Google+

Mario “Rino” Pagotto, il calciatore del Bologna che ha sconfitto i lager nazisti a suon di gol

gennaio 30, 2012 Daniele Ciacci

Il libro di Giuliano Musi, “Pagotto, un calcio anche alla morte”, racconta di Mario Pagotto, terzino del Bologna arrestato dai nazisti l’8 settembre del ’43. Nel lager organizza un torneo di calcio a squadre e riesce a sconfiggere la delegazione dell’Armata russa che gli anticipa il ritorno a casa. La storia di un’incredibile “fuga per la vittoria”.

Il modo più efficace di vivere la Giornata nazionale della memoria è raccontare la storia di chi è sopravvissuto e ha qualcosa da dire ancora oggi. Perché da Auschwitz, dalla fornace più rovente mai esistita, sono uscite storie di coraggio, di speranza e di umanità che meritano di non essere dimenticate. Come quella di Mario “Rino” Pagotto, narrata nel libro di Giuliano Musi “Pagotto, un calcio anche alla morte” (ed. Minerva, pp. 168), calciatore del Bologna sfuggito ai lager nazisti dopo aver battuto in una partita di calcio la squadra dell’Armata russa.

Rino nasce nel 1911 a Fontanafredda, vicino a Udine, da una famiglia povera di contadini. A duecento metri da casa sua corre Corrado Girardengo e il suo mito è il pugile Primo Carnera. Friulano verace, di robusta costituzione, si trasferisce con la famiglia a Pordenone. Qui lavora come ciabattino, e nel frattempo coltiva la sua passione più grande: il calcio. Dai campi dell’oratorio ai campi della giovanile del Pordenone il passo è breve. E ancor più breve è quello verso il Bologna, dove esordisce contro il Genoa il primo dicembre del ’36. Con tanto di vittoria. Sono gli anni del grande Bologna guidato da Arpad Weisz, ungherese trapiantato in Italia, in grado di guidare il terzino in una delle più grandi stagioni calcistiche del Novecento.

Tutto procede al meglio per Rino. Quello stesso anno è a Parigi, dove disputa la finale del Torneo Internazionale dell’Expo Universale. Il Bologna insegna al Chelsea come si gioca a calcio: 4-1 contro i maestri del calcio inglese. Anche la nazionale l’aspetta. A Roma, l’Italia vince contro la Romania: 2-1. Ma siamo nel 1940, e la guerra diventa molto di più di un incubo. Weisz, a causa delle leggi razziali, è costretto a riparare in Olanda. Invano: viene catturato, deportato e ucciso ad Auschwitz con tutta la famiglia.

Nel 1943 Rino viene arruolato nella brigata alpina, ma il suo compito nell’esercito italiano dura poco. Fino all’armistizio dei fascisti con gli Alleati. I tedeschi lo arrestano l’8 settembre e la sua storia procede con una lunga tradotta verso Hohenstein, quindi a Bialystok in Polonia. Lo aspettano i lavori forzati e la fame: in poco meno di sei mesi perde 30 chili. Intanto, il prigioniero “DA8659″ stringe amicizia con altri come lui, che non desiderano che tornare a casa. Uniti dall’amore per l’Italia e per il gioco del calcio. Con l’avanzata dei russi, Pagotto e i suoi amici sono mandati a Odessa. Da lì raggiungono Cernauti, in Ucraina. Il gruppo di amici si è allargato, e adesso sono più di duecento italiani a spostarsi insieme lungo questa peregrinazione. A Cernauti, Pagotto incontra altri calciatori italiani. Insieme mettono in piedi una squadra, il loro campo di allenamento è una spianata polverosa in mezzo alle baracche. I pali delle porte sono segnati dalle giacche a righe dei prigionieri. I galeotti greci, olandesi e belga creano delle proprie rappresentanze, sfidandoli. Ma a vincere sono sempre gli italiani, che diventano presto famosi come “Quelli di Cernauti“.

A Sluzk, dove viene traslocata la squadra, continuano ad allenarsi. Le partite, organizzate ogni settimana, raccolgono tutti i prigionieri attorno al campo, seduti per terra a poca distanza dalla linea del fallo laterale. A Pagotto viene allora in mente un’idea che, da lì a poco, prende forma concreta. Organizza un torneo tra le diverse squadre dei lager, ognuno con la propria selezione di giocatori. Dalle diciotto partite disputate “Quelli di Cernauti” escono imbattuti. Ma la sfida più grande la formazione di Pagotto la deve ancora affrontare. È quella contro la selezione dei migliori giocatori dell’Armata russa. Quella che, a detta dei suoi aguzzini, potrebbe anticipargli il ritorno a casa in caso di vittoria. “Quelli di Cernauti” non si risparmiano e umiliano gli URSS per 6-2. I tedeschi sono di parola e il 18 ottobre 1945 Mario Pagotto può riabbracciare la moglie e i figli. Vivrà fino al 1992: 212 gare con il Bologna, tre scudetti e una presenza in nazionale. Soprattutto, però, una passione che ha sconfitto anche il lager.
twitter: @DanieleCiacci

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana