Google+

Martin, seminarista iracheno di 24 anni: «Potrei andarmene, ma voglio restare per servire la mia gente»

ottobre 30, 2014 Redazione

Prima di scappare dal suo villaggio a pochi chilometri da Mosul, ha fatto appena a tempo a portare via dalla chiesa il Santissimo Sacramento

«Potrei andarmene facilmente. Ma voglio restare». Detto da un seminarista iracheno di 24 anni, che presto sarà prete e che è stato cacciato ad agosto dalla sua città e dalla sua diocesi dai terroristi islamici, non è poco.

MARTIN BAANI. Martin Baani (foto di Acn), come tanti altri abitanti, non se n’era ancora andato dal villaggio di Karamlesh, a meno di 30 chilometri da Mosul, nonostante l’avanzata dello Stato islamico. Ma quando la notte del 6 agosto sono risuonati per le strade i rumori dei kalashnikov e degli esplosivi, tutti hanno fatto le valigie in fretta e furia.

GLI ULTIMI CRISTIANI. Martin riceve una telefonata da un amico, riporta Acn, e scopre così che la vicina città di Telkaif è caduta nelle mani degli islamisti. Senza pensarci, corre verso la chiesa di san Addai, prende il Santissimo Sacramento, qualche documento ufficiale e si reca dove padre Thabet e altri tre sacerdoti lo stanno aspettando. Sono gli ultimi cristiani a lasciare la città di 10 mila abitanti.

ERBIL. Ora Martin vive nel seminario di san Pietro ad Ankawa, quartiere di Erbil, capitale del Kurdistan, insieme a migliaia di altri profughi. «Fino all’ultimo momento, i Peshmerga ci hanno detto che eravamo al sicuro. Poi abbiamo visto che stavano spostando l’artiglieria alle porte del villaggio e noi abbiamo capito che la situazione stava diventando pericolosa».

«IO RESTO». Nel seminario ci sono altri 27 seminaristi: quasi tutti hanno una fuga nel mezzo della notte da raccontare. Dei 300 mila cristiani rimasti in Iraq, un terzo è sfollato e tanti ormai vogliono andarsene. Non Martin: «La mia famiglia vive in California e potrei andarmene facilmente. Ho anche un visto per l’America per andare a trovarli. Ma voglio restare. Non voglio fuggire davanti a questo problema». Tra pochi mesi Martin diventerà sacerdote e vuole restare per «servire la mia gente. Dobbiamo batterci per i nostri diritti, non dobbiamo essere spaventati».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.