Google+

Presto l’esercito non sarà più in grado di difendere l’Italia. Mario Mauro: «Tagli insostenibili»

luglio 24, 2013 Redazione

Spesa militare sotto gli standard europei, denuncia il ministro della Difesa. Dal 2003, tagliato un quinto dei finanziamenti, si rischia il «completo default funzionale»

Con gli attuali parametri di spesa le Forze armate italiane rischiano in pochi anni «il completo default funzionale». L’avvertimento è stato lanciato ieri dal ministro della Difesa, Mario Mauro, durante un’audizione in Commissione Difesa della Camera.

DIFESA COMPROMESSA. Qualora non fossero ripristinati livelli di spesa «ragionevoli» in linea con standard Ue, ha dichiarato il ministro della Difesa, verrebbe meno la «capacità di partecipare nei fatti alla politica di difesa europea» da parte dell’Italia. Capacità di spesa, risorse e investimenti per le Forze armate garantiscono la loro capacità operativa. «Nessuno è in grado di prevedere dove e quando dispiegare lo strumento militare», ha aggiunto, ed è quindi «necessario essere sempre pronti». Purtroppo i continui tagli al bilancio, che tra il 2003 e il 2012 ha subito un calo del 19 per cento, hanno compromesso la capacità operativa dell’esercito. «Una condizione insostenibile», che esclude la possibilità di «perseguire quel livello di effettiva prontezza che rappresenta un parametro essenziale» della difesa militare di uno Stato.

RISORSE SOTTO STANDARD UE. «Solo ribilanciando le risorse e quindi ripristinando dei ragionevoli livelli di spesa per l’esercizio delle Forze Armate – ha proseguito Mauro -, potremmo avere uno strumento militare tendenzialmente in linea con i parametri europei». «Negli anni, molto lentamente, questo ci consentirà di aumentare molto le risorse puntando ad attribuire alla voce relativa all’esercizio il 25 per cento del totale delle risorse disponibili. Pur rimanendo, comunque, la spesa italiana al di sotto della media dei paesi dell’Unione si sarà quanto meno avvicinata allo standard europeo». Per ora, ha concluso, uno standard accettabile è ancora un traguardo lontano: «Il continuo depauperamento delle risorse destinate alla difesa rende arduo perseguire quegli obiettivi che invece abbiamo accettato di conseguire insieme agli altri paesi europei».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. francesco taddei says:

    i tagli alle forze militari li ha stabiliti l’ammiraglio di paola e il suo successore mauro li ha portati avanti. però abbiamo speso una paccata di soldi per aerei difettosi perchè ce lo ha imposto la nato(leggi usa). e adesso il ministro si lamenta?

  2. MARCO says:

    un altro esempio di taglio alla spesa pubblica che farà solo danni, eliinare quella spesa strategica significa rinunciare all’aviazione militare – anche se io aquisterei i nuovi aerei russi che sono superiori agli F35 detto senza moralismi di nessun genere

  3. MARZIO says:

    L'”austerità espansiva ” colpisce anche la sicurezza, purtroppo.Sarà difficile per il ministro Mauro ottenere una inversione di tendenza,però ha avuto il grande coraggio di esporre il problema.Uno dei rari Ministri del governo Letta che stimo.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.