Google+

Meno male che Madre Teresa aveva un megaconto allo Ior

novembre 20, 2017 Antonino D'Anna

Significa che poteva aiutare migliaia di disperati; e che lo Ior stava facendo onore alla sua ragione sociale o mission se preferite: finanziare opere di religione.

madre-teresa-calcutta-santa-ansa1

Tratto da Italia Oggi Posso dirlo? A me che Madre Teresa di Calcutta avesse un megaconto allo Ior, l’Istituto per le opere di religione, può solo fare piacere. Perché vuol dire che poteva aiutare migliaia di disperati, prima di tutto; e perché lo Ior stava facendo onore alla sua ragione sociale o mission se preferite: finanziare opere di religione.

«Nessuno si ricorderebbe oggi del buon Samaritano per quello che ha fatto: aveva anche dei soldi», disse Margaret Thatcher che era figlia di un pastore protestante e che s’insediò a Downing Street parafrasando la Preghiera Semplice di San Francesco. Non fa una piega: il Samaritano pagò l’albergo al tizio bastonato raccolto per strada. E non è che nella Palestina di allora i Samaritani fossero molto amati dal resto dei compatrioti. Anzi.

Insomma, il fatto che Madre Teresa avesse un sacco di soldi in banca vale un sano chissenefrega. La diretta interessata viveva in povertà coi suoi poveri; e i soldi le servivano come mezzo, non come fine. Perché se devi costruire un orfanotrofio in Africa servono soldi; per dare da mangiare ai bambini servono soldi; e così per pagare le bollette. Tanti soldi, se sei una congregazione diffusa in tutto il mondo come quella di Madre Teresa. Dove tenerli? Allo Ior in Vaticano che te li fa fruttare perché esiste per questo scopo, o in qualche banca più o meno discussa o fallita fuori dalle Mura Leonine?

E andiamo avanti. I Legionari di Cristo, discussa congregazione cattolica con fondatore pedofilo e commissariamento della Santa Sede alle spalle, mettevano i soldi in un paradiso fiscale. Ma, come nell’intervista a ItaliaOggi del 10 novembre ha spiegato il numero due dell’Ocse, il direttore del centro di politica e amministrazione fiscale Pascal Saint-Amans, il paradiso nasce da lacune normative. Di chi è la colpa? Dei Legionari? E chi paga il personale che lavora per loro?

E che dire dell’Opus Dei, per la quale il successo imprenditoriale e sul lavoro sono benedizioni divine? Che ha ragione: se un devoto di Sant’Escrivà guadagna soldi a palate (ci sono anche quelli che non ne guadagnano a palate, comunque) e ci paga le tasse sopra, può finanziare più opere di beneficenza di quante ne possa finanziare io. Se l’azienda rende bene può pagare meglio i dipendenti e migliorare la loro vita e quella delle loro famiglie. Si chiama bene comune, tema fondamentale della Dottrina Sociale della Chiesa. Già: anche i ricchi vanno in Paradiso, se coi loro soldi aiutano i poveri.

Scusate, ma le docce per i barboni messe in San Pietro con che cosa sono state pagate da Papa Francesco secondo voi? E sapete chi dà i soldi a Jorge Mario Bergoglio? Lo Ior, che fa fruttare i soldi che ha in deposito e gli passa fondi per la carità del Papa. E se gli impiegati vaticani ricevono uno stipendio, sapete chi glielo paga? l’Apsa, l’Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica. Che gestisce il patrimonio immobiliare e i soldi che la Santa Sede ha facendoli fruttare. Aveva proprio ragione l’arcivescovo Paul Marcinkus: «You can’t run the Church on Hail Marys», non puoi mandare avanti la Chiesa a forza di Ave Maria. Perché anche i poveri hanno la bocca: e devono mangiare. Strano ma vero.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Kia Stinger è un’auto che segna per l’azienda coreana un nuovo approccio: 380 cavalli, quattro posti, design e grinta da sportiva. per questo anche le attività di marketing e comunicazione seguono un percorso diverso. Stinger approda in tv con “Wishlist, il metodo Stinger”, una mini-serie di 3 episodi da 30 minuti, in onda sul NOVE la […]

L'articolo Kia Stinger, mini serie per la tv proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.