Google+

Marie Heurtin. Il dono di sé e la vita piena

marzo 3, 2016 Emanuele Boffi

«Il vero soggetto per me è il fatto che l’essere umano non cresce se non relazionandosi con gli altri, che noi esistiamo solo nel legame con gli altri, non isolati». Intervista al regista Jean-Pierre Améris

marie-heurtin-film

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – «Il film che ho in mente è luminoso», ha detto Jean-Pierre Améris a proposito della sua opera Marie Heurtin, dal buio alla luce. «Voglio raccontare le mani di Marie che toccano gli animali, gli alberi e le facce, movimenti che giungono a diventare l’invenzione di un linguaggio e la storia di una liberazione, di una rinascita». La pellicola è stata inserita dalla Commissione nazionale valutazione film della Cei tra i film consigliati per l’Anno santo della misericordia.

Come le è nata l’idea di un film su Marie Heurtin?
Fin da piccolo, mi ha sempre appassionato la storia di Helen Keller, giovane sorda e cieca americana, conosciuta grazie al film di Arthur Penn, Anna dei miracoli. Dieci anni fa, ho scoperto che nella stessa epoca, alla fine del diciannovesimo secolo, è avvenuta in Francia una storia molto simile con Marie Heurtin e suor Marguerite. Questa storia è straordinaria e, contrariamente a quella di Helen Keller, del tutto dimenticata. Per questo ho voluto ridarle vita e farla conoscere al pubblico di oggi, perché può donare molta speranza.

Che relazioni e quali differenze esistono tra i vostri due film?
Le due storie hanno certamente dei punti in comune: all’inizio la violenza della giovane ragazza sorda e cieca, la fisicità dei loro scambi, la tenacia assoluta dell’educatrice, l’amore che nasce tra loro. Il film di Penn è tratto da una pièce teatrale e io ho cercato di fare un film più aperto sulla scoperta della natura, sul rapporto con il mondo che questa ragazza scopre. Per me, anche lo spettatore deve imparare di nuovo a guardare la bellezza del mondo insieme a Marie. Ho cercato di far partecipare totalmente lo spettatore a questa avventura, fargli sentire le stesse difficoltà e le stesse gioie dei personaggi.

Suor Marguerite insegna a Marie a rapportarsi con un «mondo dove ciò che è vivo passa sotto le dita». Ma anche Marie insegna a Marguerite ad accettare che la debba abbandonare. Infine, nell’ultima scena, Marie parla dell’arrivo di una nuova bambina sorda e cieca, alla quale vuole insegnare ciò che lei ha appreso e spera di «diventare sua amica». C’è dunque un filo che lega le tre figure: educare attraverso l’amore.
Sì, la mia non è solo la storia di una educazione al linguaggio, come ne L’enfant sauvage (in Italia: Il ragazzo selvaggio, 1970) di François Truffaut, che è stato per me certamente un riferimento importante. Tra Marie e la religiosa c’è davvero una storia di scambio: suor Marguerite insegna molte cose a Marie, ma anche Marie insegna molte cose alla religiosa: a guardare il mondo, a vivere una forma di maternità. Il vero soggetto per me è la comunicazione, lo scambio, il fatto che l’essere umano non cresce se non relazionandosi con gli altri, che noi esistiamo solo nel linguaggio e nel legame con gli altri, non isolati. Alla fine, si scopre che Marie insegna a sua volta il linguaggio dei segni ad altre giovani sorde e cieche, come è davvero accaduto nella realtà. La cosa più importante per me è questa nozione di trasmissione, di dono di sé. Mai lasciare le persone soffrire di un handicap nel loro isolamento, bisogna andare loro incontro, aiutarli a vivere una vita piena. Abbiamo tutto da imparare da loro ed è insieme che noi possiamo arricchirci gli uni gli altri.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

Quando un’azienda si permette di dire che la sua forza risiede nell’inventare quello che non esiste ancora e riconsiderare e ridefinire quello che esiste già, i casi sono due: o se la tira o fa molto sul serio e, oggi che la specializzazione nel mondo della MTB è massima, quando un brand mette in campo […]

L'articolo Le nuove gomme Michelin per XC e All Mountain proviene da RED Live.

“Quelle foto lì le facevo alla Bellucci”. Così, spuntando dal nulla, si è rivolto a noi uno strano personaggio sulla settantina, capello mosso bianco e lungo, stile Maurizio Vandelli, nell’incantevole borgo di San Leo, mentre lo staff di RED riprendeva le nostre imponenti americane nel bel mezzo della piazza principale. Non siamo nemmeno riusciti a […]

L'articolo Harley-Davidson, in viaggio lungo la Linea Gotica proviene da RED Live.

Come sarà l’auto del futuro? Davanti a questa domanda non tutti hanno le idee ugualmente chiare ma quelli di Mercedes sono pronti a rispondere senza la minima esitazione, neanche sapessero fare l’oroscopo al mondo automotive osservando proprio la Stella a tre punte. La loro visione ha quattro capisaldi, sintetizzati dalla sigla C.A.S.E.: secondo i vertici […]

L'articolo Mercedes CASE: il futuro parte dalla connettività proviene da RED Live.

Quello di Bridgestone nel mondo olimpico è un viaggio lungo un decennio. La sua partnership con il Comitato Olimpico Internazionale (CIO), annunciata a Tokyo 2014, si prolungherà infatti fino ai Giochi del 2014, passando per le Olimpiadi Invernali di PyeongChang 2018, i Giochi Olimpici di Tokyo 2020, le Olimpiadi invernali a Pechino 2022. Un percorso che il marchio nipponico, produttore […]

L'articolo Bridgestone sogna insieme agli atleti olimpici proviene da RED Live.

È una ribelle per tradizione. In un mondo dove tutto viene racchiuso e catalogato entro rigidi schemi, la nuova Suzuki Swift non tradisce lo spirito del precedente modello e scardina, ancora una volta, l’esistente. Non è infatti una city car, dato che con una lunghezza di 3,84 metri risulta più grande rispetto a una Fiat […]

L'articolo Prova Suzuki Swift 1.0 BoosterJet SHVS proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana