Google+

Mali, Nigeria, Algeria, Libia: l’Africa brucia a un passo dal Mediteranneo (e da noi)

gennaio 25, 2013 Leone Grotti

In Nigeria Boko Haram continua a fare attentati, in Mali interviene tutta l’Africa, l’Algeria è stata attaccata, i paesi europei chiedono ai concittadini di andarsene dalla Libia. Dobbiamo preoccuparci?

Mali, Algeria, Libia e Nigeria, per non parlare di Tunisia e Egitto: l’Africa, specie quella del Nord, è in fiamme, attraversata com’è da attentati da parte di gruppi terroristi islamici come Boko Haram, Aqmi, Ansar al-sharia, Ansar Din e jihadisti vari.

NIGERIA. «Se non viene arginato, Boko Haram diventerà una minaccia non solo per la Nigeria, ma per l’Africa occidentale, centrale e ovviamente quella settentrionale». L’allarme è stato lanciato ieri alla Cnn da Goodluck Jonathan, presidente della Nigeria, alle prese dal 2009 con attacchi terroristi non solo a chiese, ma anche a stazioni di polizia ed edifici governativi. La Nigeria, il paese più popoloso dell’Africa, «è pienamente impegnata a collaborare con altri governi amici per assicurarsi che vengano arginati i problemi in Mali» e per questo vi guiderà la missione africana, a cui parteciperà con 900 uomini.

MALI. Non sta meglio, appunto, il Mali. Per impedire che i terroristi islamici, che hanno già conquistato l’intero nord del paese, prendano nelle loro mani anche la capitale e le città del centro e del sud, la Francia è intervenuta con 2.400 soldati sul campo. L’obiettivo è cacciare gli islamisti e Ansar Din dal Mali. Domani «i membri del comitato dei capi di Stato maggiore si incontreranno in una riunione convocata d’urgenza ad Abidjan, in Costa d’Avorio, per fare il punto sul dispiegamento della Missione internazionale di sostegno al Mali (Misma) il cui comando è africano» spiega un comunicato della Cedeao (Comunità economica degli Stati dell’Africa dell’Ovest). L’offensiva francese ha comunque già provocato un attentato terrorista in Algeria, dove i “Fedeli del sangue” guidati da Belmokhtar hanno fatto una rappresaglia sequestrando uno stabilimento della Bp e uccidendo almeno 35 persone.

LIBIA. Anche in Libia la situazione è sempre più difficile. Dopo l’attentato a Bengasi dove ha perso la vita l’ambasciatore Usa, la chiusura delle frontiere con Chad, Niger, Sudan e Algeria per il timore dei terroristi e la dichiarazione del sud del paese come “zona militare“, Olanda, Germania e soprattutto Inghilterra hanno chiesto ai propri connazionali residenti a Bengasi di rientrare in patria. «C’è uno specifico e imminente pericolo di attacco da parte di militanti islamisti dalla vicina Algeria». David Cameron ha anche affermato che Nordafrica è diventato un «magnete per i terroristi». I politici della Libia si sono detti stupiti e hanno tacciato le precauzioni di allarmismo, ma il ministro degli Esteri tedesco Westerwelle ha detto: «L’allarme è stato lanciato a causa di una serie di informazioni. Abbiamo le nostre ragioni ma non voglio entrare nei dettagli per ragioni di sicurezza, che è la cosa più importante». E visto che tutti questi paesi «non sono a 5 mila chilometri di distanza in linea d’aria, in Afghanistan, ma alle porte di casa, a un passo dal Mediterraneo», forse dovremmo cominciare a preoccuparci.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

COSA: BIKE FESTIVAL GARDA TRENTINO, quest’anno dura un giorno in più  DOVE E QUANDO: Riva del Garda, Trento, 28-30 aprire e 1° maggio Tra le più importanti rassegne outdoor del comparto ruote grasse il Bike Festival Garda Trentino quest’anno aggiunge un giorno in più al suo (sempre) ricco programma di iniziative. Eventi speciali, escursioni, gare, test, un […]

L'articolo RED Weekend 28-30 aprile e 1° maggio, idee per muoversi proviene da RED Live.

A volte ritornano. Oltretutto quando meno te lo aspetti. Dopo dodici anni di assenza dal panorama europeo, lo storico marchio inglese MG annuncia il rientro nel Vecchio Continente. Un’operazione che avrà inizio nel 2019 e che vedrà protagonista la cinese Saic, dal 2005 proprietaria del brand. Il successo con le spider negli Anni ‘60 La […]

L'articolo MG, il ritorno in Europa è in salsa cinese proviene da RED Live.

Prenderà il via dall’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola sabato 29 e domenica 30 aprile il Campionato monomarca MINI Challenge 2017, organizzato con il supporto di ACI Sport. Le sei tappe previste, da aprile a ottobre, si correranno sui più celebri circuiti italici e, chi non potrà partecipare o assistere, potrà godersi la visione in streaming su Dplay, la piattaforma on […]

L'articolo MINI Challenge, al via la nuova edizione proviene da RED Live.

Ci sono eventi che arrivano immediatamente ai fasti della cronaca e altri, non meno importanti, che vuoi per casualità, vuoi perché comunicati con meno forza, passano quasi sotto silenzio. Mentre il Salone di Shangai, tuttora in corso, celebra una miriade di modelli e versioni dedicati pressoché esclusivamente al mercato cinese, resta inspiegabilmente in secondo piano […]

L'articolo Jeep Yuntu: l’ora dell’ibrido plug-in proviene da RED Live.

LIVE I mega SUV americani restano un sogno per chi ama il genere: in Europa non ce ne sono molti ma oggi ci si può avvicinare grazie a Ford Edge. È l’ammiraglia dei SUV dell’ovale blu: con 4,81 metri di lunghezza (+ 30 centimetri rispetto alla Kuga) e la seduta a ben 70 centimetri da terra, domina il traffico. […]

L'articolo Prova Ford EDGE Sport 2.0 TdCi proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana