Google+

Maestra americana assassinata in un bagno di Abu Dhabi da una donna velata. «Omicidio legato allo Stato islamico?»

dicembre 5, 2014 Redazione

Dopo il tentato omicidio di un cittadino danese in Arabia Saudita, Ibolya Ryan è stata accoltellata negli Emirati Arabi Uniti. L’omicida ha indicato come movente la nazionalità dell’americana

abu-dhabi-omicidio-stato-islamico

Una maestra americana è stata assassinata nei bagni di un centro commerciale ad Abu Dhabi da una donna degli Emirati Arabi Uniti (Eau), la stessa che ha cercato di uccidere anche un dottore americano posizionando una bomba rudimentale davanti alla sua abitazione. Non si tratta appena di due casi di cronaca, per quanto eccezionali in un Paese che fa della sicurezza e della tolleranza verso gli occidentali la sua bandiera. Gli attentati potrebbero essere connessi allo Stato islamico.

L’OMICIDIO. L’1 dicembre, Ibolya Ryan, madre 47enne di tre bambini, maestra d’asilo originaria del Colorado, è stata accoltellata nei bagni di un piccolo centro commerciale, situato alla base di un condominio di Reem Island, appena fuori dal centro di Abu Dhabi. Ad ucciderla è stata una donna sulla trentina completamente velata, che le telecamere del centro hanno ripreso entrare nel bagno e uscire dopo l’assassinio. Secondo la polizia, la stessa donna ha cercato di uccidere un medico americano con una bomba.

«FORSE ATTACCHI COORDINATI». «Stiamo assistendo a una crescita di incidenti potenzialmente collegati allo Stato islamico nei Paesi del Golfo», ha dichiarato al Time Theodore Karasik, consigliere del Risk Insurance Management di Dubai. «Gli occidentali nel Golfo sono probabilmente più vulnerabili di prima e dovrebbero prendere precauzioni nei confronti dell’apparente nuovo modo di condurre attacchi. E potrebbe non trattarsi di cani sciolti ma di operazioni coordinate».

abu-dhabi-omicidio-stato-islamico1ARABIA SAUDITA. I timori dell’esperto non sono campati per aria. Lo Stato islamico ha più volte chiesto di attaccare gli occidentali, responsabili della coalizione che sta bombardando in Siria e Iraq i terroristi. Alla coalizione partecipano anche tutti i paesi del Consiglio di cooperazione del Golfo (Bahrain, Kuwait, Oman, Qatar, Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti). A confermare l’allarme, il tentato assassinio di un cittadino danese, avvenuto il 21 novembre a Riyad, in Arabia Saudita.

STATO ISLAMICO. Se la donna degli Eau che ha assassinato la cittadina americana nel centro commerciale non ha confessato alcun legame con lo Stato islamico, pur dichiarando dopo l’arresto che l’omicidio era motivato solo dalla nazionalità della vittima, nel caso saudita alcuni membri che si dicono appartenenti all’Isil hanno diffuso un video nel quale rivendicano l’assassinio del cittadino danese.

«SONO SCIOCCATO». La nuova possibile strategia dello Stato islamico per diffondere il terrorismo spaventa gli occidentali di Abu Dhabi: «Sono completamente scioccato e sorpreso perché queste cose qui non sono mai accadute. Non mi sono mai sentito minacciato in alcun modo», ha dichiarato al Time Andres Calderon, residente nel condominio dove è avvenuto l’assassinio. «Anzi, spesso lascio la porta di casa aperta o non chiudo l’auto. Il senso di sicurezza qui è sempre stato incredibilmente alto». Le cose ora cominciano a cambiare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Orazio Pecci scrive:

    Che sia stata una donna, poi, è tutto da dimostrare. Sotto quel tendone ci può essere chiunque, è quello il bello del velo integrale.

    • Mappo scrive:

      Orazio, nell’articolo c’è scritto che l’hanno arrestata, immagino che se fosse stata un uomo se ne sarebbero accorti, no?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana