Google+

Masterchef, l’edizione dei record pronta al gran finale «ma senza mappazzoni»

febbraio 20, 2013 Paola D'Antuono

Domani sera si conoscerà il vincitore tra Tiziana, Maurizio e Andrea. Dal 26 febbraio casting aperti per la terza edizione del cooking show che ha trasformato tre chef in rockstar

Domani calerà il sipario su Masterchef. Il programma in onda su Sky Uno, giunto alla sua seconda edizione, quest’anno ha fatto registrare numeri da capogiro, con una media di circa un milione di telespettatori incollati allo schermo ogni giovedì sera da due mesi a questa parte. Un risultato senza eguali per il canale satellitare, che con l’accattivante cooking show ha toccato punte del quattro per cento di share.

SUCCESSO. Tutti parlano di Masterchef, dalle tv concorrenti che fanno a gara per ospitare i tre giudici ai vip nostrani, che dichiarano la loro passione del giovedì sera (Tiziano Ferro su tutti). Un risultato da urlo per i vertici di Sky: «Gli ascolti sono parte della nostra felicità», commenta Michela Barbiero, direttrice di Sky Uno, che divide il merito con la produzione del programma, a cura di Magnolia: «Il pubblico si è appassionato a temi che non sono propriamente accattivanti. Abbiamo rischiato, non siamo stati accondiscendenti ma la strategia si è dimostrata vincente» a tal punto che «alcuni meccanismi pensati per il format italiano sono diventati elementi delle altre edizioni internazionali».

CHEF. L’edizione dei record si chiuderà domani, quando Carlo Cracco, Bruno Barbieri e Joe Bastianich pronunceranno il nome del vincitore. A contendersi il titolo l’avvocato Tiziana, il creativo Maurizio e l’informatico Andrea. Uno di loro realizzerà il sogno di pubblicare un libro di ricette e intascherà centomila euro in gettoni d’oro. Ma le vere star di Masterchef sono stati i tre giudici, passati dal ruolo di chef a quello di rockstar: «Io ero già famoso, adesso però non riesco nemmeno a uscire di casa senza essere travolto!». Bruno Barbieri ha voglia di scherzare, ma il suo “mappazzone” è entrato nel linguaggio comune e le sue montature di occhiali dettano legge in fatto di moda. Carlo Cracco, dal canto suo, è ormai un sex symbol e, durante l’incontro con la stampa, molte giornaliste tirano fuori il cellulare per scattargli qualche foto ricordo. Lo hanno accusato di essere il più cattivo fra i tre, ma chef Cracco non ha dubbi: «Sono molto più cattivo di come mi vedete nelle cucine di Masterchef. È venuto fuori solo il dieci per cento della mia cattiveria». Joe Bastianich è attualmente impegnato a Los Angeles sul set di Masterchef Usa, ma interviene telefonicamente facendo il verso alla celebre imitazione che Crozza fa del suo personaggio: «Ricordatevi di votare alle elezioni sennò “muoro” e non torno in Italia. Invece vorrei tornare perché nessuno ha la cultura del cibo come voi».

SERIALITA’. Nel frattempo, a poche ore dalla finale, è già tempo di presentare le novità: «Il 26 febbraio si apriranno i casting della terza edizione – anticipa Nils Hartmann, direttore delle produzioni originali di Sky – squadra che vince non si cambia, per questo abbiamo chiesto agli chef di rimanere con noi». Confermata anche la squadra tecnica e autoriale: «Gli autori, capitanati di Paola Costa, hanno svolto un lavoro impressionante. Hanno lavorato con un’accuratezza e una complessità pari a quella delle serie televisive. E il risultato lo dimostra». Proprio come le serie tv Masterchef non va in onda in diretta, ma viene girata nei mesi estivi e montata successivamente: «In questo modo riusciamo a costruire un format veramente completo. Il live non ci permetterebbe di ottenere la stessa qualità. Abbiamo migliaia di ore di girato e lavoriamo per sottrazione, per mostrare al pubblico il meglio della puntata». Certo, tenere il segreto sui vincitori non è impresa facile: «Ma riusciamo a mantenere il riserbo minacciando punizioni corporali. Scherzi a parte – spiega Hartmann – i concorrenti sanno che è nell’interesse loro e del programma non rivelare un finale che guasterebbe la sorpresa ai nostri abbonati». Che domani saranno tutti su Sky Uno per scoprire chi vincerà la seconda edizione di Masterchef.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download