Google+

«Ma non era a Montecarlo?»

marzo 24, 2017 Giuseppe Alberto Falci

Battute e ironie per l’arrivo a Montecitorio di Giancarlo Fini in occasione dei 60 anni dei trattati di Roma

Si materializza a Montecitorio come se fosse l’ultimo dei peones. Si accoccola nelle prime file alla sinistra degli scranni riservati alla presidenza. L’occasione è la cerimonia dei 60 anni dei trattati di Roma. Tutti invitati: parlamentari, cariche dello Stato, ex presidente di Camera e Senato. E, dunque, rieccolo. Doppio petto grigio, camicia bianca con i gemelli, cravatta sgargiante, Gianfranco Fini si presenta così. Scoccano le 11 quando uno dei deputati Pd alla prima legislatura vede qualcuno e sbuffa: «Ma non era a Montecarlo?». Un berlusconiano rincara la dose: «Sarebbe stato meglio se fosse rimasto a casa».

Fini attraversa i corridoi del palazzo un tempo da lui presieduto. Incrocia gli sguardi attoniti dei colleghi. Come se nulla fosse. Come se non ci fosse un’indagine in corso. Come se l’orologio fosse rimasto fermo all’estate del 2010 quando appunto si alzò durante una direzione del Pdl e disse al Cavaliere: «Che fai, mi cacci?». Lui se ne infischia e ascolta l’intervento del capo dello Stato Sergio Mattarella.

Maurizio Gasparri, senatore di Fi, un tempo compagno di Fini nell’Msi e in Alleanza nazionale, non perde tempo e cinguetta la sua foto: «Fini come se nulla fosse in aula a Montecitorio a celebrazioni trattati di Roma. Giancarlo Tulliani assente #faccediCorallo». Il tweet si diffonde a macchia d’olio e viene ripreso dal sito Dagospia.

Nel frattempo Mattarella conclude l’intervento. Fini però prima di andare attende l’uscita del Capo dello Stato per una stretta di mano. Nulla di più. Poi attraversa il Transatlantico e saluta Aldo Di Biagio e Massimo Corsaro, gli unici a soffermarsi e a chiedergli «come stai». Accompagnato dai commessi, lascia il palazzo con la solita sigaretta fra le mani.

Ritornerà? Non è dato sapere. Di certo c’è che Maurizio Gasparri è una furia: «Vederlo lì mi ha molto stupito. Con quale faccia di bronzo si presenta in un luogo istituzionale. Doveva starsene a Montecarlo. Deve evitare di uscire da casa».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi