Google+

Marino chiude i Fori Imperiali al traffico. Ci voleva un sindaco non romano per fare una follia simile

luglio 29, 2013 Paolo Togni

I sindaci romani più avveduti e intelligenti della sinistra – tra gli ultimi Rutelli e Veltroni – in proposito hanno parlato molto, ma si sono guardati bene dal prendere qualsiasi iniziativa concreta

Tanto tuonò che piovve, o per lo meno sembra che stia per piovere. La sinistra è sempre stata portatrice dell’aspirazione a chiudere la Via dei Fori Imperiali, nata come Via dell’Impero e ribattezzata al cambio di regime. Comprensibile odio verso una realizzazione mussoliniana o desiderio di lasciare il segno nella Roma moderna intestandosi la più grande mutazione coatta dei flussi di traffico? Non si sa, mentre si sa che i sindaci romani più avveduti e intelligenti della sinistra – tra gli ultimi Rutelli e Veltroni – in proposito hanno parlato molto, ma si sono guardati bene dal prendere qualsiasi iniziativa concreta. Ci voleva un sindaco non romano come Ignazio Marino per mettere veramente mano al piccone (o almeno annunziare con decisione di volerlo fare).

Chiunque conosca Roma almeno un po’ sa quanto traffico venga smaltito sull’asse Piazza Venezia-Colosseo, e sa che la comunicazione tra il centro della città e i suoi quadranti meridionali passa quasi tutta per la via di cui parliamo. Chiuderla significa strozzare le comunicazioni e gli scambi interni alla città; e allora i consiglieri del sindaco hanno tirato fuori l’asso dalla manica: non chiudere del tutto l’arteria, ma chiuderla al solo traffico privato. Ritorniamo a sentire questa proposta, ad assaporare un disgustoso sapore di socialismo reale da tempo assente dai nostri palati; l’odio verso tutto ciò che non è controllato dal settore pubblico, l’avversità verso opportunità che non si sono sapute realizzare, che altri hanno colto e stanno utilizzando in modo migliore e più proficuo, l’intolleranza verso la promozione sociale ed economica conquistata col merito.

È proprio su questo versante che passa la divisione in due del popolo italiano: tra chi è lieto di partecipare al duro lavoro per ottenere il progresso e chi non tollera il successo raggiunto con lo sforzo e l’intelligenza. Quando sono i primi a prevalere, determinano anche il degrado dell’intero sistema nazionale. Un esempio: l’orario di apertura dei negozi; ha senso che un commerciante protesti perché il suo esercizio può stare aperto più a lungo o nei giorni di festa? Non dovrebbe l’imprenditore volenteroso desiderare qualunque possibilità di maggiore attività, e quindi di maggiore guadagno? L’orario dei negozi, che sono anche un servizio pubblico, non dovrebbe essere stabilito nel minimo invece che nel massimo?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. massimiliano scrive:

    Che sciocchezze Paolo Togni. Roma è sepolta dal traffico, e deve esserne liberata. Il “disgustoso sapore di socialismo reale” non c’entra un fico secco.
    Per il futuro della mia città, sogno un trasporto pubblico diffuso, efficente, sicuro e pulito.

  2. Giacomo scrive:

    Noto con piacere che non sono l’unico lettore di questo giornale ad osservare quanto, sempre più spesso, vengano attaccate le proposte buone e positive solo per il fatto di promanare dall’area politica del centrosinistra. Mi sembra piuttosto controproducente questo tipo di linea editoriale. Serve solo a farvi perdere lettori e potenziali lettori da un lato, a rimbambire chi non ragiona con la propria testa dall’altro. Avete degli interessi sottesi a queste affermazioni per caso? Insomma, un po’ di buon senso: è molto fruttuoso e non ha colore politico. Certe volte non è la sinistra a portare il male, ma voi a metterglielo in mano. E intanto difendiamo chi ha già 12 (potenziali, ma sempre tanti) anni di carcere da scontare come prospettiva futura.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana