurabile aggravante emotiva: la totale assenza di autoironia. Che siano gli occhi liquidi e piangenti di Laura Boldrini (i famigerati “occhi della madre” nella fantozziana rievocazione della Corazzata Potiomkin) o quelli incantati e perforanti di Maria Elena Boschi, raramente vi scorgerete una luce di umorismo. Complice, aggiungo io, l’indicibile ma concretissimo senso di competizione che spesso fa delle donne, fra loro, le più capaci interpreti del così detto fuoco amico.

E a destra? La questione femminile esiste anche qui, ma viene formulata in modo diverso, secondo un canone che premia più la libertà e il merito rispetto alle lamentele di genere, più la contrattazione personale che non quella collettiva e ciecamente orizzontale. Nell’intervista a Giorgia Meloni che pubblichiamo su questo numero di Tempi, purtroppo non leggerete le parole di stima e amicizia rivolte a Mara Carfagna dalla leader di FdI. Perché anche lo spazio è tiranno, non soltanto il tempo. Ma garantisco io, che le ho ascoltate, così come ho percepito dall’inizio alla fine della conversazione con Fabrizio Ratiglia quella serissima levità che induce Giorgia a farsi serenamente ritrarre nella nostra copertina sulle Regine di Spade come la Daenerys Targaryen della Garbatella. Chapeau.

Immagino già le obiezioni occhiute dei detrattori professionali: e il bunga bunga? E il machismo brianzolo berlusconiano? E le cene eleganti? Per anni abbiamo dovuto ingollare ogni giorno quintalate di puritanesimo sinistro applicato alla vita privata di Silvio Berlusconi, proprio quel Cav. che i puritani di ieri consacrano oggi come ultimo argine alla dilagante ascesa del populismo salviniano armato di ruspe e bambole gonfiabili. Devo aggiungere altro? Sì. Studiate da vicino l’intelligenza pratica e la militanza animalista di Michela Vittoria Brambilla, altro gran colpo di scouting politico da parte d’un centrodestra al femminile che ha saputo valorizzare sensibilità e sfere d’influenza prima d’ora monopolizzate dalla sinistra. E non vi stupite se, di qui a qualche mese, dal cilindro rosa di Arcore uscirà fuori una qualche potente figura femminile che s’intesterà una battaglia ideale per un ambientalismo sostenibile, non fanatico né settario, molto verde e altrettanto biancorosso. Nell’attesa del Re, ancora dormiente, eccovi dunque le Regine di Spade.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

Sino a pochi anni fa parlare di auto a guida autonoma era credibile quanto prevedere lo sbarco degli alieni sulla Terra o aderire alla religione dei pastafariani che, per inciso, credono in un creatore sovrannaturale somigliante agli spaghetti con le polpette. Questo almeno sino a ieri, dato che oggi, con l’immissione sul mercato delle prime […]

L'articolo Guida autonoma: quanto ne sai? proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download