Google+

Quelle mani protese oltre il muro per chiedere la Comunione Foto

aprile 2, 2014 Redazione

Messa del cardinale di Boston, Sean O’Malley, al confine tra Usa e Messico, dove, dal 1998, hanno perso la vita seimila persone: «Piangiamo questi nostri fratelli: siamo qui per riscoprire di essere tutti figli di Dio»

«Il confine tra gli Stati Uniti e il Messico è la nostra Lampedusa». Per questo ieri il cardinale di Boston, Sean O’Malley, assieme ad altri presuli americani ha ricordato i migranti morti lungo quella linea, con una Messa celebrata in Arizona, nella città di Nogales. Tanti i fedeli presenti oltre la palizzata che divide le due nazioni, ma tantissimi erano anche i credenti al di là del muro, che hanno allungato le mani attraverso il cancello verso gli officianti americani al momento della distribuzione della comunione.

SEIMILA MORTI DAL ’98. «Siamo qui oggi per essere vicini e trovare i nostri vicini in ognuna delle persone che soffrono e rischiano le loro vite e, a volte, le perdono nel deserto», ha detto O’Malley, ricordando i più di seimila messicani che, dal ’98 ad oggi, hanno perso la vita nel tentativo di attraversare quella striscia di terra. Con lui c’era anche Eusebio Elizondo, vescovo ausiliare di Seattle, Gerald Kicanas, vescovo di Tucson, John Wester, vescovo di Salt Lake City, Mark Seltz, vescovo di El Paso, Óscar Cantú, vescovo di Las Cruces, Ricardo Martínez, vescovo emerito di Las Cruces, e Luis Zarama, ausiliare di Atlanta. Tutti assieme per far proprie le parole che papa Francesco pronunciò a luglio quando andò in visita a Lampedusa, e denunciò la «globalizzazione dell’indifferenza» che chiude gli occhi del mondo di fronte alle tragedie dei immigrati.

UNA STRAGE DI DONNE, UOMINI E BAMBINI. «Siamo venuti nel deserto dell’Arizona per piangere gli innumerevoli migranti che rischiano la vita affidandola in mano a dei “coyotes” e sfidano le forze della natura per venire negli Stati Uniti», ha spiegato O’Malley durante la celebrazione, aggiungendo come ogni anno lungo quel confine si trovino 400 corpi di uomini, donne e bambini «E sono solo quelli che si ritrovano. L’anno scorso circa 25 mila bambini, la maggior parte centroamericani, sono arrivati negli Stati Uniti senza la compagnia di un adulto. Decine di migliaia di famiglie frantumate dalle leggi sull’immigrazione. Più di 10 milioni di migranti senza documenti sono esposti allo sfruttamento e alla mancanza dei servizi essenziali, oltre al fatto di vivere costantemente nella paura».

“VERSO LE PERIFERIE”. Il cardinale di Boston ha sottolineato come queste persone siano un aiuto per l’economia americana con il loro lavoro, «a volte contribuendo con miliardi di dollari ogni anno per i fondi di sicurezza sociale e dei programmi medici ai quali non avranno mai accesso». Infine, ha richiamato le parole con cui il Papa ha aperto il suo pontificato, ossia l’invito ad “uscire verso le periferie”: «Siamo qui per riscoprire la nostra identità come figli di Dio, e scoprire così chi sono i nostri vicini, chi sono i nostri fratelli e sorelle. Come nazione di immigrati, dovremmo sentire una certa identificazione con altri gruppi di migranti che cercano di entrare nel nostro Paese».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Simone scrive:

    Sarebbe stato un grande Papa anche lui.

  2. michele scrive:

    Agli anticlericali con affetto: questa è la Chiesa.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

Ha riconquistato ciò che un tempo era già suo. La Honda Civic Type R di nuova generazione è tornata al Nürburgring, riprendendosi il record per le vetture a trazione anteriore. Del resto, quello che altri chiamano “l’Inferno verde”, vale a dire la mitica Nordschleife – in tedesco l’anello nord – pista di 20,8 km entrata […]

L'articolo Honda Civic Type R MY17: Regina del Ring proviene da RED Live.

Cittadino, fuoristradista, “agonista”, pratico o “alieno”. Cinque modi d’essere automobilista. Cinque modi d’interpretare SUV e crossover. Ecco 20 modelli che soddisfano ogni gusto e desiderio.

L'articolo SUV e crossover compatte: ecco le migliori 25 proviene da RED Live.

Ebbene sì, è accaduto. Anche il Giaguaro si è spuntato le unghie ed è sceso a compromessi con il downsizing. La rinnovata sportiva F-Type, disponibile in configurazione sia Coupé sia Convertible, verrà dotata di un “piccolo” 4 cilindri 2.0 turbo da 300 cv, destinato ad affiancare i confermati V6 e V8 Supercharged. Turbina twin-scroll Pietra […]

L'articolo Jaguar F-Type 2.0T: la prima volta del 4 cilindri proviene da RED Live.

In mezzo a tante amenità con gli occhi a mandorla, al Salone di Shanghai si possono ammirare anche alcune autentiche perle. Tra queste merita una menzione speciale l’Aston Martin Vantage S Great Britain Edition, una serie speciale tirata in soli cinque esemplari destinati proprio al mercato cinese. Ciascuno sarà venduto a 236.000 sterline, pari a […]

L'articolo Aston Martin Vantage S Great Britain Edition proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana