Google+

Miserere, storie di cristiani perseguitati. Quei tre cadaveri davanti alla chiesa-baracca di Nhka Ga

ottobre 23, 2013 Franco Molon

Sono i corpi Hkaw Duk, assistente del pastore battista, Yung Hka Khindi, 20 anni, e un altro uomo. Fucilati dall’esercito birmano dopo essere stati torturati e usati per settimane come scudi umani contro i ribelli indipendentisti del Kachin

Pubblichiamo la quindicesima puntata di “Miserere”, la serie realizzata da Franco Molon e dedicata ai cristiani perseguitati. Dopo i racconti di MegapuraHomsAsomatosRegno UnitoSeekaewTrabzonRoggwillSawaJilibCon CuôngBulakipurKemo, Olasitiuna vicenda accaduta a Nhka Ga, Myanmar (Birmania).

I tre cadaveri giacciono buttati sullo spiazzo davanti alla baracca della chiesa. Nessuno dei cinquantatré abitanti rimasti osa avvicinarsi per timore di essere il prossimo. Le mosche coprono di un nero brulichio i segni delle torture e i fori delle pallottole. Hkaw Duk, l’assistente del pastore battista, il giovane Yung Hka Khin di vent’anni e il vecchio sagrestano vivono nella Gloria di Dio senza doversi più curare di rispondere al capitano su dove siano nascosti i ribelli del Kia.

Alle quattro del pomeriggio un elicottero da combattimento sorvola la vallata in appoggio alla colonna di camion che porta truppe di rinforzo al villaggio. Il rumore delle pale sveglia il comandante della guarnigione che, uscito sulla piazza, si accorge che nessuno ha ancora fatto pulizia. L’ufficiale, irritato, sbraita un ordine ai primi soldati che gli capitano a tiro i quali, a loro volta, prendono un contadino di passaggio e lo costringono a sgomberare i corpi dei fucilati.

Ne Maung cerca di sottrarsi al compito, protesta che da solo non può farcela, che ha bisogno, almeno, di un aiuto e di un carretto per portare via i cadaveri. I militari non sentono ragioni, deve farlo adesso, subito, da solo; sempre che non voglia diventare il quarto. L’uomo si sottomette e inizia dal più giovane; prova a trascinarlo per le caviglie ma il corpo è in pieno rigor mortis e la cosa si complica. I soldati urlano di sbrigarsi e uno di loro gli sferra un calcio per sottolineare l’urgenza. Il contadino allora si china e tenta di sollevare il cadavere, punta un ginocchio a terra, infila le braccia sotto la nuca e sotto il bacino e si rialza barcollando.

Una volta tiratosi in piedi con fatica, Ne Maung sente il morto diventare improvvisamente leggero come un soffio di vento. Quattro compaesani sono accorsi ad aiutarlo, senza che lui se ne accorgesse, e stanno ora sostenendo il peso di quel fardello al suo posto. Nessuno di loro osa guardare gli altri negli occhi, tutti stanno in silenzio, con il capo chino sulle spoglie. I militari lasciano fare, indifferenti.

Dai margini del villaggio un uomo si avanza spingendo un carretto a mano; alcune donne lo seguono portando secchi d’acqua e stracci. Il piccolo corteo raggiunge lo spiazzo e gli uomini coricano i resti di Yung Hka Khin sul carro; subito le donne gli si fanno intorno e prendono a lavarlo con i panni bagnati. Poi è la volta di Hkaw Duk e del sagrestano di essere deposti sul pianale. Un ragazzino raccoglie due pezzi di legno e li appoggia, in forma di croce, sopra i cadaveri.

In poco tempo tutti gli abitanti del villaggio si radunano intorno al feretro. I soldati, preoccupati, parlottano tra di loro su come comportarsi e poi decidono di lasciar fare e non intervenire. I giovani del paese iniziano a spingere e tirare il carretto in direzione del piccolo cimitero. Le donne continuano a fare il loro pietoso lavoro camminando al fianco del biroccio. Tutti vogliono posare almeno una mano sui bordi del carro funebre improvvisato. Nessuno parla, nessuno piange, solo i rumori della natura e il cigolio delle ruote riempiono l’aria.

Il corteo imbocca la stretta via che conduce al fondovalle e al camposanto fino a quando si imbatte nella testa della colonna di camion militari che sta risalendo verso la guarnigione. Il tenente che guida la colonna grida di dare strada ma non c’è spazio e i contadini rimangono fermi intorno ai loro morti. L’ufficiale si spazientisce, scende dal mezzo, urla di tornare indietro poi prende la mitraglietta e spara raffiche rabbiose sopra la testa degli abitanti del villaggio che si spaventano e scappano alla rinfusa verso il paese. Il carretto rimane abbandonato sulla strada. Il muso del camion lo spinge nella scarpata.

3 ottobre 2013 – Tre abitanti del villaggio di Nhka Ga (distretto di Putao, a nord della regione di Kachin, Myanmar) vengono uccisi, dopo torture, da soldati del 137esimo battaglione di fanteria dell’esercito birmano. Sono Hkaw Duk, assistente del pastore battista, Yung Hka Khindi di vent’anni e un terzo uomo non identificato. I tre, insieme agli altri 53 abitanti del villaggio, vengono usati per settimane come scudi umani contro i ribelli del Kachin Indipendence Army (Kia). L’episodio si iscrive nel più ampio scenario di una guerra per l’indipendenza della regione dove fattori etnici si mescolano a fattori religiosi. Il 98 per cento della popolazione del Kachin è infatti cristiana, cattolica o battista.

Il video, pubblicato dall’organizzazione protestante Christian Far East Ministry, documenta alcuni episodi della guerra del Kachin durante la quale più di 100 mila civili cristiani sono stati deportati e migliaia sono stati uccisi dall’esercito birmano.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.