Google+

Matteoli: «Centrodestra unito e un berlusconiano quarantenne contro Renzi»

febbraio 15, 2017 Giuseppe Alberto Falci

«I partiti dovrebbero tornare sul territorio, come si faceva una volta». No ad Alfano e Verdini. Il prossimo leader tra Toti, Carfagna,Gelmini. Intervista al senatore Matteoli

«Il centrodestra deve ripartire da Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia, se è possibile riportare a casa Quagliariello e Fitto». Da Largo di Fontanella Borghese, dove si trova la sua fondazione, Altero Matteoli, uomo forte di Fi, analizza con il piglio del “federatore” – «l’ho sempre fatto, è nelle mie corde» – il futuro del centrodestra italiano. Seduto alla scrivania con una copia di Tuttosport alla sua destra – «la Juventus è la mia grande passione» – il senatore azzurro, da 34 anni in Parlamento attraversando l’evoluzione della destra missina che è poi transitata nel Pdl di Silvio Berlusconi, conviene che «un’altra Fiuggi non ci sarà perché non ci sono più le condizioni, perché viviamo in un’altra epoca».

Ecco, senatore Matteoli, Gianni Alemanno e Francesco Storace nel prossimo weekend faranno nascere una nuova di cosa di destra, un “polo sovranista” che riunirà Azione nazionale e La Destra. Nel centrodestra italiano ci sarà spazio anche per loro?
Guardi, apprezzo la loro passione politica. Ma in Italia, soprattutto a destra, non c’è certo bisogno di altri movimenti. Semmai ci sarebbe bisogno di tentare di ricompattare la destra. Una cosa che vedo sempre più difficile proprio a causa di queste iniziative. Abbiamo dato un calcio a ciò che avevamo costruito e ritengo che la responsabilità numero uno sia di Gianfranco Fini.

Per quale motivo?
Fini era il leader della destra italiana, che aveva dato vita al partito unico con Fi e Berlusconi. Poi, però, da presidente della Camera ha iniziato a sostenere tesi lontane anni luce dalla tradizione della destra. Mi riferisco, ad esempio, ai temi sull’unione civile. L’incontro con Benedetto Della Vedova lo ha trasformato in un filo-radicale e questo ha innescato un cambio di linea. Non è Fini che è uscito dalla destra, ma Fini è uscito perché non la pensava più come la destra.

Qual è la ricetta per far rinascere il centrodestra e soprattutto per far sì che il fronte moderato torni a guidare il paese?
I partiti dovrebbero tornare sul territorio, come si faceva una volta. Stare a contatto con la gente. Vede, in Forza Italia c’è a mio avviso una carenza di iniziativa politica. Il partito di Berlusconi viene all’azione grazie ad alcuni di noi, che hanno una radicalità territoriale. Ecco perché appartengo a coloro che sostengono la seguente cosa: basta apparizioni televisive. I talk show hanno stufato e anche uno come Bruna Vespa se ne è accorto. Tant’è che ormai si occupa di cronaca e di altro.

In queste ore si parla con insistenza di un riavvicinamento di Angelino Alfano a Silvio Berlusconi. È immaginabile un ritorno dell’ex delfino del Cavaliere nella galassia del centrodestra?
(Scuote la testa, ndr) Il nostro elettorato non lo potrebbe comprendere. Già ha mal sopportato i pochi che sono rientrati. Tutte brave persone, eh. Ma sa, quelli che hanno sparato a zero nei mesi precedenti, con quale faccia tornano nella nostra casa? Tanti di loro hanno sputato nel piatto in cui hanno mangiato. E poi, diciamola tutta, se li facciamo rientrare riconquistiamo i loro dieci voti, ma nel frattempo ne perdiamo venti.

Anche fra gli eredi della Balena Bianca le acque sono più che agitate. Lorenzo Cesa si è separato da Pierferdinando Casini. L’Udc di Cesa potrà dialogare con voi?
Spero faccia una scelta di centrodestra. Nei giorni scorsi ho parlato con Lorenzo e mi ha assicurato che farà parte della nostra coalizione.

E Denis Verdini potrebbe tornare in orbita Forza Italia?
No, no, lo escludo categoricamente. Verdini ha giocato una mano di poker…

Ma chi sarà il leader della coalizione? Sempre l’ex Cavaliere?
Allo stato è lui, Berlusconi, ma allo stesso tempo non è candidabile. Si dovrà attendere la sentenza della Corte di Strasburgo.

Anche sulla leadership sarà opportuno che vi sediate attorno a un tavolo per trovare un piano B?
Sì, si dovrà operare in questa direzione. Di certo, dico “no” alle primarie e al Papa Straniero. Quando il presidente Berlusconi ha puntato su Stefano Parisi, mi sono opposto strenuamente. L’ho criticato in prima persona e continuo a farlo.

Esiste un nuovo Berlusconi?
Se cerchiamo un altro Berlusconi andiamo a ramengo. I fuoriclasse in politica nascono soltanto una volta, sono come i numeri dieci del calcio mondiale. Si ricorda Pelè? Da quarant’anni si continua a parlare della sua classe e dei suoi gesti.

E allora che fare?
Forza Italia ha una classe dirigente autorevole e competitiva. Se Renzi dovesse essere il candidato premier del centrosinistra, anche noi abbiamo un quarantenne da contrapporgli. C’è una generazione all’interno della compagine azzurra che può giocarsela con Renzi.

Si riferisce a Mara Carfagna?
Potrebbe essere lei, certo. Ma ci sono anche Maria Stella Gelmini e Giovanni Toti.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana