Google+

Marò: «Addolorati per i due pescatori, ma siamo innocenti»

febbraio 6, 2014 Chiara Rizzo

Massimiliano Latorre e Salvatore Girone: «Siamo cresciuti in città di mare e conosciamo pescatori, noi stessi siamo pescatori. Ci dispiace per la perdita di due vite, ma non ci sentiamo assolutamente responsabili»

«Noi siamo cresciuti in città che affacciano sul mare: due città, Taranto e Bari dove una delle principali attività è la pesca. Conosciamo pescatori, noi stessi siamo pescatori: come militari, come uomini e padri di famiglia, ci dispiace molto della perdita di due vite umane ma non ci sentiamo assolutamente responsabili»: così ha dichiarato stamattina, 6 febbraio, ai microfoni di Rainews24 Massimiliano Latorre uno dei due marò in India, in una delle interviste rilasciate oggi. Quella di essere due assassini, ha proseguito Latorre, «È un’accusa che ci fa molto male, non solo come militari ma anche come genitori e uomini»

«SIAMO DISPIACIUTI MA INNOCENTI». Anche l’altro marò, Salvatore Girone ha ribadito il dolore umano provato per la morte dei due pescatori, ma anche l’innocenza: «Ci dispiace per la perdita di due vite umane, perdita che ci hanno addossato ma di cui non ci sentiamo responsabili. Ci dispiace perché erano due uomini di mare come noi, e dunque è un dispiacere del tutto umano: ma siamo innocenti e non ci sentiamo responsabili».

«IN MISSIONE ANTIPIRATERIA». Latorre ha poi anche replicato all’ipotesi che il governo e la magistratura indiana persegua i due marò con una legge antiterrorismo. «Tutti quanti noi sappiamo quanto sia importante la lotta alla pirateria: ma noi lavoriamo per la Marina e per lo Stato. Se qualcuno ha un’idea diversa non è un problema che ci riguarda» ha detto ribadendo che i due marò si trovavano in missione per conto dello Stato italiano e non erano certo imbarcati sulla Ericalexie come polizia privata.

«GRAZIE NAPOLITANO». Un passaggio dell’intervista è stato dedicato al presidente della Repubblica, che proprio ieri a Strasburgo aveva ricordato il caso dei due marò e ha difeso Latorre e Girone. «Il sostegno degli italiani nei nostri confronti c’è stato fin dall’inizio, ma ora è incontenibile» ha detto Latorre: «Quando vogliamo sappiamo essere uniti, noi italiani. Ringrazio in particolare il presidente Napolitano. È una grande gioia avere il suo pensiero quotidiano e come militari ne siamo riconoscenti».

NIENTE PENA DI MORTE. Secondo indiscrezioni della stampa e degli ambienti diplomatici indiani, ormai è certo che anche il ministero dell’Interno è d’accordo con i colleghi degli Esteri e della Giustiza a non invocare lo spettro della pena di morte sui due fucilieri italiani. Il procuratore generale di New Delhi avrebbe trovato un’escamotage, processare i due militari con il Sua act, la legge sulla pirateria, ma senza applicare l’articolo che prevede la condanna alla pena capitale. Anche questa soluzione non è mai piaciuta all’Italia, che ha sempre ribadito come i due marò non si trovassero in mare perché pirati, ma proprio perché impegnati in un’operazione internazionale antipirateria. Tale concetto è stato ribadito non a caso dal ministro della Difesa Mario Mauro in un’audizione in Parlamento: «la partecipazione italiana a future missioni antipirateria è legata alla positiva soluzione della vicenda giudiziaria dei due marò, che dovrà concludersi con il loro rientro a casa, con onore. La pronuncia della Corte Suprema indiana sulla nostra petizione, il 10 febbraio, avrà una particolare rilevanza sugli scenari futuri. Ci riserviamo pertanto – ha assicurato Mauro – di valutarla con estrema attenzione». A rafforzare questa linea anche il ministro degli Esteri Emma Bonino, che ieri ha così commentato la scelta della procura generale: «I marò non sono terroristi né pirati».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana