Google+

Mai prendere alla lettera la formula “all you can eat”

aprile 23, 2013 Elisabetta Longo

Lontano dagli occhi, lontano dal cuore e talvolta anche dallo stomaco. Lo dice una ricerca compiuta su quei lunghi e golosi banconi da buffet. Più l’avventore sta a guardarli, più avrà voglia di riempire il piatto che tiene tra le mani. Brian Wansik, ricercatore presso un’università newyorkese, ha studiato come tenersi lontano dalle insidie osservando […]

Lontano dagli occhi, lontano dal cuore e talvolta anche dallo stomaco. Lo dice una ricerca compiuta su quei lunghi e golosi banconi da buffet. Più l’avventore sta a guardarli, più avrà voglia di riempire il piatto che tiene tra le mani. Brian Wansik, ricercatore presso un’università newyorkese, ha studiato come tenersi lontano dalle insidie osservando trecento persone alle prese con 22 diversi “all you can eat” cinesi in tutta l’America, mettendo il relazione l’indice di massa corporea delle persone con quello che mangiavano.

DIMENSIONI DEI PIATTI. Sul risultato finale ha inciso anche il fatto che usassero posate comuni o bacchette per portare il cibo alla bocca. «Più le persone sono magre e più si riempiono il piatto. Chi invece è in sovrappeso tende a titubare parecchio sui cibi da disporre nel piatto, prima di tornare al posto. Ma al tempo stesso chi è più magro prende un piatto da portata più piccolo e più facile da riempire, perché sa che è abituato a mangiare meno. Chi è in sovrappeso invece opta per un piatto più grande, che quindi conterrà più cibo».
Il ricercatore fa anche notare che tutti questi gesti erano compiuti dai commensali senza pensare troppo, come se si trattasse di gesti automatici. Ecco svelato perché chi soggiorna una quindicina di giorni negli Stati Uniti è molto probabile che torni nel Vecchio continente con quasi 4 chili di troppo. Meglio optare per un ristorante normale la prossima volta che andate a New York.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi