Google+

Mijatovic andrà alla guerra?

aprile 7, 1999 Perrone Roberto

Sport über alles

Calciatori, vil razza dannata, calci, sputi e colpi di testa, come diceva il compagno Sollier, pugno chiuso in un’altra epoca. Calciatori che sanno solo articolare: “Ringrazio il mister, il massaggiatore, i compagni”. Calciatori in fuga dalla sintassi su un congiuntivo traballante. Calciatori viziati, incapaci di muoversi nella vita di tutti i giorni, quella che tocca a noi: conti, piccoli tamponamenti, improbabili assemblee di condominio, miserie quotidiane. I calciatori sono anche tutto questo, ma non solo. Per esempio, in questi giorni di follia, bisognerebbe ascoltarli. Tra i tanti, bisognerebbe seguire quello che dicono i calciatori (ma più in generale anche gli atleti) serbi. Le loro nazionali sono sempre state tra le più forti al mondo; lo sport, in quel paese, ha sempre conquistato medaglie soprattutto con le squadre. Sono duri, perfino sgradevoli, dal nostro punto di vista di occidentali parolai e politicamente corretti. Ha detto Predrag Mijatovic, attaccante del Real Madrid (quello che ha battuto la Juve nella finale di Champion League ’98): “Gli albanesi nel Kosovo sono arrivati trent’anni fa, e sono diventati la maggioranza perché hanno 15 figli a testa. Però la terra è nostra e non la molliamo, se per difenderla ci sarà bisogno della guerra, la faremo”. Un pugno nello stomaco. Questa rubrica non può spiegare chi ha ragione, chi ha torto, né tantomeno rispondere alla domanda epocale: morire per il Kosovo? Vuole solo invitare a riflettere sulle parole di un calciatore jugoslavo strapagato, ma non banale. Saranno brutti, sporchi e cattivi, ma chi pensa di risolvere tutto con qualche migliaio di missili, non li conosce. Questo insegna lo sport, una specie di guerra, con altri mezzi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.