Google+

Medici, battaglia sul nuovo codice deontologico. Se «eutanasia» diventa «pratiche per la buona morte»

maggio 22, 2014 Redazione

Il testo sarà reso noto domani, ma contiene molti elementi che non piacciono. Gli ordini di Milano, Bologna, Lucca e Massa Carrara studiano i ricorsi

Non è ancora stato presentato, ma è già scontro sul nuovo codice deontologico dei medici, approvato lo scorso 18 maggio a Torino dal Consiglio nazionale della Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurgi e degli odontoiatri (Fnomceo). In particolare, preoccupa l’indiscrezione, trapelata a mezzo stampa, secondo cui nell’articolo 3 il termine «eutanasia» dovrebbe essere stato sostituito con quello di «pratiche per la buona morte». E c’è apprensione tra i medici anche per il contenuto di un altro articolo che potrebbe essere stato modificato, ovvero l’articolo 22 sull’obiezione di coscienza nel caso in cui al medico dovessero essere richieste prestazioni che contrastino con essa o i suoi personali convincimenti, come, per esempio, nel caso dell’aborto.

ATTESI RICORSI AL TAR. Il nuovo codice, che sarà presentato dal presidente della Fnomceo Amedeo Bianco domani, venerdì 23 maggio, data fino alla quale il testo è stato secretato, non ha incontrato l’apprezzamento di alcuni presidenti di Ordini provinciali. Come quelli di Bologna, Lucca e Massa Carrara, che, rende noto l’Ansa, «hanno annunciato l’intenzione di fare ricorso al Tar del Lazio».
Alla base della decisione dell’ordine bolognese c’è il fatto che nel nuovo codice sarebbero stati inseriti argomenti ritenuti estranei al perimetro della deontologia professionale. Tra i quali: il rispetto delle modifiche organizzative decise dai Servizi sanitari regionali o dalle aziende, l’obbligo di avere una assicurazione professionale, la scomparsa della parola eutanasia e le modifiche inserite per le figure dei medici miliari.
«Impugneremo la delibera nazionale e faremo ricorso al Tar del Lazio», ha annunciato il presidente dell’Ordine dei medici di Bologna, Giancarlo Pizza, sottolineando che non è «mai accaduto che un nuovo codice non fosse votato all’unanimità, ma con 10 contrari e 2 astenuti». E ha aggiunto: «Fino alla decisione del Tar, noi applicheremo il vecchio testo del 2006».

“SFUMATURE” SULL’EUTANASIA. L’Ordine dei medici di Milano, il più grande in Italia con 26 mila iscritti, tramite le parole del suo presidente Roberto Carlo Rossi, «sta ancora valutando con i propri legali se e in che modo fare ricorso contro il nuovo codice. Ci sono almeno due punti che riteniamo irricevibili», ha spiegato. «Si tratta di quello sui doveri del medico e la sezione che introduce l’obbligo per i medici di assicurarsi».
Il presidente Bianco, dal canto suo, riferisce l’Ansa, ha già assicurato «azioni di risposta a tutela del nuovo codice» affermando che «le decisioni prese vanno rispettate».
Sul nuovo codice deontologico è intervenuto anche l’ex sottosegretario alla Salute, Adelfio Cardinale, docente emerito di Radiologia e oggi vicepresidente del Consiglio superiore di sanità, che all’Adnkronos ha detto: «Si tratta di un documento di mediazione, la necessaria sintesi su materie delicate su cui è difficile trovare l’unanimità. Ma, ritengo, si siano fatti alcuni passi avanti, seppure alcuni punti avrebbero avuto bisogno di maggiore chiarezza». La mediazione, infatti, secondo Cardinale, ha reso «sfumate dal punto di vista semantico» le indicazioni «sull’eutanasia».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Daniele Ridolfi (Sentinella in Piedi) scrive:

    L’obiezione di coscienza è un diritto sancito dalla Legge italiana, per cui FNOMCEO non può negarlo.
    Sia che la si chiami “eutanasia” sia che la si chiami “pratica di buona morte”, provocare in qualunque modo, attivo o passivo che sia, la morte di un paziente, cozza sia col Giuramento d’Ippocrate sia con le Leggi italiane, per cui FNOMCEO non può usare questi “artifici semantici” per obbligare i medici ad interrompere la vita dei propri pazienti.

  2. giovanni scrive:

    A proposito di eutanasia……..una mia conoscente, mi ha raccontato il calvario della sorella. Dopo aver girato alcuni ospedali per capire la causa dei forti dolori. e nonostante decine di esami tra i più sofisticati,nessuno è riuscito a capire di cosa soffrisse, Tutto questo è durato circa un anno, a gennaio causa dei forti dolori è stata ricoverata al pronto soccorso, il mattino successivo , il primario del reparto dopo aver visionato tutti gli esami, (e anche a causa di una carenza di letti) l’ha fatta trasferire in un piccolo ospedale vicino. Appena ricoverata il medico di turno ha spiegato alla sorella qual’era la terapia, il protocollo prevedeva come primo intervento, “interrompere con dei farmaci, la relazione tra i parenti e l’ammalato” , dopo due giorni le relazioni si sono interrotte definitivamente!!! Nello stesso giorno in sei hanno interrotto le relazioni!!!

    • Ale scrive:

      @Giovanni il tuo sarebbe un modo velato, ma non troppo, per dire che già viene praticata l’eutanasia?? Sono parole pesanti le tue, se così fosse. .ed offensive verso la categoria dei camici bianchi. Uno può essere pro o contro eutanasia..ma questa e’ illegale nel nostro Paese. Scrivere che una persona sofferente e’ stata allontanata dai familiari e che dopo poco i rapporti sono cessati del tutto..fa intendere che la persona sia morta e che la cosa sia quanto meno avvenuta in modo poco chiaro. Io ci andrei piano con certe affermazioni, perché se vere invece di scriverle su Tempi le dovevate depositare in Procura per far aprire un’indagine, se invece false ti assumi la responsabilità di diffamazione se qualche ordine dei medici ti denuncia.

  3. mau scrive:

    Anche morire con dignità, senza accanimento

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana