Google+

Mario Mauro: «Dopo il voto sarà possibile un’intesa tra Monti e Pdl nel nome del Ppe»

gennaio 17, 2013 Redazione

«Tutti dicono che dopo il voto Monti farà un patto di governo con il Pd? Siamo così sicuri? È tutto davvero così scritto?». Mauro ad Avvenire: «Le fratture di oggi si potranno ricomporre»

«Tutti dicono che dopo il voto Monti farà un patto di governo con il Pd? Siamo così sicuri? È tutto davvero così scritto? Io non escluderei che un confronto vero sulla natura riformista ed europeista del Pdl possa portare a una ricomposizione del rapporto con il Professore. E azzarderei un altro scenario: il Pdl e il Professore potrebbero trovare un’intesa proprio nel nome del Ppe». Lo dice oggi in un’intervista ad Avvenire Mario Mauro, ex Pdl, oggi in corsa con la lista Monti.
Rispetto alle ultime polemiche su una possibile esclusione del partito di Berlusconi dal Ppe, Mauro getta acqua sul fuoco. «Il Ppe non vuole allontanare il Pdl, non vuole metterlo alla porta. Anzi vuole continuare a credere nella sua capacità di rigenerarsi, di capire le ragioni e la forza dell’Europa…». «Dietro la mia scelta per Mario Monti – dice Mauro – non c’è mai stata la volontà di dividere il Pdl dal Ppe. C’è l’esatto contrario. C’è la speranza che il Pdl possa tornare a camminare sulla strada giusta».
I toni accesi della campagna elettorale e il quotidiano scontro fra Berlsuconi e Monti, non incrinano le certezze di Mauro: «È campagna elettorale e i toni sono da campagna elettorale. Dopo il voto cambierà tutto. Le fratture di oggi si potranno ricomporre e il sostegno a Monti potrà tornare a essere prioritario anche per il Pdl che ha sostenuto il Professore per tredici mesi con la stessa responsabilità del Pd. Questa è politica, non fantapolitica. E ora abbiamo il dovere di continuare a spenderci per costruire l’unità dei popolari europei. Certo dei popolari, non dei populisti. Un pdl che vuole bene all’Europa fa solo bene all’Italia».
Per Mauro la strada maestra è «un partito con una visione profondamente europeista. Che non parla di congiure e che invece ammette una sua incapacità di aiutare l’Italia a crescere. Il Pdl deve avere il coraggio di dire “abbiamo fatto errori, anche gravi” e solo la scelta per il governo tecnico guidato da Monti ci ha strappato dalle sabbie mobili».

INTERVISTA AL MATTINO. Mauro parla anche al quotidiano Il Mattino di Napoli al quale sottolinea il fatto di non vedere «tensioni nel Ppe». Del resto, aggiunge, «le ragioni che mi hanno portato ad abbandonare il Pdl sono al cuore del giudizio di molti parlamentari europei del Ppe. Siamo rimasti fedeli agli ideali europeisti che erano alla base dell’ingresso di Forza Italia nel Ppe nel 1998: le riforme liberali e la visione europeista che Berlusconi aveva evocato mettendo De Gasperi al centro della Convention del 1998». «La scorciatoia di indicare come soluzione dei mali italiani un’ipotetica congiura è la peggiore. Sa di nazionalismo, di localismo, di cedimento alle istanze della Lega». Dunque, prosegue, ‘in questo momento Monti appare il candidato unico del Ppe, anche perché non si è ancora capito chi sarà il candidato del Pdl».

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

8 Commenti

  1. Elettore scrive:

    Con Mauro e Albertini

  2. Su Connottu scrive:

    Mi dispiace, ma qualcuno dovrebbe dire a Mauro che Bersani e Monti si sono già messi d’accordo ieri e hanno siglato un patto sia per la campagna elettorare (fronte unico contro il vero nemico B.) sia per il dopo voto. E poi mandarlo da Vendola a spiegare cosa vuol dire più società e meno stato, se ci riesce.
    Monti ci ha fatto capire, a bastonate, come si può essere più europeisti odiando a morte gli italiani.
    Potete tenervelo.

    • Nicola scrive:

      Tutto quello che Monti ci ha fatto capire è stato votato liberamente da LUPI,FARINA,VIGNALI E COMPAGNIA,NESSUNO DI NOI E’ ANDATO A SOLLEVARE IL LORO BRACCIO MENTRE SI VOTAVA: L’ IMU, LA RIFORMA DELLE PENSIONI E TUTTE LE BASTONATE VARIE.
      GRAZIE

      • beppe scrive:

        Povero Mario Mauro…..ma non capisce in che mano si è messo??

        • erpuzzone scrive:

          ci vorrà poco per capirlo per l’appunto dall’accordo post elettorale.

          quello che non capisce mauro è che nessuno mette in dubbio ideali europeisti, la vicenda è piu pragmatica. mettere a tema priporita crescita e/o debito o fiscal compact cosa ha contro ideali europei?anzi. bell’incontro nell agosto 2011 al meeting di rimini con mauro e tremonti che argomentavano a braccetto su necessità eurobond.

      • Charlie scrive:

        Capisco la sua incazzatura.

        Potrei anche essere d’accordo con lei.

        Ma, a questo punto, vuol dare ancora mano libera a Jack lo squartatore, perché finisca la sua opera di
        sventramento dell’Italia ?

        Se un assistente alla fine non collabora più con il chirurgo macellaio, non è meglio stare col primo ?

        Dopo tutto che alternativa si ha ?

        Il secondo tiene sempre in mano la scure per terminare l’opera intrapresa, lui di persona o attraverso un altro suo assistente tritacarni.

  3. francesco taddei scrive:

    magari mauro euroveggente ci crede pure, ma il ppe con il partito popolare di sturzo non c’azzecca niente.

  4. malta scrive:

    Mauro….che ce prendi in giro??? La camera va al PD e a che servirebbe l’intesa col PDL???

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana