Google+

Madia: «Senza staffetta generazionale, agonia della Pa»

aprile 2, 2014 Chiara Rizzo

Il ministro alla Semplificazione: «Serve processo di riduzione non traumatica di dirigenti e dipendenti vicino alla pensione, per favorire l’ingresso di giovani»

«Se non si fa la staffetta generazionale nella Pa, non ci può essere rinnovamento dell’amministrazione ma solo agonia». Così esordisce davanti le commissioni Lavoro e Affari costituzionali alla Camera il ministro per la Semplificazione Marianna Madia, intervenendo sul tema della riduzione dei dipendenti pubblici (dopo che il commissario alla Spending review Carlo Cottarelli nel suo piano ha indicato 85mila esuberi).

PICCOLO STOP AL PRECARIATO. Madia ha spiegato quale sarebbe la riforma che ha in mente lei: «Un grande progetto di staffetta generazionale, un processo di riduzione non traumatica dei dirigenti e dei dipendenti vicini alla pensione per favorire l’ingresso di giovani». La “staffetta” secondo Madia consentirebbe di raggiungere diversi obiettivi. Il primo che si è posto il ministro è quello di un’iniezione di “aria fresca” nel personale e la riduzione della precarietà nella Pa perché «l’amministrazione non può permettersi e non ha bisogno di alcun blocco delle assunzioni, ma necessita di cambiamento, di rinnovamento e di nuove competenze fresche».

MAGGIORE MOBILITA’ INTERNA. Il secondo obiettivo è che secondo Madia il progetto che propone lavorerebbe anche «su una maggiore mobilità nella Pa. «La mobilità che serve nella Pa deve consentire spostamenti di personale, sia tra i diversi comparti sia tra diversi livelli amministrativi con un conseguente allineamento delle diverse tabelle retributive e degli inquadramenti», tenendo conto che secondo Madia «l’attuale disciplina della mobilità del personale non ha impedito di avere uffici in forte carenza di personale e altri con palesi eccedenze».

SUPERARE LE “DISTORSIONI”. Il terzo obiettivo di Madia è l’introduzione di «un ruolo unico nella dirigenza pubblica», perché «occorre superare certe “distorsioni” oggi presenti, per cui «alle Politiche agricole si guadagna di più che alle Infrastrutture». Madia ha spiegato che «Il ruolo unico ci permetterebbe di raggiungere due importanti obiettivi: mettere ordine nelle retribuzioni e consentire una reale mobilità tra le aree con la rotazione degli incarichi».

LA RAGIONERIA: «SERVONO COPERTURE». Intanto sempre durante un’audizione, stavolta davanti alle commissioni di controllo sull’attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenze sociali, il capo dell’Ispettorato generale per la spesa della Ragioneria di Stato, Francesco Massicci oggi ha spiegato che per realizzare il turn over generazionale nella Pd, servirebbero coperture: «Se mando via persone che devo sostituire devo pagare lo stipendio, la pensione e la buonuscita e la legge deve prevedere una copertura». Massicci ha spiegato però di non poter quantificare più precisamente, prima che non vengano dati numeri più precisi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. francesco taddei scrive:

    la pubblica amministrazione va sforbiciata alla grande, altro che nuove assunzioni! ma che altro può sparare una che come politico non sa quale sia il ministero del lavoro.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana