Google+

Mina, Celentano e Venditti: tris di uscite natalizie

dicembre 9, 2011 Carlo Candiani

Tocca alle voci storiche del panorama italiano proporsi al pubblico come valido regalo natalizio. Mina e Celentano sembrano tornati ai fasti di un tempo, i loro lavori sono davvero di qualità. Rimane un po’ indietro invece Venditti: il suo Unica è piatto negli arrangiamenti e nelle idee

Premessa: in questa rubrica abbiamo più volte affermato che da tempo non si ascoltano più grandi canzoni capaci di travalicare le generazioni e di diventare “cult” nell’immaginario collettivo. Le cause sono molteplici: un inadeguato ricambio di artisti capaci di coinvolgere pubblici vasti, interpreti lasciati alla deriva da autori mediocri, incapacità cronica di sostenere il canto con arrangiamenti dozzinali e piatti. E’ in questo desolante quadro che si barcamenano i “dinosauri” della canzone italiana, siano essi i puri interpreti o i cantautori, che arrivano tutti dai fasti della produzione degli anni 60 ,70 e in parte 80. Così spesso e volentieri gli album licenziati durano nelle attenzioni degli ascoltatori lo spazio del mattino e non accontentano più neppure i fan incalliti: non meraviglia quindi la riproposizione ostentata del catalogo del passato, magari pure remoto, attraverso live e compilation, che riescono a resuscitare un po’ di emozione. Il successo della recente tourneè di Dalla e De Gregori, nella quale il duo riproponeva il climax di Banana Republic della fine degli anni 70 ne è la inconfutabile prova. Va da se che il giudizio espresso di seguito risenta delle premesse appena ribadite. 

 

Natale, tempo di strenne regalo, di piacere personale e di piccole soddisfazioni nella ricerca di qualcosa che rimanga nella memoria: occasione quindi per l’asfittico mercato discografico di offrire prodotti che possano intrigare la platea dei (pochi) compratori di musica. Tante le uscite a ridosso dei giorni di festa: molte compilation e sempre più coraggiose raccolte di inediti, con il rischio del flop dietro l’angolo. Lasciamo perdere Laura Pausini e Tiziano Ferro, fenomeni più per capacità di marketing che per vera e propria storia musicale, meritano attenzione le proposte nuove di zecca di Celentano, Mina e Venditti.

 

Mina si ripresenta con Piccolino, lussureggiante lavoro, elegantemente arrangiato senza ridondanze, giusto per esaltare una prova decisamente maiuscola nelle evoluzioni canore dell’immensa interprete che si conferma, per l’ennesima volta, la migliore del panorama italiano, e non solo. L’artista settantenne, che continua a non cedere a lusinghe televisive, ritrova lo smalto e la freschezza dei giorni migliori, aiutata da una scelta di brani in gran parte azzeccati, blues e ballate pop sopraffini, dramma e cabaret, derive anglofone e ritmi sudamericani, firmati da una schiera di autori famosi di recente affermazione, dimenticati dai cassetti della memoria e improvvisamente ripescati. Un album che piacerà anche ai più giovani.

 

 

Lo stesso entusiasmo non possiamo riporlo in Unica, il nuovo cd di Antonello Venditti, che continua a proporre prodotti anonimi, mai all’altezza dei suoi lavori migliori, che rimangono relegati agli anni 70. Al cantautore romano, titolare di una voce passionale e appassionata, non basta l’alibi della sensibilità ai temi sociali o a una sincera ricerca di spiritualità, nel segno di un cristianesimo sociale che si mischia ai messaggi dell’antico socialismo marxista; le sue nuove canzoni rimangono a un livello compositivo mediocre, sostenute da un tappeto di arrangiamenti piatto e scontato (che dire dell’ormai tradizionale e piuttosto scontato intervento finale del sax di Gato Barbieri?). Canzoni d’amore “stile Moccia”, un sincero bozzetto sul dramma degli immigrati sulle “carrette del mare”, una dedica canora a Santa Cecilia, un inno ideologicamente sproporzionato sulla protesta degli studenti universitari anti-Gelmini e un ennesimo brano satirico sulla vicenda umana e politica di Berlusconi (tra l’altro con un sapore un po’ anacronistico). Caro Antonello, ci sei simpatico, per ragioni che riguardano la tua umanità e godiamo ancora della tua produzione cantautorale dei 70, ma ora facciamo fatica ad ascoltare per intero un tuo album. Scusaci.

 

 

Chi invece, questa volta ci convince, è il mitico Adriano Celentano, che licenzia un album finalmente divertente, in cui alterna sapientemente brani “old-style” , nella pura e classica ballata pop all’italiana della quale è inarrivabile interprete, con gli inevitabili brani a “rischio sermone”, proposti, fortunatamente, con leggerezza e ottimi arrangiamenti caldi e profondi. Titolo: Facciamo finta che sia vero. Il pool che aiuta l’ex Molleggiato ad arrivare fino in fondo con soddisfazione vede schierati Lorenzo Jovanotti, Franco Battiato, Manu Chao, Nicola Piovani, Giuliano Sangiorgi, Raphael Gualazzi: una squadra che garantisce varietà e sicurezza a un Celentano che ritrova una voce divertita e convinta. Unica pecca, l’ultima canzone, completamente lasciata all’estro compositivo di Adriano, che ne approfitta per ammanirci il ritorno del Celentano “predicatore”, dall’alto del suo conto in banca, con il consunto vestito di Joan Lui. Qualcuno gli dica che di Gaber ne è nato uno solo.  

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana