Google+

Mantovani: «Questa giustizia può torturare e uccidere senza mai neppure chiedere scusa»

novembre 6, 2015 Redazione

Il politico di Forza Italia ancora in carcere. Ma con un’intervista al Corriere, contrattacca. Il figlio scrive al Giornale. I deputati del partito scrivono a Orlando

mario-mantovani-lombardia-ansa

«Sapere di essere intercettato da 4 anni senza ricevere un avviso di garanzia. Sapere che viene chiesto un arresto che però avviene dopo ben 400 giorni. Sapere che le indagini devono avere un tempo pari a 6 mesi e tuttavia 4 anni scorrono senza essere stato sentito dal magistrato, come invece sono stati sentiti i miei delatori. Sapere di essere in carcere senza un giusto processo. Sapere che questa giustizia può torturare e uccidere senza mai neppure chiedere scusa. Al di là di tutto, ho fiducia nei giudici». Dice così, in un’intervista apparsa oggi sul Corriere della Sera Mario Mantovani, politico di Forza Italia, ex assessore alla Sanità in Lombardia, arrestato il 13 ottobre con l’accusa di turbativa d’asta, abuso d’ufficio, corruzione e concussione.

LA LETTERA DEL FIGLIO. La richiesta di scarcerazione è stata respinta e Mantovani si trova così in custodia cautelare nel terzo raggio del carcere di San Vittore. Ieri sul Giornale è stata pubblicata una lettera di suo figlio Vittorio in cui si racconta il difficile momento che sta vivendo la famiglia. Anche Vittorio si sofferma sull’anomalia della carcerazione preventiva del padre:

Una richiesta d’arresto datata più di un anno fa e che ora è sufficiente per giustificare il carcere per timore di inquinare le prove (quali?), per timore di fuga all’estero (mio padre che fugge all’estero da innocente?), per timore di reiterare il reato (qualora anche per assurdo ci fosse reato, come potrebbe reiterarlo senza più deleghe in giunta regionale?). Ma non voglio soffermarmi su questo. Resta lo sconcerto di una misura assurda sotto gli occhi di tutti, anzi sotto gli occhi di chi vuole vedere.

Alcuni deputati di Forza Italia, primo firmatario Renato Brunetta, hanno presentato un’interpellanza urgente al ministro Andrea Orlando, lamentando l’utilizzo di un provvedimento di custodia cautelare che «non può non sollevare più di un dubbio in merito all’idoneità della misura come extrema ratio».

QUERELO CROZZA. Nell’intervista al Corriere, Mantovani respinge tutte le accuse, in particolare su quella che ha maggiormente colpito per il suo clamore, l’appalto sui dializzati:

«Un’altra bufala che quel pagliaccio di Crozza utilizza per fare satira e per tale ragione sarà querelato. Le cose sono andate così: mi chiama l’assessore al Bilancio, Massimo Garavaglia (leghista, indagato ndr), che stimo molto, e mi segnala le lamentele di un’associazione di volontariato dedita al trasporto malati. Prometto un interessamento anche se poi, trattandosi di una gara di appalto, preferisco soprassedere. Da assessore alla salute non mi sono mai occupato di appalti evitando di incontrare imprenditori privati, ma non ho potuto non incontrare i presidenti delle associazioni, anche perché si tratta di un servizio pubblico. Ho chiamato il direttore dell’Asl limitandomi a pregarlo di esaminare il problema e, solo se possibile, trovare una soluzione legittima. Non mi sono più occupato della questione».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. GD says:

    Probabilmente tutto vero, le carceri sono piene di persone detenute in attesa di giudizio e questo è inumano. Quanto a querelare un comico che fa satira, bah.

  2. Sebastiano says:

    Giullare: personaggio che animava le feste nei castelli e aveva il compito di far ridere il signore e la sua corte. Qualche volta poteva essere irriverente, ma non al punto di rischiare la ghirba o la pagnotta.
    Più o meno come oggi.

  3. Gilberto says:

    I politici quanto non sanno come rispondere minacciano querela. Sono andato a vedermi tutti gli spezzoni di Crozza in cui cita Mantovani, e francamente la vedo dura sporgere querela, perché non fa altro che usare le notizie per far satira punto.

    • Sebastiano says:

      Correggi: nel caso specifico (appalto sui dializzati) “non fa altro che INVENTARSI le notizie”.
      Per far ridere il padrone del vapore e il populino belante, of course.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.