Google+

Se le Metamorfosi di Ovidio sono troppo violente per essere spiegate all’università

giugno 2, 2015 Emanuele Boffi

Alcuni studenti della Columbia University hanno chiesto di “marchiare” l’opera, colpevole di indugiare in descrizioni esplicite di stupri e atrocità

Rubens-Death-of-SemeleArticolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) –Lo chiamano “trigger warning” ed è un termine che è stato coniato per indicare quelle immagini che possono suscitare reazioni indesiderate in soggetti che hanno subìto delle violenze. Alcune università statunitensi hanno così deciso di segnalare delle opere letterarie o cinematografiche, esplicitando che in esse sono affrontati temi “sensibili”. Si vuole evitare, ad esempio, che a un universitario che ha subìto un abuso, la visione di un film provochi uno shock.

Così alcuni studenti della Columbia University hanno chiesto di “marchiare” Le Metamorfosi di Ovidio, colpevoli di indugiare in descrizioni esplicite di stupri e atrocità. Secondo il comitato che si occupa di «vigilare sul multiculturalismo dell’università» (sic), il testo contiene, «al pari di molti libri del “canone” occidentale, materiale offensivo e violento che marginalizza le identità degli studenti nella classe».

Il fatto ha generato un certo dibattito in America, dove gli eccessi del politicamente corretto hanno ormai raggiunto vette grottesche. Verrebbe da chiedersi allora come dovremmo comportarci con certe pagine della Bibbia, della Divina Commedia e delle tragedie di Shakespeare. Soprattutto viene da chiedersi cosa ci stiano a fare i professori in classe durante le lezioni, che di quelle opere sono il “filtro” vivente e attuale attraverso cui quegli studenti le apprendono e comprendono. Le idiozie del politicamente corretto prosperano sempre laddove i rapporti umani ed educativi sono ridotti a regole di buon decoro.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. To_NI scrive:

    E’ un mio più grande timore: che le bestie mettono mano a sterilizzare l’arte ( l’Isis la demolisce… ma i nostri sono più “civili”) . Togliere qualche canto dalla Commedia, cancellare il Maometto di Giovanni da Modena, epurare il Coriolano o il Mercante di Shakespeare spingendosi alle quote rosa e, ovviamente, arcobaleno. A costo di ripetermi: Tauriel nel film Hobbit è la quota rosa…. in futuro, in una riedizione del “Signore degli anelli”, Frodo e Sam potrebbero sposarsi.. I film altrimenti sono troppo sessisti (per l’ineffabile Svezia lo sono pure Star War e Pulp Fiction e a Pippi Calzelunghe hanno quasi tagliato le trecce)

  2. sganarello scrive:

    vivete solo di timori. Il buon bardo lo ammazzano già tutti i giorni nella maggiorparte dei teatri. La Commedia …è sempre stata un pò lunghetta…giovanni da modena e i film che ha menzionato…beh possono tranquillamente non esistere. Sono inutile sperpero….

    • EquesFidus scrive:

      Anche i vari Sganarello, veri e pericolosi iconoclasti moderni portanti una non-cultura furiosa e blasfema, possono non esistere; e quindi? Perché il bello deve essere rifiutato e sostituito dal brutto e dall’osceno?

    • To_Ni scrive:

      Che fortuna che esisti. Certo che tante cose possono essere eliminate. E scommetto che per te anche gran parte della materia grigia dentro la scatola cranica è “sperpero”. Ne basta molto di meno per apprezzare un “buco nero”. E a te questo basta.

  3. tomis scrive:

    Ovidio è stato bandito anche dalla Roma antica e probabilmente non a caso. E vero che le Metamorfosi sono un romanzo pornografico e non a tutti piace.

    • To_Ni scrive:

      Ma e i novelli censori il problema non è la pornografia. Anzi, questa l’adotterebbero come libri di testo nella scuola pubblica.

  4. Sebastiano scrive:

    Dopo i libri passeranno alle pitture, e dopo le pitture passeranno alle sculture.
    All’inizio diranno che bisogna “marchiarle”, dopo diranno che possono creare traumi nel “panorama multiculturale” e infine passeranno all’uso del piccone o alle cannonate.
    D’altro canto possono apprendere molto dai barbuti nerovestiti che sul tema stanno lavorando di buona lena. Consiglio uno stage formativo in quel di Siria.

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

24 cm più lunga della berlina dalla quale deriva, la nuova Hyundai i30 Wagon punta sulla concretezza e la razionalità. Forte di un bagagliaio con una capienza massima di ben 1.650 litri, è costellata di numerosi vani portaoggetti e soluzioni “furbe” che giocano a favore dell’abitabilità. La famigliare coreana, ambiziosa al pari della “sorella” a […]

L'articolo Hyundai i30 Wagon: la guerra dello spazio proviene da RED Live.

Più grande e di conseguenza più spaziosa, la Countryman cambia nel volume (+20 centimetri di lunghezza, +3 di larghezza, +7,5 di passo) ma non nelle proporzioni, che restano equilibrate ed armoniche. All’interno trovano posto cinque passeggeri, non più costretti a stringersi, specie dietro; più che discreta la capacità del bagagliaio, che parte da 450 litri per […]

L'articolo Prova MINI Countryman Cooper SD proviene da RED Live.

Thunder Stroke™ 111: è il cuore che muove la Springfield, un bicilindrico a V da 1.811 cc e 135 Nm di coppia massima. La stazza conta fino a un certo punto e, a fronte di una distribuzione dei pesi ottimale, i 390 kg non fanno paura. Il prezzo, invece, un po' di più: 27.290 euro.

L'articolo Prova Indian Springfield proviene da RED Live.

LIVE Uscire dal seminato, e dagli stereotipi. Ci sono auto ricercate perché “le hanno tutti” e altre che invece offrono un punto di vista differente sul concetto di auto premium. Se siete tra chi cerca qualcosa di diverso, allora potete inserire senza ombra di dubbio Volvo nel carniere dei concessionari da visitare. La casa svedese […]

L'articolo Prova Volvo V60 Cross Country proviene da RED Live.

È arrivato all’EICMA del 2015, come un fulmine a ciel sereno. Allora si chiamava City Adventure ed ebbe tutti gli occhi addosso. Guardandolo si intuiva che non sarebbe stato un concept fine a se stesso. Troppo definiti i dettagli, troppo precise le saldature, troppo belli i cerchi a raggi (con il posteriore da 15 pollici) […]

L'articolo Prova Honda X-ADV proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana