Google+

Macerata. La grande ferita lasciata dal terremoto: «Chiese inagibili ma la gente vuole la messa»

settembre 5, 2016 Elisabetta Longo

Il terremoto ha colpito duramente le chiese della diocesi di Macerata: tre inagibili, 16 chiuse, 23 inutilizzabili. Intervista a padre Luciano Genga: «Mai sentita una scossa così. Le istituzioni ci aiutino»

macerata-santuario-treia

La diocesi di Macerata è stata tra le più danneggiate dal terremoto del 24 agosto, nonostante i tanti chilometri di lontananza dall’epicentro. Tre chiese sono state dichiarate inagibili per danni ingenti, 16 chiuse per danni verificati, 23 sono per ora inutilizzabili. I crolli parziali non hanno ferito nessuno, ma hanno lasciato comunque una grande ferita: «Dobbiamo tornare a celebrare la messa», dichiara a tempi.it padre Luciano Genga, frate del monastero presso il Santissimo santuario del Crocifisso di Treia: «Vogliamo solo questo: che ci venga fornito al più presto un aiuto per poter celebrare regolarmente le funzioni. È quello che i fedeli ci chiedono». Il santuario di Treia è un punto di riferimento nel maceratese e con esso «è rimasta danneggiata anche la vita della comunità».

Come ha vissuto la notte del 24 agosto?
Nel monastero siamo cinque frati, ci siamo svegliati di soprassalto, non avevo mai sentito in vita mia una scossa del genere. Il mio primo pensiero è andato al grande e prezioso Crocifisso ligneo, risalente al 1400, che rappresenta tre momenti dell’agonia di Cristo e si trova dietro all’altare. Mi sono precipitato a vedere i danni provocati dalla scossa, ma non riuscivo a vedere niente, c’era solo un gran polverone. Purtroppo quando è sorto il sole ci siamo resi conto della gravità dei danni. Il santuario è molto imponente, composto da tre navate e un grande cupolone, e ha registrato danni consistenti, non solo per i massicci distacchi di intonaco, ma anche a livello strutturale. Le verifiche sono tuttora in corso. È rimasta molto danneggiata anche la facciata esterna della chiesa, ricostruita dopo l’incendio del 1902. E già l’intero santuario stava scontando i danni subiti nel terremoto del 1997 che sconvolse le Marche.

L’ultimo sisma è stato più forte?
Non c’è paragone, difficilmente dimenticherò la scossa del 24 agosto. Nel 1997 prestavo servizio nei Vigili del fuoco, non ero ancora diventato frate. Ricordo bene le operazioni di quel periodo, le fasi di verifica delle chiese danneggiate, anche quella del santuario di Treia. Non credevo che mi sarei mai ritrovato in una situazione simile, ma con il saio addosso.

Il sisma ha influenzato la vita della comunità?
Erano già in programma dieci matrimoni, da celebrare nel santuario. Nessuna delle coppie ha voluto rinunciare alla possibilità di sposarsi, quindi abbiamo deciso di celebrare il rito nel nostro giardino. Dopo pochi giorni ci siamo procurati a spese nostre una tensostruttura per recitare la messa quotidianamente. Adesso speriamo che le istituzioni locali ci forniscano un prefabbricato per riprendere la vita quotidiana anche in vista dell’inverno. Le celebrazioni devono svolgersi comunque, perché questo è quanto ci chiede la comunità. Qui il Santissimo santuario non è solo un monumento storico di grande rilievo, è proprio il centro spirituale della vita del territorio. Dobbiamo portare avanti il messaggio di Cristo, è questo il significato della presenza di noi frati qui a Treia.

PER FARE UN’OFFERTA

INTESTAZIONE: PROVINCIA PICENA SAN GIACOMO DELLA MARCA CONVENTO SS. CROCIFISSO
BANCA: BCC FILOTTRANO FILIALE DI TREIA
IBAN: IT90E0854969210000040179080
CAUSALE: “Offerta per il terremoto – chiesa del SS. Crocifisso di Treia

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. Le chiese: come i fedeli. scrive:

    “…«Vogliamo solo questo: che ci venga fornito al più presto un aiuto per poter celebrare regolarmente le funzioni. È quello che i fedeli ci chiedono»…”
    “…Adesso speriamo che le istituzioni locali ci forniscano un prefabbricato per riprendere la vita quotidiana anche in vista dell’inverno. Le celebrazioni devono svolgersi comunque, perché questo è quanto ci chiede la comunità…”

    Ma chi deve fornire l’aiuto? Se ci sono i fedeli sono loro che devono darsi una mossa e mettere mano al portafogli; se i fedeli sono diventati pochi , e gli interessa veramente la MESSA, allora credo che il prefabbricato sia sufficente per la loro gioia.

    P.S. non è che le chiese (edifici) che si sgretolano rispecchiano la disgregazione e il crollo della fede che c’è nella gente?

    • felpa scrive:

      Un ateo che fa il finto preoccupato.

      • Le Chiese: Come I Fedeli. scrive:

        No, sono un fedele e il mio Credo è quello che si recita nelle S. Messe festive dopo la predica.

    • Elisa scrive:

      Ma poi in Vaticano non possono mettere mano al portafogli? Con tutti i soldi che si prendono ogni anno con l’8×1000 non riescono a darci due spiccioli per sistemare un santuario? Purtroppo il terremoto non ha danneggiato solo le chiese dalle mie parti, sono diversi gli edifici pubblici da mettere in sicurezza, a partire da scuole e ospedali.. le istituzioni si occupino di quello!

      • felpa scrive:

        La Cei, che recepisce 8xmille, non è la Santa Sede, ma i vescovi italiani. E comunque l’abbondanza esiste ormai solo nei sogni laicisti.

        • Elisa scrive:

          Chiunque sia a ricevere questi soldi, ce li metta. La Chiesa ha fonti di reddito sufficiente per soddisfare le richieste dei suoi fedeli, tutti devono fare la loro parte.

          • Le Chiese: Come I Fedeli. scrive:

            La Chiesa non ha fonti di reddito, ha le offerte dei fedeli. Sono i fedeli che se hanno a cuore la chiesa bella, antica, grande e monumentale, devono impegnarsi un po di più con il braccino che va alla tasca. E non chiedere alle autorità varie di fare quello che dovrebbero fare loro.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download