Google+

Marijuana, uso terapeutico. Nuovo studio smonta il mito degli «effetti benefici»

gennaio 13, 2017 Leone Grotti

Una ricerca dell’Accademia nazionale delle scienze americana conferma la dannosità della cannabis

cannabis-ansa

La marijuana fa male e nella stragrande maggioranza dei casi non ha effetti terapeutici come erroneamente si crede. È questo il risultato di una delle ricerche più vaste mai condotte sulla cannabis. Una commissione di 16 scienziati, incaricati dall’Accademia nazionale delle scienze americana, ha esaminato criticamente più di 10 mila studi sulla droga.

USO TERAPEUTICO IMPROPRIO. Uno dei punti principali del rapporto, secondo il professore di Epidemiologia presso l’università della Pennsylvania, Sean Hennessy, membro della commissione, è che «la gente usa la marijuana come medicinale per problemi sui quali, nella maggior parte dei casi, la marijuana non ha alcun effetto benefico», ha dichiarato al Guardian.

SOLO TRE CASI. Secondo lo studio, solo in tre casi ci sarebbero prove sufficienti per dire che i cannabinoidi possono avere effetti terapeutici: «Per ridurre la nausea e il vomito durante la chemioterapia, per alleviare il dolore e ridurre gli spasmi dovuti alla sclerosi multipla», che rappresentano solo una piccola parte dei problemi dati dalla sclerosi. In tutti gli altri molteplici casi è inutile (e anche in questi casi, come ricorda il direttore dell’Istituto Mario Negri, Silvio Garattini, «non ci sono confronti con i farmaci già esistenti che giustifichino la preferenza della cannabis»).

DANNI CONCLAMATI. Confermate invece le controindicazioni sui danni provocati dalla cosiddetta “droga leggera”: guidare sotto l’effetto della cannabis «aumenta il rischio di incidenti stradali», l’uso della marijuana «aumenta il rischio di sviluppare schizofrenia, disturbi di ansia sociale e depressione». Inoltre, la droga porta ad avere pensieri suicidi e nel caso di persone con disordini bipolari fa esplodere i sintomi. E ovviamente dà dipendenza e mette a rischio i figli dei genitori che ne fanno uso.

«SERVONO PIÙ STUDI». Una delle conclusioni dello studio ricalca un altro argomento di Garattini. Servono altri studi: «Se un fenomeno deve essere valutato come farmaco sarebbe bene che la parte relativa agli studi medici fosse più avanzata».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana