Google+

Men in Black 3, divertimento a sprazzi per un timido sequel

maggio 31, 2012 Simone Fortunato

 Terzo capitolo della saga con protagonisti i Ghostbusters in nero. Già dopo il debole sequel, uscito nel 2002, si avvertiva una certa stanchezza a livello di sceneggiatura, idee e interpreti e il terzo capitolo non fa certo eccezione. Ricco di effetti speciali all’altezza che rendono bene le creature varie e bizzarre, mostri buoni e meno buoni […]

 Terzo capitolo della saga con protagonisti i Ghostbusters in nero. Già dopo il debole sequel, uscito nel 2002, si avvertiva una certa stanchezza a livello di sceneggiatura, idee e interpreti e il terzo capitolo non fa certo eccezione. Ricco di effetti speciali all’altezza che rendono bene le creature varie e bizzarre, mostri buoni e meno buoni che affollano il mondo, il film, ancora diretto dal regista degli episodi precedenti, il discontinuo Barry Sonnenfeld (La famiglia Addams, Wild Wild West), gioca sul sicuro: la coppia protagonista funziona ancora nonostante siano passati parecchi anni dal titolo apripista e la vecchiaia faccia capolino almeno dalle parti di Tommy Lee Jones. Entrambi funzionano e il feeling rimane intatto anche a distanza di anni: Smith, che anche per lo status di star internazionale acquisito negli anni Duemilan, è indiscusso protagonista, è gigione e simpatico mentre il volto di pietra di Jones è il suo contraltare duro e apparentemente senza sentimenti.

Il carisma c’è e vedere due attori che hanno recitato in film di registro ben diverso, condividere la scena insieme senza calpestarsi i piedi a vicenda è la cosa migliore del film e ricorda allo spettatore tante altre coppie felici del cosiddetto buddy movie all’americana: Nick Nolte e Eddie Murphy di 48 ore, Mel Gibson & Danny Glover di Arma Letale. Anche l’impianto spettacolare è riuscito con un largo uso di effetti speciali e una sceneggiatura che alterna cose buone a cose meno apprezzabili. Certe trovate narrative sono divertenti: non tanto il salto del tempo che non è problematizzato come in altri film tutti giocati sul tempo come Ritorno al futuro e non solo, quanto per alcuni personaggi di contorno come Andy Warhol e il suo ruolo chiave nella Factory o – per chi scrive la cosa più divertente del film – il riferimento nella stanza dei bottoni a Tim Burton.

Non tutto però scorre liscio: c’è molta bizzarria ma anche molta superficialità, molto folklore che lascia il sorriso e poco più. Poco o nulla viene problematizzato o approfondito: il salto indietro nel tempo non apre la narrazione a possibili paradossi temporali, il che sarebbe stato indubbiamente interessante così come il contesto di riferimento, il 1969, è una semplice cornice utile ai fini della narrazione solo per la svolta nel finale. Anche sul piano dei personaggi l’andamento è scostante: il personaggio dell’agente O interpretato da Emma Thompson e il suo corrispettivo “giovane” Alice Eve è poco incisivo nella vicenda anche se il personaggio più debole è paradossalmente quello su cui regista e sceneggiatore hanno puntato di più, la vera novità di Men in Black 3, l’agente K giovane, un Josh Brolin fuori ruolo, rigido e poco divertente e, nella versione italiana, doppiato male. È proprio il suo personaggio, non definito granché dallo sceneggiatore Etan Cohen (lo stesso di Tropic Thunder e Madagascar 2), a essere la zavorra più che il valore aggiunto del film: le schermaglie con Smith sono poca cosa e anche l’affondo sul suo passato, compresa la storia sentimentale, sembra assolutamente non necessario.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi