Google+

Mijatovic andrà alla guerra?

aprile 7, 1999 Perrone Roberto

Sport über alles

Calciatori, vil razza dannata, calci, sputi e colpi di testa, come diceva il compagno Sollier, pugno chiuso in un’altra epoca. Calciatori che sanno solo articolare: “Ringrazio il mister, il massaggiatore, i compagni”. Calciatori in fuga dalla sintassi su un congiuntivo traballante. Calciatori viziati, incapaci di muoversi nella vita di tutti i giorni, quella che tocca a noi: conti, piccoli tamponamenti, improbabili assemblee di condominio, miserie quotidiane. I calciatori sono anche tutto questo, ma non solo. Per esempio, in questi giorni di follia, bisognerebbe ascoltarli. Tra i tanti, bisognerebbe seguire quello che dicono i calciatori (ma più in generale anche gli atleti) serbi. Le loro nazionali sono sempre state tra le più forti al mondo; lo sport, in quel paese, ha sempre conquistato medaglie soprattutto con le squadre. Sono duri, perfino sgradevoli, dal nostro punto di vista di occidentali parolai e politicamente corretti. Ha detto Predrag Mijatovic, attaccante del Real Madrid (quello che ha battuto la Juve nella finale di Champion League ’98): “Gli albanesi nel Kosovo sono arrivati trent’anni fa, e sono diventati la maggioranza perché hanno 15 figli a testa. Però la terra è nostra e non la molliamo, se per difenderla ci sarà bisogno della guerra, la faremo”. Un pugno nello stomaco. Questa rubrica non può spiegare chi ha ragione, chi ha torto, né tantomeno rispondere alla domanda epocale: morire per il Kosovo? Vuole solo invitare a riflettere sulle parole di un calciatore jugoslavo strapagato, ma non banale. Saranno brutti, sporchi e cattivi, ma chi pensa di risolvere tutto con qualche migliaio di missili, non li conosce. Questo insegna lo sport, una specie di guerra, con altri mezzi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana