Google+

«Mi ha scritto un disoccupato disperato. Così l’ho aiutato a ritrovare la sua dignità»

luglio 10, 2013 Paola D'Antuono

Gigi Farioli, primo cittadino di Busto Arsizio, ha risposto alla lettera di un suo concittadino. Gli ha dato una chance e lui ha saputo coglierla

«Quella lettera per me è stata la più grande soddisfazione degli ultimi mesi». Gigi Farioli è sindaco di Busto Arsizio, popoloso comune in provincia di Varese, dal 2006, dopo una lunga esperienza in Regione Lombardia. Qualche giorno fa ha ricevuto una lettera da parte di un suo concittadino sul quotidiano online VareseNews. Domenico Cesaro, 48enne padre di tre figli, ha scritto al sindaco per ringraziarlo: «Sono un disoccupato, uno come tante migliaia, uno che nella società ormai non ha più posto […] Ormai disperato vivevo con il pensiero di chiudere per sempre la mia inutile vita, un ultimo messaggio via email alla segreteria del sindaco, a me fino a quel momento sconosciuta, per chiedere come la mia città potesse permettere tali pensieri ed ecco il miracolo, squilla il mio telefono e qualcuno si accorge di me». Da quel momento la vita del signor Cesaro ricomincia, grazie al sindaco e al suo staff dirigenziale: «Ma non abbiamo fatto nulla di straordinario», racconta Farioli a tempi.it: «Abbiamo solo dato un’opportunità a un nostro cittadino».

Ci racconti cosa è successo.
Questo signore ha mandato l’estremo messaggio di allarme al Comune e io mi sono permesso di segnalare la sua situazione ai miei dirigenti, in particolare al manager Gaetano Spionola, responsabile del Distretto del Commercio, una realtà inventata da noi per promuovere iniziative lavorative sfruttando le leggi regionali. Abbiamo contattato Cesaro e gli abbiamo offerto un’opportunità. Non gli abbiamo cambiato la vita, ma gli abbiamo consentito di recuperare quella dignità che credeva perduta. Grazie ai voucher regionali lo abbiamo coinvolto in attività di utilità sociale, come eliminare le scritte dei writer, gestire i parcheggi durante le manifestazioni culturali e altri piccoli lavori.

Oggi continua a lavorare per il Distretto del Commercio?
Il signor Cesaro è stato bravissimo e ha saputo cogliere l’opportunità, a tal punto che un’azienda che patrocina le amministrazioni comunali per gli eventi estivi ha deciso di assumerlo tempo indeterminato. Cesaro oggi ha recuperato la speranza ma si è anche meritato la sua seconda chance. Ci tengo a precisare che nessuno all’interno del Comune lo conosceva, quello che ha conquistato se l’è ampiamente guadagnato.

Questa storia a lieto fine dimostra che le amministrazioni comunali possono fare qualcosa per i cittadini.
Le amministrazioni comunali non possono fare miracoli ma devono ascoltare e non devono permettere che i gridi d’allarme dei cittadini cadano nel nulla. La lettera del signor Cesaro denuncia una situazione comune a molte persone in Italia in questo momento. Sta alle istituzioni locali non ripiegarsi su se stesse e aiutare i propri cittadini a ritrovare la fiducia. La semplicità del quotidiano può essere straordinaria, ma sta a noi impegnarci per fare tutto il possibile, sfruttando quello che abbiamo, come i voucher di Regione Lombardia, e le associazioni del posto con cui il comune deve fare rete. Mi lascia dire un’ultima cosa?

Prego.
Faccio politica dal 1983, sono stato in Comune dall’85 ininterrottamente, ho lavorato per anni in Regione Lombardia ma l’esperienza più completa e accattivante è sicuramente quella del sindaco. Che oggi è il front office, è l’unica persona che i cittadini, anche a torto, vedono come interlocutore, quasi come un confessore. Il rischio però è che i sindaci si sentano profeti disarmati. La politica romana ha tolto risorse prevalentemente agli enti locali e ha rischiato di far diventare i sindaci dei terminali periferici dell’esattoria centrale. Per questo è necessario che gli amministratori comunali non si limitino a fare le proteste sindacali ma lavorino in nome della sussidiarietà.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. ragnar scrive:

    Provate voi a scrivere una simile lettera a gente come Pisapia e Fassino…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana