Google+

Merkel criticata anche in patria. «Cancelliere, ora vogliamo la crescita»

maggio 25, 2012 Leone Grotti

Per ratificare il Fiscal Compact Angela Merkel ha bisogno dei voti dell’opposizione, che dopo un incontro assicura: «Abbiamo chiesta crescita e posti di lavoro. Il blocco del cancelliere è caduto».

Angela Merkel è sotto attacco, non solo da parte dell’Europa, che chiede con insistenza un piano per la crescita e gli eurobond, ma anche in patria. Giovedì il Cancelliere ha incontrato i leader dei partiti tedeschi, compresi i socialdemocratici all’opposizione e i verdi. La richiesta che le è arrivata è semplice: vogliamo un piano europeo che stimoli crescita e crei posti di lavoro. Come riporta il New York Times, il leader dei socialdemocratici Sigmar Gabriel ha dichiarato che, nonostante nessun accordo sia stato preso formalmente, «è chiaro che Merkel e il suo governo si muoveranno in una direzione che soddisfa le nostre richieste di crescita e investimenti. Il blocco del governo su questo punto è caduto».

L’adesione tedesca al Fiscal Compact, il Trattato fiscale approvato in marzo da 25 paesi dell’Unione Europea, e alla creazione dell’Esm (European Stability Mechanism) per aiutare le economie europee, dovrà infatti essere ratificato in Parlamento prima di luglio e Merkel ha bisogno dei voti dell’opposizione. Il ministro delle finanze tedesco, Wolfgang Schauble, si è incontrato nei giorni scorsi con i rappresentanti dei 16 Stati della Germania per assicurarsi che il testo passi senza problemi. Ma dovrà concedere qualcosa. Dopo che un rapporto sull’economia in Germania ha riportato un calo in maggio, Rainer Bruderle, tra i responsabili dei Free Democrats, partito di coalizione insieme a quello di Angela Merkel, ha dichiarato: «Abbiamo bisogno di crescita in Europa, ma la crescita può essere raggiunta solo tramite un accordo e un accordo richiede decisioni rapide». La palla ora torna al cancelliere.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Spot on with this write-up, I truly assume this web site wants rather more consideration. I’ll probably be once more to learn rather more, thanks for that info.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana