Google+

Mi sono messo a pagare la Tari online. Per colpa del Comune, ho finito per rimpiangere la coda alle poste

settembre 17, 2014 Leone Grotti

La Tassa sui rifiuti poteva anche essere pagata comodamente da casa con l’home banking. Peccato per quel piccolo errore del Comune di Milano

modello-f24-compilabileCome tutti i milanesi, anch’io tornando dalle ferie estive ho trovato nella buchetta delle lettere la missiva del Comune di Milano, che mi informava di una nuova tassa da pagare: la Tari. In realtà, ho scoperto leggendo la puntigliosa lettera, non è proprio nuova, essendo la vecchia tassa sui rifiuti. Ha solo cambiato nome: da Tares a Tari, così come la Tares aveva a suo tempo preso il posto della Tarsu.

Dopo aver storto il naso dando uno sguardo alla voce “Saldo finale”, mi sono dedicato alla sezione “Modalità di pagamento”, esaltandomi alla scoperta che non avrei per forza dovuto perdere ore in fila a uno sportello postale ma avrei potuto pagare comodamente da casa collegandomi al sito dell’Agenzia delle Entrate, e compilando l’apposito modulo online, oppure con l’home banking. Scadenza: 16 settembre a mezzanotte, cioè ieri.

Così, non essendo sadico e avendo scartato l’ipotesi delle poste, ieri mi sono messo di buon grado davanti al computer per pagare l’imposta. Verso le 11 di sera accendo il portatile, pronto a seguire le istruzioni per il pagamento contenute nella lettera. Uno strano gusto esotico mi spinge ad entrare nel sito dell’Agenzia delle Entrate e mi perdo. Apro una ventina di pagine senza costrutto, mi faccio attrarre dalla sezione “Cosa devi fare” ma non cavo un ragno dal buco.

Inizio a lamentarmi e mia moglie mi ricorda, non senza farmela pesare un po’, che abbiamo l’home banking. Riacquisto fiducia ed entro nella mia pagina personale. Apro in un baleno la sezione dedicata al pagamento degli F24 e apro un “nuovo F24”. Mi ritrovo davanti a un modulo diverso rispetto a quello che mi ha mandato il Comune. Panico. Mi affido immediatamente a Google e dopo una rapida ricerca scopro che mi è stato inviato il nuovo “F24 semplificato” e non il vecchio “F24”.

Mi scappa un grido di gioia alla vista della parola “semplificato” e mi ributto nella compilazione con rinnovato ardore. Mi accorgo ben presto che il modulo “semplificato” non è proprio semplicissimo: bisogna inserire nell’ordine “sezione”, “codice tributo”, “codice ente”, scegliere tra “ravv.”, “immob. variati”, “Acc”, e “saldo”. Poi inserire “Rateazione/mese di rif.”, “Anno di riferim.” e l’importo a debito. Last but not least, il codice identificativo dell’operazione di 18 cifre.

Per fortuna che il modulo F24 che il Comune mi ha inviato a casa è tutto già pre-compilato. Grazie Pisapia, penso. Inserisco i dati, controllo tre o quattro volte perché non si sa mai, e do il via all’operazione annunciando a mia moglie che ho “già” finito. Lei si gira e vede il terrore dipinto nei miei occhi: avevo appena visto un pop-up comparire sullo schermo “Errore”. Non mi perdo d’animo, convinto di aver sbagliato un dato. Rifaccio tutto da capo ma il risultato è lo stesso: “Errore”. Guardo l’orologio e mi rendo conto che il tempo passa. Ripeto l’operazione tre volte ma il finale non cambia. Inizio a rimpiangere le poste.

Vado allora sul sito del Comune di Milano per vedere se c’è qualche avviso sulla Tari. Guardo bene l’home page, voce per voce, ma non trovo niente. Disperato, mi affido a Google, ultima ancora di salvezza, dove un blog mi spiega che il modulo F24 semplificato che il Comune mi ha inviato è sbagliato. Mi rimanda a una pagina interna nel sito del Comune, dove mi spiegano tra le tante cose che effettivamente c’è stato un disguido ma che è facilmente risolvibile: basta non barrare una casella al contrario di quanto indicato nella lettera.

Smoccolo contro Pisapia e torno sul mio modulo online, ripeto l’operazione senza barrare la casella. Tutto a posto. Non sono mai stato così felice di spendere soldi, quando nel riepilogo del pagamento vedo un dettaglio che mi distrugge: nel campo “data” c’è scritto 17 settembre. Guardo l’orologio: è mezzanotte e due minuti (00:02). Mia moglie s’incazza. Attendo con timore e tremore il possibile arrivo di una multa.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. mario says:

    Magari non ridursi come sempre all’ultimo no??????

  2. gigione says:

    Carissimo, come Lei molti altri milanesi hanno incontrato le Sue difficoltà e, lungi da me difendere il comune di milano, hanno diversa natura. Tuttavia mi preme dirLe che ciò che il ritardo sull’avviso di pagamento ha diverse conseguenze ma di certo non più “cosi nefaste” come in precedenza. Se volesse chiarimenti maggiori Le chiedo di fissare un appuntamento allo 020202 oggetto: Tari. Carissimo i miei più cari auguri.

  3. Tommaso says:

    Comunque sulla mia lettera c’è scritto acconto e non saldo…non finisce qui…

  4. malta says:

    stato ladro sciopero fiscale subito

  5. Stefano says:

    Condivido quanto scritto da Mario… non è proprio necessario ridursi all’ultimo per eseguire i pagamenti. Quando un adempimento va fatto ENTRO il …, significa ENTRO e che quindi vi è la possibilità di farlo anche con un ragionevole anticipo così da poter ovviare ad eventuali imprevisti che dovessero verificarsi. Questa volta vi è stato un errore del Comune (peraltro ampiamente pubblicizzato da giorni anche sul sito del Comune stesso), ma se alle ore 23 fosse andata via la corrente, o se si fosse rotto il PC, o se fosse venuto un improvviso mal di pancia da dover stare 1 ora in bagno, o se …??!! Bisognerebbe cercare di avere un po’ più di autoresponsabilità prima di dare colpe agli altri.
    E detto questo, non sono certamente uno che difende il Comune di Milano ne’ chi attualmente lo amministra, anzi …

    • Stefano says:

      Ecco, questo infatti e’ l’avviso che compare da giorni sul sito del Comune nell’apposita scheda TARI 2014:

      Modalità di pagamento
      Il Comune invia a casa dei contribuenti che hanno presentato la dichiarazione l’avviso di pagamento del tributo contenente l’evidenza dei conteggi e il modello di pagamento.

      Come si paga TARI
      Il pagamento dovrà essere effettuato con il modello F24, inviato unitamente all’avviso di pagamento.s
      Si richiede di prestare attenzione al fatto che venga correttamente digitato il codice identificativo del pagamento riportato sul modello F24.

      ATTENZIONE

      Si comunica che i sistemi di incasso prevedono un blocco all’inserimento del carattere “X” riportato sul modello F24 alla voce “acconto”.

      Verificata questa anomalia presente sul modello F24 allegato all’avviso TARI, si comunica che il pagamento è validamente effettuato anche se non viene barrata la suddetta casella in sede di pagamento tramite Home Banking o tramite operatore bancario.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download