Google+

Migranti, termina dopo due anni il piano di solidarietà dell’Ue. Com’è andata? Malissimo

settembre 27, 2017 Leone Grotti

Dovevano essere prelevati da Italia e Grecia 98 mila migranti: ne sono partiti 29 mila (neanche il 30%). Malta ha rispettato i patti, disastro Germania e Francia

migranti ansa

Solo nel 2015 sono entrati in Unione Europea più di un milione di migranti e la maggior parte di loro è sbarcata in Italia e Grecia. Per far fronte alle disperate richieste di aiuto di Roma e Atene, l’Unione Europea si è mossa, promettendo comprensione e solidarietà. Dopo estenuanti trattative i Ventotto hanno raggiunto un accordo facoltativo nel settembre del 2015 con il quale si impegnavano a redistribuire tra tutti i paesi dell’Ue 160 mila migranti. La soglia è stata poi abbassata a marzo del 2016 a 98 mila migranti. Di questi, 35 mila dovevano provenire dall’Italia e 63 mila dalla Grecia. Lo scorso 26 settembre, il piano di redistribuzione è ufficialmente terminato e si può così misurare in modo oggettivo la solidarietà di Bruxelles. Due anni fa il presidente della Commissione Europea, Jean-Claude Juncker, disse: «Non abbandoneremo Italia e Grecia». È andata così? Purtroppo no.

NEANCHE IL 30 PER CENTO. Solo 29 mila migranti su 98 mila sono stati effettivamente trasferiti da Italia e Grecia, neanche il 30 per cento della quota prefissata. Dall’Italia in particolare sono partiti verso altri lidi europei 8.450 rifugiati (il 24 per cento della quota), dalla Grecia 19.240 (il 30). L’unico paese europeo che ha effettivamente accolto tutti i migranti che gli erano stati assegnati dall’Ue in base a criteri prestabiliti, anzi ne ha presi addirittura di più, è Malta: doveva riceverne 131, ha aperto le porte a 148. Anche Norvegia, Svizzera e Liechtenstein, pur non essendo paesi membri dell’Ue, ma facendo parte dello spazio Schengen, hanno deciso di accogliere rispettivamente 1.509, 1.217 e 10 migranti. Tanto di cappello.

GRUPPO DI VISEGRAD. Tutti gli altri Stati sono venuti meno ai patti e non hanno fatto quanto potevano e dovevano. In particolare il cosiddetto Gruppo di Visegrad (formato da Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria) ha chiuso le porte per ragioni di principio: di conseguenza Ungheria e Polonia, che dovevano rispettivamente accogliere 1.294 e 6.182 migranti, non ne hanno preso neanche uno, la Repubblica Ceca ha accolto invece 12 persone su 2.691 e la Slovacchia 16 su 902. Una procedura di infrazione è stata aperta nei loro confronti.

MALE FRANCIA E GERMANIA. Anche quei paesi che si sono dichiarati a favore della solidarietà per ragioni umanitarie hanno però tradito la fiducia di Italia e Grecia. La Francia, in particolare, ha accolto solo il 23 per cento dei migranti previsti. Il presidente Emmanuel Macron ieri è tornato a parlare di Europa unita dal pulpito della Sorbona di Parigi e della «sfida a lungo termine della crisi migratoria», promettendo accoglienza e solidarietà, ma si è dimenticato di ricordare che Parigi ha accolto solo 4.468 migranti sui 19.714 previsti. Anche la nobile Svezia ne ha presi solo 2.294 su 3.766, mentre la generosa Germania ha aperto le porte a 8.287 sui 27.536 promessi.

migranti-ue-paesi-tabella

DISUNIONE EUROPEA. Non tutti i migranti erano idonei alla redistribuzione. Solo siriani, iracheni, yemeniti ed eritrei potevano essere prelevati da Italia e Grecia. Bisogna ricordare inoltre che in alcuni casi i piani sono stati scombinati da problemi diversi dalla mancanza di volontà degli Stati membri, come la lentezza nelle procedure burocratiche, la difficoltà a registrare i migranti da parte dei paesi ospitanti o il rifiuto da parte dei rifugiati di partire per altri paesi europei. In generale, però, è innegabile che fin quando si tratta di parlare di accoglienza e solidarietà, tutti sgomitano per prendere la parola e farsi belli, quando invece arriva il momento di passare dalla teoria ai fatti l’Unione Europa si mostra per quello che è davvero: una comunità affatto unita.

ALTRO CHE CRITICHE A TRUMP. Ci si chiede allora con quale coraggio leader rispettabili come Angela Merkel o lo stesso Macron si lancino in accuse e reprimende nei confronti del loro omologo americano, Donald Trump, quando questi dice di voler costruire un muro al confine con il Messico o giura di cacciare tutti gli immigrati irregolari dagli Stati Uniti o ancora emana i suoi stigmatizzatissimi “Travel Ban” o rovina i progetti dei “dreamers”. Invece che criticare a parole il leader repubblicano, Francia e Germania potrebbero cominciare a comportarsi in modo diverso e più encomiabile a casa loro. A predicare bene e razzolare male infatti non ci si fa mai una bella figura.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download