Google+

Marie Heurtin. Il dono di sé e la vita piena

marzo 3, 2016 Emanuele Boffi

«Il vero soggetto per me è il fatto che l’essere umano non cresce se non relazionandosi con gli altri, che noi esistiamo solo nel legame con gli altri, non isolati». Intervista al regista Jean-Pierre Améris

marie-heurtin-film

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – «Il film che ho in mente è luminoso», ha detto Jean-Pierre Améris a proposito della sua opera Marie Heurtin, dal buio alla luce. «Voglio raccontare le mani di Marie che toccano gli animali, gli alberi e le facce, movimenti che giungono a diventare l’invenzione di un linguaggio e la storia di una liberazione, di una rinascita». La pellicola è stata inserita dalla Commissione nazionale valutazione film della Cei tra i film consigliati per l’Anno santo della misericordia.

Come le è nata l’idea di un film su Marie Heurtin?
Fin da piccolo, mi ha sempre appassionato la storia di Helen Keller, giovane sorda e cieca americana, conosciuta grazie al film di Arthur Penn, Anna dei miracoli. Dieci anni fa, ho scoperto che nella stessa epoca, alla fine del diciannovesimo secolo, è avvenuta in Francia una storia molto simile con Marie Heurtin e suor Marguerite. Questa storia è straordinaria e, contrariamente a quella di Helen Keller, del tutto dimenticata. Per questo ho voluto ridarle vita e farla conoscere al pubblico di oggi, perché può donare molta speranza.

Che relazioni e quali differenze esistono tra i vostri due film?
Le due storie hanno certamente dei punti in comune: all’inizio la violenza della giovane ragazza sorda e cieca, la fisicità dei loro scambi, la tenacia assoluta dell’educatrice, l’amore che nasce tra loro. Il film di Penn è tratto da una pièce teatrale e io ho cercato di fare un film più aperto sulla scoperta della natura, sul rapporto con il mondo che questa ragazza scopre. Per me, anche lo spettatore deve imparare di nuovo a guardare la bellezza del mondo insieme a Marie. Ho cercato di far partecipare totalmente lo spettatore a questa avventura, fargli sentire le stesse difficoltà e le stesse gioie dei personaggi.

Suor Marguerite insegna a Marie a rapportarsi con un «mondo dove ciò che è vivo passa sotto le dita». Ma anche Marie insegna a Marguerite ad accettare che la debba abbandonare. Infine, nell’ultima scena, Marie parla dell’arrivo di una nuova bambina sorda e cieca, alla quale vuole insegnare ciò che lei ha appreso e spera di «diventare sua amica». C’è dunque un filo che lega le tre figure: educare attraverso l’amore.
Sì, la mia non è solo la storia di una educazione al linguaggio, come ne L’enfant sauvage (in Italia: Il ragazzo selvaggio, 1970) di François Truffaut, che è stato per me certamente un riferimento importante. Tra Marie e la religiosa c’è davvero una storia di scambio: suor Marguerite insegna molte cose a Marie, ma anche Marie insegna molte cose alla religiosa: a guardare il mondo, a vivere una forma di maternità. Il vero soggetto per me è la comunicazione, lo scambio, il fatto che l’essere umano non cresce se non relazionandosi con gli altri, che noi esistiamo solo nel linguaggio e nel legame con gli altri, non isolati. Alla fine, si scopre che Marie insegna a sua volta il linguaggio dei segni ad altre giovani sorde e cieche, come è davvero accaduto nella realtà. La cosa più importante per me è questa nozione di trasmissione, di dono di sé. Mai lasciare le persone soffrire di un handicap nel loro isolamento, bisogna andare loro incontro, aiutarli a vivere una vita piena. Abbiamo tutto da imparare da loro ed è insieme che noi possiamo arricchirci gli uni gli altri.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta il 2.0 turbo benzina MultiAir da 200 cv dedicato alla berlina di Arese, disponibile solo in abbinamento alla trazione posteriore e al cambio automatico a 8 rapporti. Affianca in gamma il V6 2.9 biturbo da 510 cv e il 2.2 td da 150 o 180 cv. Prezzi da 40.500 euro.

È la versione più potente ed estrema mai realizzata della berlina bavarese. Il V8 4.4 biturbo eroga 600 cv anziché gli originari 560 cv, mentre le sospensioni beneficiano di una taratura decisamente hard. Sarà realizzata in solo 200 esemplari.

Il concept presentato a EICMA lo scorso anno pare proprio destinato a diventare realtà. Honda ne anticipa l’arrivo con un teaser che non svela molto ma che dice tutto

Quello elettrico si somma a quello umano, per garantire orizzonti più ampi e divertimento prolungato. Moterra sarà proposta in due versioni, di cui una con ruote 27+, dedicate a Trail ed Enduro.

Dopo il lancio del Disc Brake Project, nel 2016, ecco prendere forma la prima ruota specifica per freno a disco. Reattività, leggerezza e affidabilità sono gli obiettivi del r&d Campy.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana