Google+

Se le Metamorfosi di Ovidio sono troppo violente per essere spiegate all’università

giugno 2, 2015 Emanuele Boffi

Alcuni studenti della Columbia University hanno chiesto di “marchiare” l’opera, colpevole di indugiare in descrizioni esplicite di stupri e atrocità

Rubens-Death-of-SemeleArticolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) –Lo chiamano “trigger warning” ed è un termine che è stato coniato per indicare quelle immagini che possono suscitare reazioni indesiderate in soggetti che hanno subìto delle violenze. Alcune università statunitensi hanno così deciso di segnalare delle opere letterarie o cinematografiche, esplicitando che in esse sono affrontati temi “sensibili”. Si vuole evitare, ad esempio, che a un universitario che ha subìto un abuso, la visione di un film provochi uno shock.

Così alcuni studenti della Columbia University hanno chiesto di “marchiare” Le Metamorfosi di Ovidio, colpevoli di indugiare in descrizioni esplicite di stupri e atrocità. Secondo il comitato che si occupa di «vigilare sul multiculturalismo dell’università» (sic), il testo contiene, «al pari di molti libri del “canone” occidentale, materiale offensivo e violento che marginalizza le identità degli studenti nella classe».

Il fatto ha generato un certo dibattito in America, dove gli eccessi del politicamente corretto hanno ormai raggiunto vette grottesche. Verrebbe da chiedersi allora come dovremmo comportarci con certe pagine della Bibbia, della Divina Commedia e delle tragedie di Shakespeare. Soprattutto viene da chiedersi cosa ci stiano a fare i professori in classe durante le lezioni, che di quelle opere sono il “filtro” vivente e attuale attraverso cui quegli studenti le apprendono e comprendono. Le idiozie del politicamente corretto prosperano sempre laddove i rapporti umani ed educativi sono ridotti a regole di buon decoro.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. To_NI scrive:

    E’ un mio più grande timore: che le bestie mettono mano a sterilizzare l’arte ( l’Isis la demolisce… ma i nostri sono più “civili”) . Togliere qualche canto dalla Commedia, cancellare il Maometto di Giovanni da Modena, epurare il Coriolano o il Mercante di Shakespeare spingendosi alle quote rosa e, ovviamente, arcobaleno. A costo di ripetermi: Tauriel nel film Hobbit è la quota rosa…. in futuro, in una riedizione del “Signore degli anelli”, Frodo e Sam potrebbero sposarsi.. I film altrimenti sono troppo sessisti (per l’ineffabile Svezia lo sono pure Star War e Pulp Fiction e a Pippi Calzelunghe hanno quasi tagliato le trecce)

  2. sganarello scrive:

    vivete solo di timori. Il buon bardo lo ammazzano già tutti i giorni nella maggiorparte dei teatri. La Commedia …è sempre stata un pò lunghetta…giovanni da modena e i film che ha menzionato…beh possono tranquillamente non esistere. Sono inutile sperpero….

    • EquesFidus scrive:

      Anche i vari Sganarello, veri e pericolosi iconoclasti moderni portanti una non-cultura furiosa e blasfema, possono non esistere; e quindi? Perché il bello deve essere rifiutato e sostituito dal brutto e dall’osceno?

    • To_Ni scrive:

      Che fortuna che esisti. Certo che tante cose possono essere eliminate. E scommetto che per te anche gran parte della materia grigia dentro la scatola cranica è “sperpero”. Ne basta molto di meno per apprezzare un “buco nero”. E a te questo basta.

  3. tomis scrive:

    Ovidio è stato bandito anche dalla Roma antica e probabilmente non a caso. E vero che le Metamorfosi sono un romanzo pornografico e non a tutti piace.

    • To_Ni scrive:

      Ma e i novelli censori il problema non è la pornografia. Anzi, questa l’adotterebbero come libri di testo nella scuola pubblica.

  4. Sebastiano scrive:

    Dopo i libri passeranno alle pitture, e dopo le pitture passeranno alle sculture.
    All’inizio diranno che bisogna “marchiarle”, dopo diranno che possono creare traumi nel “panorama multiculturale” e infine passeranno all’uso del piccone o alle cannonate.
    D’altro canto possono apprendere molto dai barbuti nerovestiti che sul tema stanno lavorando di buona lena. Consiglio uno stage formativo in quel di Siria.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Non è una vettura qualsiasi. La nuova XC40, per Volvo, è la chiave della svolta. Il modello sulle cui spalle poggia la responsabilità di far compiere alla Casa svedese un vero e proprio balzo generazionale, aprendole le porte del segmento delle SUV compatte. Una vettura fondamentale nel processo di rilancio messo in atto dalla cinese […]

L'articolo Volvo XC40: nuovi orizzonti proviene da RED Live.

Tutto è cominciato con il Mokka X, SUV compatto di grande successo con oltre 600.000 unità vendute; poi è stata la volta di Crossland X, crossover urbano più spazioso e versatile, che ha preparato il terreno alla novità Grandland X, SUV compatto da 4,48 metri che punta su linee muscolose e decise (condivide la piattaforma […]

L'articolo Nuovo Opel Grandland X proviene da RED Live.

“Sì, bella la Turbo Levo ma ha poca escursione…” Beh, chi trovava la prima full a pedalata assistita di Specialized non abbastanza “maschia” ora ha di che ricredersi e, magari, sognare a occhi aperti. La nuova Turbo Kenevo FSR, infatti, con i suoi 180 mm di escursione (che peraltro al posteriore hanno il colore giallo […]

L'articolo Nuova Specialized Turbo Kenevo FSR proviene da RED Live.

A Milano settembre è il mese più bello. Anche per pedalare. Il 17 mattina l’hanno pensato in tanti, circa 1.800, schierati alla partenza della prima edizione della GF Milano. Dopo una notte di pioggia, infatti, lo sguardo poteva abbracciare verso nord il profilo innevato delle montagne, nella direzione che avrebbe preso la corsa. Due le […]

L'articolo GF Milano, in gara dalla città al cuore della Brianza proviene da RED Live.

Le righe, si sa, rubano la scena a qualsiasi altro indumento del guardaroba e non tutti se le possono permettere. Ciò che ha fatto Rapha con questa fantasia, protagonista della nuova collezione Cross, è stato scegliere un accostamento di tonalità elegante e, soprattutto, ispirato all’abbigliamento indossato da Jeremy Powers (Rapha-Focus Team) alla conquista del titolo di campione nazionale […]

L'articolo Rapha presenta la nuova collezione Cross proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana