Google+

Mauro: «Perché ho mandato sotto il Governo sulla riforma del Senato»

maggio 9, 2014 Matteo Rigamonti

«Applicare la riforma del Senato così come è scritta nel testo del governo avrebbe significato accettare incongruenze gravi per una democrazia». Intervista a Mario Mauro

«L’efficienza di una democrazia è in contrasto con la frenesia elettorale». Così Mario Mauro, senatore e presidente dei Popolari per l’Italia, spiega a tempi.it perché in Commissione affari costituzionali al Senato ha deciso di votare l’ordine del giorno Calderoli, ottenendo il rinvio del termine per presentare gli emendamenti alla riforma del Senato al 23 maggio e, conseguentemente, il risultato che nessuna decisione potrà essere presa prima delle elezioni europee del 25 maggio. Per Mauro «è giusto che il Governo faccia il Governo e il Parlamento faccia il Parlamento».

Mauro, il suo voto all’ordine del giorno Calderoli è stato decisivo. Come lo giustifica?
È vero, perché quell’ordine del giorno, che – vale la pena ricordarlo – non contiene tanto le idee di Roberto Calderoli, che all’odg dà solo il nome in qualità di relatore, quanto piuttosto quelle di diversi e autorevoli colleghi sulla riforma del Senato, ha il significato di poterne condizionare lo sviluppo del processo di riforma. Vincolandolo, non solo al teso base del governo, che pure ho votato, ma anche al contenuto della discussione che c’è effettivamente stata in Commissione e dove, trasversalmente ai partiti e con larghissima maggioranza, si è espressa la volontà di andare oltre il testo del governo. Il mio intendimento, dunque, è quello di avere una riforma del Senato che migliori e dia senso a un testo che, purtroppo, appare ancora troppo contraddittorio. Senza il mio voto, la partita in Commissione sarebbe finita 14 pari, e non 15 a 13, e l’ordine del giorno non sarebbe passato. Anche perché il Governo, con una postura onestamente molto arrogante, pretendeva, pur avendo ascoltato il dibattito avvenuto in Commissione, di fare come se quel dibattito non fosse mai avvenuto.

Quali sono a suo parere i limiti del testo presentato dal governo?
Sono quelli che hanno già fatto presente in Commissione i diversi senatori del Pd e che l’altro giorno gli esperti hanno a loro volta hanno ribadito. Si tratta di alcune riserve che saranno poi tradotte in nuovi emendamenti. Sostanzialmente, se si applicasse il progetto di riforma del Senato così com’è stato formulato, ne deriverebbero una serie di rilevanti incongruenze dal punto di vista del funzionamento della democrazia. Per esempio, se si volesse trasformare il Senato semplicemente in una Camera di mediazione delle esigenze dei territori, allora si potrebbe soprassedere al fatto che siano eletti coloro che lo compongono, ma se, invece, il Senato si occuperà ancora di materia di revisione costituzionale, a me sembra indispensabile che l’esercizio del mandato di un senatore debba essere ancorato al principio contenuto nell’articolo 67 della Costituzione («senza vincolo di mandato») e quindi essere eletto. Per quanto riguarda, poi, la modifica del Titolo V, nel momento in cui si varia il rapporto di competenza tra Stato e Regioni, c’è inevitabilmente da ordinare a questo principio diverse parti del dettato costituzionale, così pure come diverse leggi, e ciò deve essere fatto salvaguardando gli equilibri tra i poteri dello Stato. In definitiva, mi sembra del tutto ragionevole prendersi il tempo che serve per ridiscutere e modificare quel testo. Non la vedo affatto come un’umiliazione per il governo. Anzi, sarà una vera e propria valorizzazione del lavoro finora svolto.

Dunque, non è sua intenzione bloccare il processo di riforma del Senato.
Il faro deve essere il superamento del bicameralismo perfetto, ma perché abbia senso il nostro progetto bisogna mantenere un certo tipo di equilibrio tra i poteri dello Stato che conservi la razionalità del testo costituzionale. Dopotutto, stiamo lavorando, se non sbaglio, alla Costituzione, quindi, o prevale la logica dell’esibizione muscolare in vista delle elezioni del 25 maggio, oppure prevale la logica della collaborazione per dare a una nuova generazione una nuova Costituzione. Considerando che, alla fine dei lavori, la presidente Finocchiaro e tutta l’assemblea hanno accettato la mia proposta di fissare i termini per gli emendamenti al 23 maggio, credo proprio che ciò dimostri come tutta questa frenesia di chiudere tutto subito non ci fosse.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

8 Commenti

  1. francesco taddei scrive:

    ma il fatto che il presidente della repubblica, senza essere eletto direttamente, possa nominare 20 senatori, tornando ad essere il monarca dei regni ottocenteschi non interessa a nessuno? poi il signor mauro ignora il fatto storico che l’assenza del vincolo di mandato è la miglior carta da giocare per il trasformismo italiano. ecco l’italia dei popolari e dei moderati, non cambiare nulla per continuare a sfruttare la situazione.

  2. Andrea (Uno Dei Tanti) scrive:

    E’ meglio abolire il senato piuttosto che questo accrocchio sconclusionato salva poltrone.

  3. giovanni scrive:

    Non so dare un giudizio sulle “riforme”, ma sentir dire, dopo anni che si discute, che bisogna “prendersi il ancora il tempo per discutere e modificare…………..francamente mi sembra una presa per il c..o!!!!

  4. Ale scrive:

    Le scelte sono due abolire il senato completamente o ridurlo in numero di componenti ma lasciarlo sempre elettivo. Così come vuole Renzi diventerebbe solo un altro ente inutile dove far andare “raccomandat” non eletti dal popolo per garantire poltrona e soldi.. Poi il titolo V , scusate non me ne intendo, ma vogliono togliere la gestione alle regioni per centralizzare e poi privatizzare e vendere la gestione di acqua, energia, sanità ecc. a Cinesi come hanno fatto in Spagna o Portogallo..dove mi sembra di aver letto che pagano le utenze della loro acqua ai cinesi?! Sono ignorante in questione ma se è così io non vorrei questo.

  5. Controcorrente scrive:

    @
    CARLO GAETANO MARIA MARTINELLI
    QUINDI ANCHE BERLUSCONI
    MAURO INFATTI NON FACEVA PARTE DEL GOVERNO MONTI

    Governo Monti:

    IdV(fino al 16/12/2011), PdL (fino al 6/12/2012), PD, UdC, FLI, ApI, Radicali Italiani, MpA, Fareitalia, PID, PLI, PRI, Liberal Democratici, AdC, PSI,Maie.
    Quindi lei manda a Fan…o tutti.

    • Charlie, alias c.g.m.M. scrive:

      Se lei fa il notaio degli avvenimenti, potrebbe dare l’impressione di aver ragione.
      Se li ricostruiamo no.

      Quando Berlusconi fu messo da parte – novembre 2011, se ricordo bene – moltissimi, io tra questi, speravano che il senatore Monti avrebbe fatto qualcosa di buono per il Paese, che versava in cattive acque.
      Forse non proprio così catastrafiche come c’era la volontà di farci credere, con lo sfacciato utilizzo ad “usum delphini” dell’accreditato SuperMario, delfino del grande vecchio Napolitano, indimenticabile supporter dei macellai dell’Ungheria, nonchè la più alta carica dello Stato italiano.

      Io non ero poi affatto entusiasta del governo Berlusconi, che negli ultimi tempi mi aveva sinceramente deluso.
      Ma ci pensò il luminare della Bocconi con la sua macelleria sociale e rafforzando chi doveva segare a farmi rimpiangere il premier defenestrato.
      Così quando quest’ultimo – finalmente! – tolse l’appoggio a Mario lo squartatore, io esultai.

      Logico che qualunque personalità politica, soprattutto se ben in vista, abbia appoggiato le misure nefande del compagno di merende della Merkel o sia entrato nella sua conventicola abbia le mie antipatie.

      Che mi piace esprimere con la stessa determinazione usata dal senatore trottolino di cui si parla.

  6. giovanni scrive:

    Per quel che mi riguarda Mario Mauro può andare ancora con Mario Monti……………

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana