Google+

Milano. Abbiamo ancora una settimana per sfruttare l’occasione

giugno 13, 2016 Emanuele Boffi

Con Beppe Sala sembrava non esserci partita, poi è spuntato un candidato che ha saputo tenere insieme un centrodestra disilluso

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Quando qualche mese fa si iniziò a parlare della candidatura di Beppe Sala a sindaco di Milano, pareva non esserci storia. Matteo Renzi aveva fatto bingo e tanti saluti a tutti. Persona perbene, reduce dal successo di Expo, un profilo non di sinistra adatto ad attrarre il voto moderato, il neo-renziano Sala aveva l’immagine adatta per rassicurare una città delusa dall’esperienza arancione di Giuliano Pisapia.

Poi è spuntato Stefano Parisi che, in poco tempo, con una campagna non urlata nei toni ma decisa nei contenuti, ha recuperato quei consensi che – noi pensiamo a causa di una motivata disillusione – s’indirizzavano verso Sala o verso l’astensione. Ed ora eccoci qui, a un punto percentuale di distacco a giocare una partita apertissima.

Cosa ci piaccia di Parisi l’abbiamo detto e scritto: è un liberale e un garantista autentico, ha già dimostrato di saper far correre la macchina pubblica, è laico ma non laicista, vuole «rigenerare la politica», come dice lui, e non semplicemente e comodamente adagiarsi sulla recriminazione e sulle piagnucolose ninne-nanne anticasta. Per noi, è il massimo. Ma, ci sia consentito dirlo, è il massimo anche per questa Italia un po’ sbrindellata, come anche certi segnali di questo primo turno di amministrative hanno evidenziato. E non stiamo parlando solo dell’astensione (che è cresciuta ancora), ma anche di situazioni come quella di Napoli dove si premia un sindaco che ne ha combinate di tutti i colori, e da pm e da primo cittadino.

Un’alternativa c’è e, dove si presenta, è premiata dagli elettori. Dalla Venezia di Brugnaro alla Napoli di Lettieri fino a Milano, solo il centrodestra unito sa andare oltre il proprio perimetro tradizionale. Abbiamo una settimana per sfruttare l’occasione.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download