Google+

Manovra da 20 mld: “imposta di solidarietà” e tagli alla politica

agosto 22, 2011 Redazione

Lo ha confermato il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi nell’incontro con gli enti locali sulla manovra bis in corso a Palazzo Chigi. Poi ha aggiunto: «Aggrediremo anche i costi della politica con 14-15 misure». Per Stefano Folli, editorialista del Sole 24 Ore, «Berlusconi sembra aver imboccato la via del realismo»

La voce girava da ieri, negli ambienti della maggioranza, ma senza riscontro concreto. Oggi il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi l’ha confermata, incontrando le Regioni e gli Enti Locali a Palazzo Chigi: nella manovra ci sarà “un’imposta di solidarietà”. Di che si tratta? Di una tassa del 5% sui redditi (e non sul patrimonio) tra i 90 e i 150 mila euro, e del 10% per i redditi superiori ai 150 mila euro. Nessuna eurotassa o patrimoniale, quindi.

Il premier ha anche spiegato che il governo intende varare «una manovra per aggiuntivi 20 miliardi nel 2012 e 25 miliardi nel 2013», e che «aggrediremo anche i costi della politica: 14-15 misure con tagli ai ministeri per 6 miliardi nel 2012 e per 2,5 miliardi nel 2013».

«Aspettate stasera il Consiglio dei ministri, prima facciamo passare le cose»: così il leader della Lega Nord, Umberto Bossi, sull’ipotesi dell’imposta di solidarietà.
E sui tagli alle pensioni, soprattutto quelle più basse, ha assicurato che «passerà la linea della saggezza». Stefano Folli, commentatore del Sole 24 Ore, mostra ottimismo: «Berlusconi sembra aver imboccato la via del realismo. Lo potremo affermare meglio solo dopo che il famoso decreto sarà nero su bianco, pronto alla firma. Fin d’ora però si può dire che il triangolo Quirinale-Palazzo Chigi-Via Nazionale sta operando come mai era successo nel recente passato». Per salvaguardare questo equilibrio precario, è ora necessario che il centrodestra tenga conto degli argomenti delle parti sociali, in primis la questione dello Statuto dei lavori e della libertà di licenziamento.

Riguardo al contributo di solidarietà per ora nessuna reazione da parte di Susanna Camusso, leader di Cgil. Qualche anno fa però il segretario confederale della Cgil Agostino Megale aveva proposto l’applicazione di una tassa di solidarietà per i redditi sopra i 150 mila euro annui a favore dei precari e per finanziare gli ammortizzatori sociali. «Con lo stipendio dei primi 100 top manager italiani si paga l’equivalente della retribuzione annua di 10 mila persone, fra impiegati e operai». E questa mattina il segretario generale della Cgil, in un’intervista all’Unità, ha dichiarato: «Far pagare chi ha più soldi servirebbe al Paese. (…) Quando si dice no alla patrimoniale, si difendono gli interessi di una parte soltanto».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Mario scrive:

    Come’ possibile andare avanti cosi’ fra non molto ci faranno pagare anche lo smog che respiriamo ma gli stipendi non aumentano anzi il rinnovo nel mio caso e’ fermo da 6/7 anni , non e’ cosi’ che si manda avanti un paese, ci vorrebbero stipendi da operai per tutti, voi in primis.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana