Google+

Mijatovic andrà alla guerra?

aprile 7, 1999 Perrone Roberto

Sport über alles

Calciatori, vil razza dannata, calci, sputi e colpi di testa, come diceva il compagno Sollier, pugno chiuso in un’altra epoca. Calciatori che sanno solo articolare: “Ringrazio il mister, il massaggiatore, i compagni”. Calciatori in fuga dalla sintassi su un congiuntivo traballante. Calciatori viziati, incapaci di muoversi nella vita di tutti i giorni, quella che tocca a noi: conti, piccoli tamponamenti, improbabili assemblee di condominio, miserie quotidiane. I calciatori sono anche tutto questo, ma non solo. Per esempio, in questi giorni di follia, bisognerebbe ascoltarli. Tra i tanti, bisognerebbe seguire quello che dicono i calciatori (ma più in generale anche gli atleti) serbi. Le loro nazionali sono sempre state tra le più forti al mondo; lo sport, in quel paese, ha sempre conquistato medaglie soprattutto con le squadre. Sono duri, perfino sgradevoli, dal nostro punto di vista di occidentali parolai e politicamente corretti. Ha detto Predrag Mijatovic, attaccante del Real Madrid (quello che ha battuto la Juve nella finale di Champion League ’98): “Gli albanesi nel Kosovo sono arrivati trent’anni fa, e sono diventati la maggioranza perché hanno 15 figli a testa. Però la terra è nostra e non la molliamo, se per difenderla ci sarà bisogno della guerra, la faremo”. Un pugno nello stomaco. Questa rubrica non può spiegare chi ha ragione, chi ha torto, né tantomeno rispondere alla domanda epocale: morire per il Kosovo? Vuole solo invitare a riflettere sulle parole di un calciatore jugoslavo strapagato, ma non banale. Saranno brutti, sporchi e cattivi, ma chi pensa di risolvere tutto con qualche migliaio di missili, non li conosce. Questo insegna lo sport, una specie di guerra, con altri mezzi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi