Google+

«Ma non era a Montecarlo?»

marzo 24, 2017 Giuseppe Alberto Falci

Battute e ironie per l’arrivo a Montecitorio di Giancarlo Fini in occasione dei 60 anni dei trattati di Roma

Si materializza a Montecitorio come se fosse l’ultimo dei peones. Si accoccola nelle prime file alla sinistra degli scranni riservati alla presidenza. L’occasione è la cerimonia dei 60 anni dei trattati di Roma. Tutti invitati: parlamentari, cariche dello Stato, ex presidente di Camera e Senato. E, dunque, rieccolo. Doppio petto grigio, camicia bianca con i gemelli, cravatta sgargiante, Gianfranco Fini si presenta così. Scoccano le 11 quando uno dei deputati Pd alla prima legislatura vede qualcuno e sbuffa: «Ma non era a Montecarlo?». Un berlusconiano rincara la dose: «Sarebbe stato meglio se fosse rimasto a casa».

Fini attraversa i corridoi del palazzo un tempo da lui presieduto. Incrocia gli sguardi attoniti dei colleghi. Come se nulla fosse. Come se non ci fosse un’indagine in corso. Come se l’orologio fosse rimasto fermo all’estate del 2010 quando appunto si alzò durante una direzione del Pdl e disse al Cavaliere: «Che fai, mi cacci?». Lui se ne infischia e ascolta l’intervento del capo dello Stato Sergio Mattarella.

Maurizio Gasparri, senatore di Fi, un tempo compagno di Fini nell’Msi e in Alleanza nazionale, non perde tempo e cinguetta la sua foto: «Fini come se nulla fosse in aula a Montecitorio a celebrazioni trattati di Roma. Giancarlo Tulliani assente #faccediCorallo». Il tweet si diffonde a macchia d’olio e viene ripreso dal sito Dagospia.

Nel frattempo Mattarella conclude l’intervento. Fini però prima di andare attende l’uscita del Capo dello Stato per una stretta di mano. Nulla di più. Poi attraversa il Transatlantico e saluta Aldo Di Biagio e Massimo Corsaro, gli unici a soffermarsi e a chiedergli «come stai». Accompagnato dai commessi, lascia il palazzo con la solita sigaretta fra le mani.

Ritornerà? Non è dato sapere. Di certo c’è che Maurizio Gasparri è una furia: «Vederlo lì mi ha molto stupito. Con quale faccia di bronzo si presenta in un luogo istituzionale. Doveva starsene a Montecarlo. Deve evitare di uscire da casa».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana