Google+

Marò, l’Italia presenterà ricorso alla Corte suprema indiana

gennaio 14, 2014 Chiara Rizzo

Dopo i tira e molla del governo indiano sulla possibilità o meno di usare una legge che prevede la pena di morte, il nostro Paese si rivolgerà ai giudici indiani che con due sentenze hanno già escluso la pena capitale per Latorre e Girone

L’Italia presenterà un ricorso alla Corte suprema indiana sul caso dei due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, per evitare che venga usata la legge contro la pirateria, il Sua Act, che prevede la condanna a morte e che la polizia Nacional agency of investigation (Nia) vuole invocare nel processo ai due italiani.

COLPO DI SCENA. La decisione italiana arriva dopo un meeting all’interno del governo indiano, che vedeva contrapposte le posizioni del ministro dell’Interno, che sosterebbe la Nia, e quello degli Esteri che ha dato assicurazioni internazionali che invece non si sarebbe mai arrivata alla condanna a morte dei due militari. Quest’ultima posizione, oltre tutto, era stata anche quella della Corte suprema indiana, che aveva in due sentenze del 2013 specificato quali sistemi di norme avrebbero dovuto essere usati per giudicare i due marò, e tra questi non vi è assolutamente il Sua Act. Quest’ultima è infatti una legge speciale, per l’antiterrorismo e il contrasto alla pirateria internazionali, quindi non applicabile al caso dei due fucilieri del battaglione San Marco, che in ogni caso non possono certamente essere trattati alla stregua di terroristi o pirati. Il presidente della commissione Esteri alla Camera, Fabrizio Cicchitto, ha anticipato la possibilità che una delegazione di parlamentari assista alla prossima udienza, prevista il 30 gennaio, del processo a Latorre e Girone. «Ne stiamo parlando. Una missione ha senso se ha valore istituzionale per incontrare le autorità indiane» ha detto Cicchitto, mentre però sono in corso numerosi incontri e colloqui con l’omologo al Senato,Pierferdinando Casini, e con i presidenti della commissione Difesa di entrambe le camere.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.